Torna nella homepage
 
Numero: 5 -Aprile 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 17 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Cent'anni di scuola'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Cent'anni di scuola
Difficoltà di ieri e di oggi
di Tiberti Stefania - Integrazione Scolastica >>> L'esperienza a scuola
Vorrei fare insieme alcune riflessioni.
Domenica 13 aprile ho avuto l'onore e la fortuna di partecipare alle festa di compleanno della nonna di mio marito, che ha compiuto 100 anni. L'evento è già di suo straordinario, ma la cosa che mi ha fatto pensare di più è che la nonnina, lucida nelle sue facoltà, affascinava mia figlia e gli altri pronipoti presenti recitando a memoria racconti e poesie imparate a scuola, quando era bambina, ricordando ora come allora, parola per parola, studiate su quello che chiama sillabario.
Il mio primo pensiero, credo per deformazione professionale, è stato: "ricorderanno in età matura i miei alunni tutto quello che noi facciamo in classe?".
Probabilmente no, o forse qualcuno si.
Per questo particolare e per quel qualcuno che si è rafforzata in me la voglia e la certezza di voler fare l'insegnante.

Da qualche tempo però mi sento a volte avvilita, perché il ruolo della maestra in certi contesti e in certe situazioni non è sufficiente a rendere l'azione educativa unitaria pur avvalendosi di una pluralità di interventi.
Ormai in ogni realtà scolastica sono presenti bambini con difficoltà di apprendimento e di sviluppo.
La presenza nel gruppo classe di vari bambini con problemi di iperattività e tendenza a porsi con modalità aggressive rendono inefficace e vano ogni tentativo dell'insegnante che si trova da solo a gestire questi momenti di conflitto. E' difficile mantenere quel necessario equilibrio personale per mettere in atto adeguate risposte che facciano percepire all'alunno che ha dinanzi un adulto capace di frenare la sua incapacità di rapportarsi in modo appropriato.

Questa è proprio la situazione che stiamo vivendo con i miei colleghi nella nostra classe dove, da circa due mesi, si sono accentuate le difficoltà relative alla gestione di un gruppo di alunni nei confronti dei quali risultano inefficaci tutte le strategie finora messe in atto.
Sono momenti a volte angoscianti in cui noi docenti abbiamo imparato a riconoscere una richiesta implicita ma che fare per alleviare il malessere derivato da disagi di vario tipo?
Io credo non ci sia la ricetta magica .
Perché in certi momenti solo una magia ci salverebbe ma abbiamo capito che solo guardando con occhi diversi tutti quelle piccole pesti, senza piangerci addosso, a volte confidando solo nel nostro buon senso, sentendoci confortate per ogni piccolo miglioramento, sperando : "domani andrà meglio ! " sicuramente non si risolve il problema ma è un grande aiuto.

Vorrei concludere ancora con una riflessione su una morale giuntami con una mail che dice più o meno così:
"Cambia la tua strategia quando le cose non vanno molto bene e vedrai che poi andrà meglio.
Se un giorno ti verrà rimproverato che il tuo lavoro non è stato fatto con professionalità, rispondi che l'Arca di Noè è stata costruita da dilettanti e il Titanic da professionisti.
"

Stefania Tiberti Docente 196° Circolo Didattico Via perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional