Torna nella homepage
 
n.80 febbraio 2018
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:17 Ottobre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Digital-empowerment'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Sysform Ente di Formazione accreditato dal MIUR
  Pag Argomento
HomePage   HomePage

Ricerca avanzata >>>
Digital-empowerment
Le competenze digitali come ascensore sociale
di Rago Giuseppe - Scuola & Tecnologia
La possibilità di guardare al digitale come principale fattore di cambiamento della società è legata alla sua capacità di influenzare e "configurare" anche e soprattutto occasioni di apprendimento che agevolano la risposta comportamentale e quindi lo sviluppo della persona attraverso il coinvolgimento di processi cognitivi complessi.
Si tratta per tutti, ed in particolare per la scuola, di una tendenza emergente interessante, non trascurabile: una sfida intergenerazionale basata sul bisogno di promuovere competenze digitali, sempre più riconosciute e validate come requisito fondamentale per lo sviluppo del nostro Paese, per l'esercizio di una piena cittadinanza nell'era dell'informazione.
Educatori e formatori sono chiamati anzitutto ad una attenta e critica lettura pedagogica dello scenario digitale, fonte di una interessante riflessione scientifica sui fatti educativi e sui contesti formativi, sempre più profondamente attraversati dalla presenza dei nuovi media che spesso si fondono con la realtà del mondo e delle cose, disorientando quanti adottano modelli e strutture "disconnesse".
Il dibattito della rivoluzione partecipativa sul digitale in aula è sempre aperto e controverso con proiezioni educative antinomiche. La linea da seguire, suggerita perché condivisa e consolidata nell'esperienza quotidiana tra i banchi, accanto agli studenti, è quella di un orientamento educativo basato nella tradizione, capace allo stesso tempo di continuare il passato in un presente rinnovato che guarda al progresso, conservando i lumi teorici, nella consapevolezza di poter sempre richiamare nelle pratiche educative un rapporto teoria-prassi, nodo cruciale dell'epistemologia pedagogica.
Non ci sono dubbi: il digitale è oggi l'agente attivo dei grandi cambiamenti sociali, economici e comportamentali, il promotore dello sviluppo intellettuale e morale della persona verso il raggiungimento dell'autocoscienza, del dominio di sé, della cooperazione sociale, della piena partecipazione ai valori e della rispondenza alle esigenze della comunicazione.
Il digitale è diventato luogo di pratiche comunicative e sociali, soluzione efficace per la condivisione e la collaborazione, strumento per la costruzione di un vero e proprio tessuto connettivo che supera il confine del luogo reale, lasciando spazio al virtuale e a quell'innovazione pervasiva che ha demandato alla scuola un'azione di nuova alfabetizzazione al linguaggio delle new technology, affinché tutti sappiano leggere e scrivere con i media. Si tratta di un atto dovuto, dettato dalle sollecitazioni del digitale che consegna alla società la chiave di lettura delle potenzialità intrinseche che permettono attraverso i new media di generare una competenza nuova che meglio potremmo definire come digital-empowerment.
La tassonomia delle competenze digitali può essere declinata in cinque macroaree, fortemente correlate alle altre competenze di base (che valorizzano gli stili di apprendimento e lo spirito d'iniziativa): informazione, comunicazione, creazione di contenuti, sicurezza e problem solving, tutte trasversali al rafforzamento degli apprendimenti linguistici, espressivi, relazionali, critici e creativi dei nativi digitali e di quanti tendono al superare il gap generazionale, con la crescente volontà di arricchire il portfolio di esperienze tecnologicamente abilitanti. Le abilità e le competenze digitali sono sempre meno una scelta di vita e sempre più una necessità quotidiana.
Per il mondo della formazione, l'obiettivo è quello di puntare sostanzialmente verso un progetto educativo capace di abilitare i giovani al digitale, utilizzando un approccio creativo per insegnare competenze di base e fornire un percorso rinnovato capace di aprire al confronto con l'universo dei media, efficace per la comprensione e il confronto su un sapere che nasce proprio dalle nuove forme di espressione e comunicazione con le nuove tecnologie.

Bibliografia
-Castells, M. (2013). Galassia Internet. Milano: Feltrinelli.
-Calvani, A. (2001). Educazione, comunicazione e nuovi media. Torino: UTET.


Giuseppe Rago, Docente INF/01 incaricato UniFg e pedagogista, formatore ed esperto di didattica digitale
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Sysform Roma Via Monte Manno 23 -Roma- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional