Torna nella homepage
 
Numero: 5 -Aprile 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 19 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo '" Mi sembrava di stare al parc... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
" Mi sembrava di stare al parco giochi!".
Il percorso dei sensi
di Addolorato Cristina - Didattica Laboratoriale >>> Percorsi laboratoriali
Quest'anno, le insegnanti di classe prima del 196° Circolo, hanno deciso di dedicare ampio spazio allo sviluppo delle capacità sensoriali, così come indicato nel nuovo Curricolo.
Noi insegnanti della classe prima di Angeli della Città abbiamo pensato di raggiungere questo obiettivo anche in psicomotricità, con un " percorso dei sensi" che permetta ai bambini di sviluppare sia le capacità sensoriali sia la psicocinetica degli arti superiori.
Il percorso, organizzato in palestra insieme al nostro esperto di psicomotricità, prevede che ogni bambino sperimenti ad occhi chiusi il contatto con superfici ruvide, lisce e ondulate, con oggetti appuntiti (forme geometriche di plastica o di legno) o arrotondati (palline di plastica di varie dimensioni), con liquidi caldi e freddi, con materiali morbidi e duri (un pezzo di ovatta, di moquette e dei sassolini), materassi morbidi e duri, terra e sabbia su cui camminare.
Durante ciascun percorso, i bambini devono cercare di comunicare le sensazioni procurate da ciascun contatto ed identificare il tipo di oggetto attraverso le sue caratteristiche.
Pensavamo fosse un gioco abbastanza semplice, invece abbiamo rilevato parecchie difficoltà, da parte dei bambini, nel riconoscere particolari caratteristiche, non solo per inadeguata proprietà di linguaggio (ecco un altro obiettivo da sviluppare maggiormente!), ma soprattutto per la difficoltà di riconoscere le caratteristiche meno evidenti. Ci siamo resi conto che i bambini hanno bisogno di imparare a "vedere" e " sentire" i particolari più sottili: loro sono invece abituati ad osservare la realtà nella sua globalità.

E' stato molto divertente ascoltare le loro reazioni "a caldo" e le loro considerazioni nel cerchio finale: tutti si sono divertiti molto, soprattutto nel camminare sulla terra e sulla sabbia; qualcuno ha invece detto " Mi faceva schifo camminare sulla terra perché è appiccicaticcia !" Altri ancora hanno trovato divertente rovistare tra le palline ad occhi chiusi : "Mi sembrava di stare al parco giochi!".
Insomma, è stata una esperienza piacevole per tutti,(e istruttiva per noi insegnanti) che rivivremo quando faremo il cartellone con le foto scattate durante il percorso.

Cristina Addolorato Docente 196° Circolo Didattico Via Perazzi 46 -Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional