Torna nella homepage
 
n.19 gennaio 2012
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:19 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Che cosa valutare'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
L'intervista L'intervista
Long Life Learning Long Life Learning
Orizzonte scuola Orizzonte scuola
Sotto la lente Sotto la lente
Editoriali Editoriali
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Che cosa valutare
Rendere gli alunni consapevoli della loro valutazione
di Rossini Simonetta - Orizzonte scuola
E' arrivato il momento di parlare di valutazione. Siamo alla fine del primo quadrimestre e tutti gli insegnanti si trovano ad affrontare uno degli aspetti più problematici del proprio lavoro.
Se apriamo i quaderni di 10 bambini che frequentano la stessa classe ma in scuole diverse (ma anche nello stesso istituto), ci accorgiamo che su ognuno di loro compaio valutazioni diverse: voti, giudizi, simboli, frasi intere. Esiste la possibilità di una valutazione oggettiva?
E soprattutto ... che significa valutare?
Quando diamo un voto che cosa valutiamo?
Senza dubbio il conseguimento dell'obiettivo, il raggiungimento del quale, però, implica elementi e momenti diversi all'interno del processo di apprendimento.

Se i bambini fossero tutti ugualmente "capaci" non ci sarebbero problemi...ma la realtà è diversa. E' come se ci fossero due scalatori a dover raggiungere una cima più o meno impervia: uno però con piccozza e ramponi mentre l'altro con ...mani e basta. Come valutare la loro scalata senza tener conto dei diversi mezzi a loro disposizione? Il secondo probabilmente arriverà più tardi, forse non raggiungerà neanche la vetta: ma se ha dato il massimo, se ce l'ha messa tutta... non sarebbe il caso di dargli il massimo riconoscimento? Nel nostro caso, inoltre, non dovrebbe essere la scuola a fornire a tutti "piccozza e ramponi"? Utopistico?

Certo la scuola ha sempre meno risorse a disposizione ma la scuola è fatta di persone, è fatta da "noi" e molti insegnanti quotidianamente, provano a farlo. Per fortuna...mi viene da dire. Ma i bambini, non stanno a scuola di "gratta e vinci": non devono contare sulla fortuna ma sulla serietà dei docenti.
Inoltre, il bambino, che è "obbligato" a trascorrere la maggior parte del suo tempo a scuola, quali strumenti possiede per capire il modo in cui viene valutato? Per esperienza mi risulta che il "senso" dei voti non sempre sia chiaro o meglio... "si prendono" senza "prevederli".
Che significa prevedere un voto?
Ho già parlato di un'esperienza che ho fatto in classe qualche mese fa. In merito alla lettura ad alta voce, ho declinato con i bambini tutte quelle che erano le caratteristiche di una buona lettura: riconoscimento di tutte le parole, tono accattivante, rispetto della punteggiatura... Al rispetto di tutti i punti poteva perciò corrispondere il massimo dei voti. Ancora più importante capire che al voto più basso corrispondeva la mancanza di uno o più aspetti di una buona lettura. I miei alunni sono arrivati al punto di autovalutarsi con una precisione a volte sorprendente: "non ho rispettato la punteggiatura...non ho riconosciuto alcune parole... per ottenere un voto più alto devono usare un tono più accattivante...".
Si tratta di una strategia applicabile a tutte le discipline. Pensiamo alla storia, alle scienze, alle geografia: a volte si da importanza all'esposizione dei contenuti senza però esplicitare da cosa sia composta una buona esposizione.

Una frase ricorrente: è portato per la matematica...un po' meno per i temi... Come se scrivere o applicare una regola matematica fossero una dote innata.
Le procedure per raggiungere un obiettivo si insegnano: con sistematicità e chiarezza. Dobbiamo sempre esplicitare agli alunni cosa vogliamo da loro: passo dopo passo. Solo in questo modo insegnanti ed alunni saranno consapevoli del valore e della coerenza di un giudizio.
Un voto basso non rappresenterà più un "non sono capace a..." ma un ben più costruttivo "devo fare meglio questo e questo!"

Simonetta Rossini, docente IC Perazzi - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional