Torna nella homepage
 
n.4 giugno 2010
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:17 Novembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Attenzione a non buttar via un... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Emergenza scuola 5 Emergenza scuola

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Attenzione a non buttar via una grande conquista
Genitori in difesa dei figli disabili.
di Rosci Manuela - Integrazione Scolastica
Sono arrivate alla Redazione le lettere che i genitori di una ragazzina down hanno scritto al dirigente scolastico e ad altre associazioni in occasione della prova INVALSI. L'alunna non è potuta entrare in classe quel giorno perché indicazioni che accompagnavano le prove, chiedevano di allontanare qualunque fonte di disturbo (è una bimba con forti disturbi e la sua presenza si fa sentire). I genitori ovviamente hanno deciso di non mandarla a scuola per non lasciarla fuori dalla classe tutta la mattina.

"Siamo i genitori di.... La volevamo tenere informata che giovedì 13 Maggio nostra figlia non verrà a scuola per non fargli subire l'ennesima DISCRIMINAZIONE che lo stato scolastico impone ai nostri figli. Da genitore speravo in una sua presa di posizione alla circolare arrivata dal MINISTERO, dove dice che hai DISABILI PSICHICI non vanno posti i test...
Comprendiamo che lei deve seguire delle ordinanze ma da DIRIGENTE attenta alle DISABILITA', come crediamo lei sia, ci aspettavamo una sua convocazione per spiegarci la situazione vergognosa e imbarazzante che il nostro GOVERNO applica su i DIVERSAMENTE ABILI ...
Si metta nei nostri panni e comprenda la situazione .....X è una bambina che dopo molte difficoltà subite, nel contesto scolastico solo ora sta trovando fiducia e sicurezza nella scuola, come fargli comprendere giovedì, se vuole entrare nella sua classe o raggiungere i suoi compagni, che lei non può partecipare ?????
Le invio una lettera che abbiamo inviato in vari FORUM, dove si parlava di prove INVALSI.....e che invieremo anche alle AUTORITA'...sicuramente non cambierà nulla in meglio ma noi, come genitori, ci troviamo obbligati a tutelare nostra figlia dove lo STATO non TUTELA ...BUONA GIORNATA"

"Permettetemi in 2 righe il mio pensiero ... Sono mamma di una bimba disabile che frequenta la prima media ...I test INVALSI si dice che vanno fatti per valutare la scuola ... se vengono esclusi da questi test i bambini disabili PSICHICI (parlo per mia sfortuna del mio caso sindrome di down), creando così una enorme DISCRIMINAZIONE per chi vive in questa condizione, ed essendo bambini o ragazzi che frequentano la scuola, come si può valutare al meglio l'efficienza di essa... Se la scuola deve essere efficiente bisogna valutare anche il percorso scolastico dei bimbi diversamente abili... Non portiamo i nostri figli in un parcheggio, portiamo i nostri figli a scuola come fanno tutti ... e anche se alcuni non scrivono o non leggono, va fatta una valutazione seria e compatibile alle capacità di ognuno ... Se per primi noi genitori non tuteliamo quello che è discriminatorio, e parlo anche ai genitori dei ragazzi normodotati, la scuola andrà sempre peggio... Non entro in merito dei tagli perché potrei scrivere molto, ma quello che mi preme far sapere è che i diversamente abili, se continua questa strada, ritorneranno alle scuole speciali....questo è quello che sicuramente il nostro governo vuole e farà, ma io spero che dopo tante lotte questa nostra grande conquista non venga buttata via.... il diversamente abile è una grande risorsa, se seguito al meglio, per tutti gli alunni, ma in primis per lui ... essere inserito in un contesto di integrazione totale......la mia bambina dai suoi compagni ha preso molto e fortunatamente quest'anno ha trovato dei docenti eccellenti, che la stanno scolarizzando al meglio... Perché ghettizzarla?"

"Salve e grazie del vostro interessamento. Sono la mamma di ... Volevo innanzi tutto ringraziarvi per la vostra partecipazione a quello che sono i disagi dei DIVERSAMENTI ABILI ... mi sento di dirvi come mamma che se tutti fossero attenti a quello che sono le discriminazioni verso i figli SPECIALI, e insegnassero ai propri figli NORMODODATI che ognuno è diverso e che va accettato cosi com'è, i nostri ragazzi di domani saranno sicuramente migliori... I modelli che purtroppo oggi hanno di fronte sono modelli perfetti ... modelli di sola apparenza ... modelli tipo veline e grande fratello, dove i ragazzi si rispecchiano ... La società in questo momento tende a sopprimere tutte le diversità ... Allora mi domando: ma domani i vostri ragazzi che UOMINI o DONNE saranno? Che cosa insegneranno ai propri figli? Se non spieghiamo ora a loro che non è questo il sistema, che i deboli possono essere una risorsa anche per loro, che mondo ci sarà? Purtroppo dopo le tante lotte di genitori, che hanno fatto prima di me, e noi che siamo venuti dopo ne abbiamo usufruito ... Ora si cerca di frantumare tutto....
RIVOGLIONO LE SCUOLE SPECIALI?????
Io non ci sto'.

Massimo Novelli e Daniela Guccini


In qualità di Direttore responsabile di una rivista che si occupa di una scuola "possibile", posso solo accogliere e condividere le preoccupazioni di tutti quei genitori che si trovano a dover nuovamente riaffermare i diritti dei propri figli disabili. Mi indigno, ma è veramente poca cosa a fronte di un reale pericolo che "sentiamo" nell'aria, pericolo di ritorno al passato, di tagli di spesa, alle classi, ai docenti ... ai docenti di sostegno. Siamo certi di essere sulla buona strada?

N.B. Ho scelto di non indicare il nome della bimba perché non ha necessità di essere riconosciuta. Ho omesso il nome della scuola ... perché forse ce ne sono ancora troppe che "pasticciano" e non trovano la strada per stare "con" i genitori degli alunni, affrontando insieme le difficoltà che accompagnano il percorso di vita di una persona disabile ... e di chi le sta vicino.
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional