Torna nella homepage
 
n. 79 gennaio 2018
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:25 Giugno 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Missione non impossibile'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Sysform Ente di Formazione accreditato dal MIUR
  Pag Argomento
HomePage   HomePage

Ricerca avanzata >>>
Missione non impossibile
Gestire la complessità in classe
di Di Salvo Francesca - Formazione
tratta da clipartsgram.com
tratta da clipartsgram.com
Frequentare il corso di Sysform "Gestire la complessità in classe", presso l'IC Gandhi, mi ha permesso di riflettere, di dedicare un po' di tempo a come migliorare la mia modalità di comunicare e di far comunicare i miei bambini, ascoltando e prendendo spunto dalle esperienze e dai consigli dei colleghi presenti e della tutor.
Il mio pensiero, che era già ancorato e pienamente in accordo con quanto affrontato, ha preso, però, la consapevolezza che parlare di strategie concrete e confrontarsi sul modo di agire consente a TUTTI gli insegnanti di scoprire che gestire la complessità non è un'impresa impossibile!

Alla fine di questo percorso mi sento rinforzata, sento di aver acquisito maggiore consapevolezza delle mie capacità, di quali "accorgimenti" adottare per far sentire un alunno accolto, ad esempio utilizzando domande orientative che richiedono un'attesa attiva.
Per affrontare la complessità è fondamentale partire da "Dove siete?", per capire come poter aiutare, da dove partire per orientare le risorse giuste ed utilizzare la risorsa degli alunni per creare un ambiente d'apprendimento in cui la diversità diventa una risorsa.

Nella mia classe patchwork si parte sempre dal positivo e si valorizza quotidianamente la diversità, ma tale diversità richiede molto spesso l'utilizzo di regole funzionali che orientino il gruppo in base all'eterogeneità presente e lo facciano funzionare meglio. È più complicato ma stiamo cercando di non avere regole precostituite ma di ragionarci secondo la situazione ed usarle come strumento facilitatore, rendendole adattabili.
Inoltre, stiamo cercando di alleggerire gli alunni dal peso di alcune situazioni, sia per quanto riguarda la "cura dell'errore", ponendoci come capaci "solutori di conflitti", tranquillizzandoli perché l'adulto sa come gestire la complessità.

Mi sono sentita "privilegiata". Avere un momento di confronto sistematico su tale tema è stato molto importante, mi ha permesso di riempire la valigia di esperienze e strategie diverse da quelle con cui ero partita.
Gli argomenti del corso mi sono piaciuti tutti, mi piacerebbe però approfondire la parte inerente la metacognizione e conoscere sempre più tecniche e strategie per affrontare la complessità scolastica.


Francesca Di Salvo, docente di sostegno primaria, IC Gandhi, Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Sysform Roma Via Monte Manno 23 -Roma- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional