Torna nella homepage
 
n. 54 giugno 2015
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:24 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Le scuole faccia a faccia'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Le scuole faccia a faccia
Il valore aggiunto del Programma "Erasmus plus "
di Presutti Serenella - Orizzonte scuola
Cosa può essere il valore aggiunto di uno scambio culturale con l'estero, oltre ai risultati/obiettivi attesi, quali aspetti facilitano all'apprendimento linguistico e la conoscenza della cultura del paese partner?
1. Scambiare vuol dire conoscere, prima ancora della cultura nazionale, le culture familiari e di comunità, prima fra tutte la comunità scolastica, la quale può essere un potente volano per diffondere la cultura dell'integrazione europea.
2. Lo scambio delle Buone Pratiche dei diversi sistemi scolastici attraverso l'osservazione e lo scambio diretto tra alunni e tra insegnanti.
3. Le famiglie portatrici della cultura delle differenze culturali e sociali per uno scambio di conoscenze e differenze di stili vita.

All'interno delle linee guida del Programma Erasmus+ dell'Unione europea per l'Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport 2014-2020, nell'Azione K2 si trova la parte riguardante i partenariati tra scuole, troviamo i principi fondamentali relativi le problematiche scolastiche.
Obiettivi e Priorità
1 Ridurre l'abbandono scolastico precoce
2 Migliorare le competenze di base
3 Rafforzare la qualità nell'educazione
4 Migliorare la professionalità dell'insegnamento

Erasmus+ è uno strumento realizzato per dare risposte concrete a queste problematiche, attraverso opportunità di studio, formazione, di esperienze lavorative o di volontariato all'estero. Con la realizzazione degli scambi culturali si può arrivare ad una visione ampia dell'organizzazione e dei vari sistemi europei d'istruzione, formazione e assistenza ai giovani attraverso il sostegno al miglioramento dei metodi di insegnamento e apprendimento, a nuovi programmi e allo sviluppo professionale del personale docente, attraverso una maggiore cooperazione tra il mondo dell'istruzione, della formazione e il mondo del lavoro per affrontare le reali necessità in termini di sviluppo del capitale umano e sociale, in Europa e altrove.

Sono, siamo convinti che la cooperazione e il gemellaggio tra alunni e docenti sia il primo momento della costruzione di comunità di apprendimento europee.

Con queste premesse e questa opportunità di arricchimento socio-culturale e formativo-didattico l'I.C. Frignani - Spinaceto e l'ecolé 28 rue Saint Jacques si sono strette la mano per la II Edizione del Progetto: "Italia - Francia 2:2", loro ospiti da noi dal 23/27 aprile e noi ospiti da loro dal 26/29 maggio per uno scambio culturale formativo di tutto punto. Vista la grande potenzialità del Progetto, i due Uffici Scolastici di Roma e Parigi hanno siglato il patto di convezione.
Il patto è stato firmato davanti i nostri sguardi sbigottiti e allo stesso tempo felici di tanta riconoscenza durante la nostra permanenza a Parigi nell'Hotel de Ville dall'Ispettore d'Académie DASEN monsieur Benoît Dechambre, l'Ispettrice madame Catherine Hennequin, per la DAREIC - Relations internationales du Rectorat, Anne Darmouni e madame Berthout maire du Vème arrondissement di Parigi e le Presidi delle due scuole, madame Presutti e madame Laquerriere.
Ad un certo punto, durante la cerimonia i nostri ragazzi hanno affermato: "Allora Preside siamo dei veri vip!"

Giorni indimenticabili per tutti piccoli e grandi carichi di emozioni ed esperienze, le nostre due delegazioni, italiana e francese, nella nostra semplicità ed autenticità di azioni e sentimenti sono state premiate. Come amici da sempre il nostro ritrovarsi dopo un anno è stato ancora più forte, bambini delle classi di III della scuola primaria che con la massima disinvoltura parlottavano del più e del meno in una lingua tutta loro intercalata da frasi in italiano e da parole in francese per le vie di Parigi nel quartiere latino all'ombra della Cattedrale di Notre Dame.
Noi adulti pronti a prendere appunti in ogni momento per poter afferrare modalità organizzative ed attività da riproporre all'interno delle nostre scuole visto il successo prodotto.

Il nostro gruppo italo francese in giro per le strade di Roma e di Parigi a braccetto per scoprire le diverse culture messe a confronto in percorsi didattici di studio delle lingue, chiave di lettura principale, la musica e i canti l'hanno fatta da padrone, la musica che avvicina e sa parlare a tutti come lingua universale da sempre.

Gli strumenti tecnologici sono stati la base delle nostre conversazioni, dalle lezioni in lingua, al programma di videoconferenza per partecipare indiretta alle lezioni da Roma Parigi, Parigi Roma, lezioni in presenza direttamente in aula per i nostri ragazzi nella scuola di Notre Dame per implementare la conoscenza della lingua francese. Abilità e competenze messe a confronto sono il motore della nostra operazione di scambio, ognuno con le proprie capacità che abbiamo messo in campo a disposizione per il successo del nostro Progetto, dai Professori d'Arte, alle due Presidi complici dell'organizzare i due tour e la mia arte di cogliere occasioni da concatenare e far nascere risultati..."belli". I genitori la vera risorsa umana e sociale per l'attuazione dei nostri incontri, grazie a loro si sono ammortizzate di molto le spese del viaggio, i ragazzi hanno avuto maggior tempo di incontrarsi per parlarsi e scambiarsi le loro esperienze.

L'unione scuola famiglia è lo strumento per riuscire ad arrivare al traguardo: il successo formativo e culturale per loro, ragazzi di oggi e lavoratori di domani in una visione europeistica di sistemi integrativi lavorativi.

Imparare divertendosi, questo è il modo migliore per apprendere e farne tesoro.

La nostra esperienza vuol essere di esempio per tutte le altre scuole, uno sprono ad aprirsi all'altro diverso da noi, soprattutto per poter sviluppare la nostra anima europeista e strumento di integrazione tra i popoli, come opportunità da cui cogliere oggi per il domani.

Serenella Presutti, Dirigente scolastico dell'I.C. Via Frignani - Roma Counsellor e Psicopedagogista
Barbara Riccardi Docente I.C. Via Frignani - Spinaceto - Roma Counselor e Giornalista pubblicista
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Sysform Roma Via Monte Manno 23 -Roma- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional