Torna nella homepage
 
n.20 febbraio 2012
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:17 Novembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Ci vorrebbe una scuola seriame... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Orizzonte scuola 13 Orizzonte scuola
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
e-book novità e-book novità
L'intervista L'intervista
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Orizzonte scuola Orizzonte scuola
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Sotto la lente Sotto la lente
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Ci vorrebbe una scuola seriamente divertente!
L'organizzazione di una didattica pensata per raggiungere tutti
di Melchiorre Antonia - Integrazione Scolastica
Come più volte ho scritto nei miei articoli, ciò che è più difficile per un insegnante è tenere in considerazione le "diverse diversità" che vivono all'interno della classe. Non è facile!

I bambini sono tanti, le sfumature diverse, pensare "individualmente" a tutti è difficilissimo, dovremmo prevedere un compito diverso per ogni bambino!
In una scuola montessoriana il materiale che è a disposizione delle classi facilita questo compito, perché organizzando un percorso (A→Z) che prevede delle tappe (B,C, D, ecc), il materiale permette ad ogni bambino di svolgere il proprio lavoro autonomamente rispetto al suo compagno che magari è un po' più indietro o un po' più avanti. Infatti, in una scuola montessoriana la lezione per lo più non è frontale, come invece accade più facilmente in una scuola tradizionale. Spiegare lo stesso argomento ad una classe intera aumenta le possibilità che le nozioni non arrivino ad ogni bambino allo stesso modo.
Allora, come raggiungere tutti?

Sicuramente la spiegazione fatta alla classe è importante per presentare l'argomento, POI PERÒ VA VERIFICATO CHI LO HA COMPRESO E COME.
Il mio compito come insegnante di sostegno non è solo quello di "pensare" ai bambini certificati, ma di collaborare con le insegnanti di classi per far fronte insieme proprio a queste difficoltà.
Con il team ci siamo organizzati in modo da poter ricavare spazi e tempi per affrontare nuovamente in piccoli gruppi gli argomenti trattati e ancora non assimilati dai bambini.
Le strategie per lo più sono basate, anche in questo caso, su materiale sia strutturato che non.
Per esempio abbiamo utilizzato dei semplicissimi tappi di plastica, di misura diversa, per capire il concetto di decina ed esercitarci al "cambio" con il "gioco della banca". Oppure li abbiamo utilizzati per risolvere problemi di logica e capire per esempio i concetti di: tanto quanto, più di, meno di, uguale a.

Quando lavorano insieme a piccoli gruppi, utilizzando del materiale concreto e non solo il quaderno, i bambini solo felicissimi perché imparano divertendosi!
Facilitare il compito ai bambini dovrebbe essere nostro dovere, questo non vuol dire lasciarlo sempre ad un "basso livello", ma alzare di volta in volta il tiro, ossia rimanere sempre nell'area di sviluppo prossimale definita da Vygotskij come la zona all'interno della quale un bambino può risolvere, con l'aiuto di un educatore o di un compagno, problemi che non sarebbe in grado di risolvere da solo.
Uno dei bambini che seguo ha difficoltà di letto-scrittura ed ho utilizzato con lui il metodo Panlexia (1). Per questo bambino riuscire a leggere piccolissimi brani è una grande soddisfazione, così come riuscire a scrivere in stampato minuscolo o il corsivo, e nel momento in cui riesce in queste imprese, sentirlo esclamare con gioia "questo è il più bel giorno della vita mia a scuola!" è una grande soddisfazione anche per noi insegnanti.

Trovare strategie efficaci che possano "risolvere problemi" è l'attività più frequente nel nostro team, come per molte altre insegnanti! Tra i bambini che seguo c'è anche una bimba autistica che non utilizza spontaneamente la parola per comunicare e nella sua classe c'è un bambino cinese che ancora non conosce bene la nostra lingua. Per l'acquisizione di parole che richiamano oggetti che fanno parte dell'ambiente scolastico, o adoperati nella vita di tutti i giorni, con questi due bambini utilizziamo immagini e cartelli con i relativi nomi. A volte questi due bambini lavorano insieme ed Alessandra, conoscendo i nomi di alcuni oggetti ,"aiuta" il bambino straniero ad imparare parole nuove, o viceversa è lui a sollecitare la compagna quando conosce il nome proposto. Hao è contento di lavorare con Alessandra perché si sente importante: nonostante la sua difficoltà con la lingua, anche lui può aiutare la sua compagna.

Sicuramente il piccolo gruppo, l'ambiente laboratoriale, il supporto di un materiale o di un compagno, sono strumenti che aiutano il bambino ad imparare con più facilità e divertimento e con meno paure. Ciò che noi insegnanti dovremmo cercare di mettere in atto sono strategie che possano migliorare la QUALITÀ DELLA VITA SCOLASTICA dell'alunno, in modo da attivare la resilienza educativa "la capacità, cioè, di tollerare le frustrazioni e le difficoltà che s'incontrano nel corso dell'apprendimento senza turbarsi e battere prematuramente in ritirata." (1)

Il compito di noi insegnanti dovrebbe essere proprio quello di rendere la scuola un luogo sereno e divertente dove si imparano ...cose serie!

Antonia Melchiorre, docente di sostegno, IC Perazzi - Roma

Bibliografia
(1) Kvilekval Pamela, Il metodo Panlexia. La rieducazione della dislessia, Ed. M
Antonia Melchiorre, I laboratori come strategia didattica, ebook Sysform Editore, 2010
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional