Torna nella homepage
 
N. 76 ottobre 2017
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:18 Novembre 2017 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'La gioia della creatività e de... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Sysform Ente di Formazione accreditato dal MIUR
  Pag Argomento
HomePage   HomePage

Ricerca avanzata >>>
La gioia della creatività e della conoscenza
La formazione continua...
di De Angelis Giovanna - Formazione
Passione e creatività. Cuore e ragione. Consapevolezza matura del proprio ruolo, di ciò a cui dobbiamo tendere, del fine ultimo del nostro impegno, oltre la stanchezza che ci portiamo dietro, la paga misera e la scarsa considerazione sociale per un "mestiere" che in molti reputano di "saper fare meglio di noi".
Se è vero, come diceva Albert Eistein, che l'arte suprema dell'insegnante è risvegliare la gioia della creatività e della conoscenza, non riesco proprio a comprendere appieno come ci siano ancora docenti, di ogni ordine e grado, che non credano nel valore della formazione, unico strumento che ci consente di essere al passo coi tempi, di rappresentare ancora una luce-guida per i nostri studenti.
Convengo con voi che alcuni corsi di formazione che ci hanno propinato in questi anni siano un'offesa alla nostra intelligenza e professionalità, ma è pur vero che esistono ancora enti in grado di fornire una buona formazione, capaci di scuotere alcune nostre certezze, destabilizzare una parte delle inviolabili convinzioni che ci portiamo come uno zainetto sulle spalle, solerti nello svegliarci dal torpore delle abitudini e della quotidianità per offrirci strumenti nuovi, metodologie accattivanti, modalità operative differenti.
Credo che la professionalizzazione del ruolo del docente, non più unico depositario di un sapere supremo da inculcare ed elargire agli studenti meritevoli, passi necessariamente attraverso la formazione, strumento ineludibile per restare connessi con la società attuale, con la nuova generazione di studenti, sempre meno bisognosi di piccole nozioni da ingerire come pillole, quanto piuttosto alla ricerca di competenze vere, spendibili nel mondo odierno. Sto parlando di competenze vere, non di quelle che riportano i libri per docenti dove, sotto falso nome, ritroviamo nuovamente mascherati contenuti spiccioli e meri nozionismi.
Il nostro in fondo è un mestiere complesso che esige conoscenza normativa e legislativa, psicologica, metodologica, organizzativa, disciplinare. Occorre saper progettare percorsi interdisciplinari, condividere Unità di apprendimento, valutare, verificare esiti e strategie, eppure ciò che credo sia ancora alla base di tutto sono proprio la creatività e la passione.
La capacità di trasmettere con amore e passione il gusto e la gioia della curiosità e del sapere, di porsi domande, interrogarsi, andare oltre, ma con creatività e con un occhio sempre a chi ci ha preceduto, perché solo la storia crea le basi di una coscienza civica e forma la vera umanità.

Il reciproco amore tra chi apprende e chi insegna è il primo vero gradino verso la conoscenza - Erasmo da Rotterdam

Giovanna De Angelis - docente IC Fara Sabina (Ri)
Aggiungi un commento
Sono presenti 4 commenti Visualizza tutti i commenti
inserito sabato 28/10/2017 ore 14:54 da Franca Colasanti
cara Giovanna come sempre riesco a cogliere il senso vero delle cose! La citazione di Erasmo da Rotterdam dovrebbe essere presente in ogni aula, bene in vista, per non dimenticare mai quale è il segreto di un proficuo insegnamento.
inserito mercoledì 25/10/2017 ore 14:50 da Sabrina
Sono dell'idea che ci sono dei mestieri che sono guidati dal cuore e dalla "PASSIONE" quel sentimento così forte che è in ognuno di noi e che permette di trasmettere interessi e talenti...così come l'insegnate fa con i suoi alunni. Non ci sarà giusta ricompensa per chi svolge con amore il proprio lavoro se non la gratificazione e la soddisfazione ricevuta. Con stima
inserito sabato 21/10/2017 ore 22:12 da Luisella garbini
È dalla passione che scaturisce la voglia di ricerca e studio di testi, di metodi di approcci, essa è la chiave fondamentale per far nascere le curiosità, l'attrazione e dunque il sapere. Senza passione non c'è conoscenza. Ed essa è contagiosa: di fronte ad un docente appassionato, i ragazzi non potranno non essere attratti da lui. E sono sicura che i tuoi ragazzi hanno capito benissimo questa tua dedizione e amore per loro.
inserito venerdì 20/10/2017 ore 08:39 da Roberto Carotti
Confermo con convinzione che l'amore e la passione per la nostra professione siano la guida e la forza per proporre agli alunni attività atte a perseguire le competenze che la società odierna richiede. Complimenti Giovanna!!!
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Sysform Roma Via Monte Manno 23 -Roma- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional