Torna nella homepage
 
n.78 dicembre 2017
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:21 Aprile 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'E' il momento del CODING'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Sysform Ente di Formazione accreditato dal MIUR
  Pag Argomento
HomePage   HomePage

Ricerca avanzata >>>
E' il momento del CODING
Sviluppare il pensiero computazionale a scuola
di Malagesi Stefania - Scuola & Tecnologia
A scuola di coding
A scuola di coding
Sempre più spesso, nella scuola, si parla di Coding e pensiero computazionale.
Con i miei bambini di prima elementare, ho iniziato un programma che permette di sviluppare questa abilità.
Prima di tutto, cosa si intende per pensiero computazionale? Cosa significa?
In breve, e' la capacità di risolvere un problema pianificando una strategia. Un'abilità che, senza alcun dubbio, dovrebbe essere sviluppata fin dall'inizio della scuola primaria.
Avere un pensiero computazionale sviluppato significa possedere la capacità di scomporre un problema complesso in più parti, da affrontare una per volta, ragionare sul modo migliore per trovare la soluzione ad ognuna di esse per poi poter affrontare il problema generale.
Lavorare a scuola sullo sviluppo di questo tipo di strumento intellettivo permette di potenziare ulteriori e notevoli abilità. Il pensiero computazionale favorisce la capacità di valutare un problema sotto diversi punti di vista, aiuta a capire quanto sia importante collaborare, che i problemi hanno infinite soluzioni richiedenti idee nuove e creative.
Come accrescere e sviluppare queste capacità? Ad esempio attraverso l'approccio al Coding con il quale il pensiero computazionale è strettamente legato.

I ragazzi della scuola secondaria di primo grado sono venuti a scuola a darci una mano e sono diventati i tutor dei bambini di prima. Non abbiamo lavorato immediatamente al computer in quanto il pensiero computazionale può essere migliorato anche con attività ludiche che non prevedono l'uso esclusivo di materiale informatico; abbiamo quindi proposto ai bambini un gioco orientato sul problem solving: usando precise istruzioni, dovevano aiutare un robottino, posizionato su una scacchiera, a raggiungere l'uscita evitando gli ostacoli, il tutto con materiale di carta costruito da loro dietro precise istruzioni dei ragazzi più grandi.
Non abbiamo fatto altro che mettere i bambini davanti ad una piccola difficoltà, e, un passo alla volta, gli stessi hanno valutato quale istruzione migliore dare al robottino per superare insieme il problema; hanno lavorato in gruppo con entusiasmo ed ora siamo pronti ad affrontare il primo livello del programma CODE.ORG.
I livelli saranno diversi, cambieranno di volta in volta nel momento in cui si riuscirà a superare il primo livello, e così, fase dopo fase, gli alunni si confronteranno sulla strada migliore da seguire, si ritroveranno a riflettere tenendo conto dei diversi punti di vista e, divertendosi, saranno avviati ad una prima conoscenza di un linguaggio informatico da veri programmatori.
Sviluppare pensiero computazionale non aiuta solo nella matematica ma anche ad affrontare problemi reali applicando la logica e il ragionamento...
La scuola in questo ha un ruolo importante e primario da non sottovalutare.


Stefania Malagesi, insegnante dell' IC "Belforte del Chienti", Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Sysform Roma Via Monte Manno 23 -Roma- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional