Torna nella homepage
 
N. 76 ottobre 2017
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:18 Novembre 2017 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Capitano, mio capitano'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Sysform Ente di Formazione accreditato dal MIUR
  Pag Argomento
HomePage   HomePage

Ricerca avanzata >>>
Capitano, mio capitano
Piccoli pirati in viaggio verso le competenze
di Orsolillo Giuseppina - Didattica Laboratoriale
Il galeone
Il galeone
"Capitano, mio capitano"... frase emblematica che ricorda a tutti noi la scena finale del film "L'attimo fuggente", commovente, bellissimo, formativo. Ed è proprio da qui che siamo partite per la progettazione del nostro lavoro: abbiamo fatto nostre le emozioni, che sono lo sfondo del meraviglioso film e del profondo rapporto tra il professor Keating ed i suoi alunni, e scelto proprio la figura di un capitano come emblema della nostra UDA, un simpatico capitano, di nome Capitan Sapere che ci sta tenendo compagnia dai primissimi giorni di scuola di questo nuovo anno, un personaggio-guida che, insieme a tanti altri amici e collaboratori, ha dato il via al nostro percorso significativo per le classi seconde dell'Istituto e che ci accompagnerà per tutto il quadrimestre alla scoperta delle conoscenze e delle competenze da promuovere.
E' un percorso incentrato su una didattica attiva e laboratoriale, che vede gli alunni protagonisti del processo di apprendimento, costruito nel tempo insieme ai compagni e alle insegnanti, attraverso il loro coinvolgimento partecipato e diretto. Crediamo sia indispensabile predisporre un ambiente operativo e cooperativo, nel quale si creino le condizioni perché ogni alunno sviluppi consapevolmente una giusta autonomia e il senso di responsabilità, nonché la capacità di riflessione. Ecco perché tutto il percorso fonda i suoi presupposti sulla valorizzazione del gioco e della narrazione, intesi come risorsa per favorire la motivazione degli alunni, in un contesto ludico che cattura l'interesse, stimola la partecipazione attiva e creativa e favorisce l'acquisizione di abilità, conoscenze e competenze, secondo i ritmi di ciascuno.

Non abbiamo di certo trascurato gli obiettivi disciplinari previsti dal curricolo verticale che, però, si intrecciano tra loro in una rete di esperienze significative, progettate in un percorso di apprendimento unitario, ampio e partecipato. Tutte le attività sono state progettate tenendo conto dei bisogni formativi degli alunni e della necessità delle docenti di offrire situazioni apprendimentali finalizzate e praticabili, fondate dal punto di vista disciplinare e nello stesso tempo capaci di offrire spunti e agganci di tipo interdisciplinare.

Ed ecco allora che Capitan Sapere si presenta sul suo galeone con una ciurma di pirati e piratesse, pronti a partire per questo nuovo viaggio, superando tutte le sfide proposte dai suoi tanti amici-aiutanti: Capitan Ita, Capitan Mat, Capitan IRC e altri.
Per salire sul galeone di Capitan Sapere ed essere arruolati nella sua ciurma, tutti i bambini hanno dovuto affrontare una sfida: una movimentata staffetta a squadre per rispondere a semplici indovinelli, che hanno permesso di iniziare ad osservare e verificare quanto avevano interiorizzato del "viaggio" in classe prima; è stata un'ora di puro gioco e divertimento in cui ognuno di loro è riuscito a dare un contributo ed alla fine, con la consegna di una bandana personalizzata, sono stati tutti arruolati nella ciurma di Capitan Sapere.
Ecco entrare in scena anche i simpatici Capitani del suo esercito, pronti ad aiutare i piccoli pirati e piratesse ad affrontare le prove da superare all'interno dei Regni delle discipline, con lo scopo di conquistare le "chiavi" delle conoscenze di ciascun Regno e ottenere le lettere di un codice segreto, da anagrammare e ricostruire seguendo un ordine numerico crescente, per scoprire un misterioso messaggio di Capitan Sapere.

Il percorso si sta rivelando accattivante e motivante, riesce a coinvolgere tutto il gruppo classe attraverso giochi, narrazioni, realizzazione di semplici strumenti didattici da utilizzare nelle attività quotidiane e a scatenare la curiosità dei piccoli pirati che, tutte le mattine, arrivano a scuola indossando la loro bandana e con una gran voglia di scoprire quali "strane prove" l'esercito di Capitani chiederà loro di affrontare.
E, come ogni avventura merita, ecco il "gran finale": la ciurma di Capitan Sapere dovrà organizzare tutto ciò che è necessario per affrontare il viaggio che li condurrà, durante un'uscita didattica presso il teatro Sistina di Roma, all'incontro con la ciurma di Capitan Calamaio.

"Educa i ragazzi col gioco, così riuscirai meglio a scoprire l'inclinazione naturale".
Platone


Michela Proietti e Giuseppina Orsolillo, insegnanti dell'I.C. "Fara Sabina" (Rieti)
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Sysform Roma Via Monte Manno 23 -Roma- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional