Torna nella homepage
 
n.11 marzo 2011
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:18 Novembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Come sospesi tra due mondi'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Emergenza scuola 5 Emergenza scuola
Pagina Dalla redazione 9 Dalla redazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
e-book novità e-book novità
Long Life Learning Long Life Learning
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Come sospesi tra due mondi
L'inserimento dei bambini immigrati
di Di Berto Mancini Antonella - Integrazione Scolastica >>> Approfondimenti
Vorrei riflettere con voi su una realtà che diventa sempre più numerosa e accede sempre più frequentemente anche al nostro Servizio di Tutela Salute Mentale dell'Età Evolutiva, vorrei riflettere sull'inserimento dei bambini immigrati che arrivano nelle nostre scuole determinando una nuova sfida per tutti noi.

Chi mi conosce sa bene come la mia attenzione è sempre rivolta agli aspetti emotivi della relazione, e questi voglio considerare.

Il bambini immigrato fa parte di una famiglia che è stata segnata da passaggi dolorosi: il distacco dalla propria terra e dai propri familiari, l'incognita del viaggio, l'arrivo e l'inserimento in una realtà nuova e sconosciuta. Tutti fattori che sottopongono a duro stress la psiche e che rendono quindi più fragile la persona immigrata che non è più inserita nelle cornici protettive di un'esistenza conosciuta.

Il bambino immigrato spesso porta dentro di sé l'insicurezza e la fragilità dei suoi genitori e si trova ancor più di loro come sospeso tra due mondi: quello raccontato e riproposto quotidianamente con usi e abitudini all'interno della sua famiglia e quello proposto dal sistema scuola in cui è stato catapultato e di cui spesso non riesce a comprendere i parametri di riferimento perché retti dal nuovo contesto di immigrazione. La difficoltà della lingua significano difficoltà ad esprimersi e ad intendere le sfumature emotive. La dipendenza dai genitori e più spesso dalla madre talvolta spinge il bambino ad agire i conflitti, le paure, le angosce dei suoi genitori.

Spesso la scarsa motivazione allo studio, il comportamento disturbante del bambino, gli abbandoni scolastici sono il frutto di una situazione di stallo in cui si trova il bambino: non riesce a scegliere tra due mondi e quindi il bambino abbandona l'investimento nel cognitivo, si ritira sentendo la sfida troppo grande per lui..

A questo proposito vorrei ricordare il caso di Francoise, anni 9, III elementare, che mi è stato inviato dalle maestre con l'ipotesi di un disturbo dell'apprendimento: sbagliava l'ortografia, non riusciva ad esprimersi ed era sempre pronto ad opporsi a qualsiasi richiesta dell'insegnante creando disturbo in classe e facendo i dispetti ai suoi compagni. La mamma accetta l'invito delle insegnanti a recarsi al nostro ambulatorio per una valutazione psicologica.
Dalla valutazione di Francoise emerge un Q.I. nella norma ma un mondo interiore nettamente separato in due. La mamma di Francoise ha lasciato il loro paese di origine quando il bambino aveva 7 anni, lasciando anche il padre al quale il bambino è attaccattissimo e che non vede più da due anni, appunto. Dentro di sé Francoise ha da una parte il lutto della perdita del padre e dall'altra la rabbia perché incolpa la madre di questa separazione. Tornare di tanto in tanto all'amata patria non è possibile per il momento per l'elevato costo del biglietto, quindi il bambino deve rimandare continuamente il progetto di poter incontrare il padre.
Nel frattempo la situazione familiare si complica ulteriormente come spesso succede, perchè la mamma forma un nuovo nucleo familiare con un uomo italiano da cui ha un altro bambino e Francoise sente aumentare la rabbia nei confronti della madre e del nuovo bambino che diventa il suo capro espiatorio. Fortunatamente Francoise ha però una mamma che riesce a fidarsi e ad "affidarsi " al nostro servizio e accetta di iniziare un counseling di sostengo.
Oggi a distanza di due anni dal nostro incontro in ambulatorio, Francoise lavora meglio in classe, ha un rapporto più disteso con la mamma e la tecnologia ha abbattuto sia il costo del biglietto aereo che la distanza spaziale: grazie al pc e a Skipe tre volte a settimana il bambino si collega via web col papa, ricontattato dalla signora, consentendo così anche un allentamento dei nodi conflittuali.

Il bambino immigrato, però, può diventare una risorsa sia per il sistema scuola che per la sua famiglia.

Per la sua famiglia il bambino può creare il ponte tra quello che è stato lasciato dolorosamente alle spalle e la cultura del nuovo paese e qui diventa centrale a mio parere il fattore scuola. La scuola può rappresentare lo snodo attraverso il quale il bambino e la sua famiglia si affilia al nuovo mondo. La cultura dell'accoglienza e dell'integrazione diventano significative.

La scuola e l'insegnante possono diventare fondamentali nella loro scelta di attuare strategie di conoscenza, scambio, relazioni tra culture realizzando una situazione di convivenza di bambini/persone di diversi paesi all'insegna del rispetto, del dialogo e dell'interazione. Dal punto di vista cognitivo, l'inserimento del bambino immigrato e della sua "diversa"storia, stimola nei bambini una lettura della realtà aperta e flessibile e non strutturata in una rigida forma-mentis.

Vorrei porre l'attenzione su un ultimo elemento, l'inserimento in una determinata classe del bambino. Spesso il bambino straniero viene inserito nella classe che gli spetta per l'età anagrafica,: di fatto per attuate un vero inserimento occorre conoscere diversi aspetti del bambino: dati biografici, la sua storia, quella scolastica, il sistema scolastico del paese di origine, un colloquio ben fatto con la famiglia e conoscere a mio parere anche i suoi interessi e abilità. I suoi interessi e abilità costituiscono una preziosa fonte di indicazioni di quanto certi ritardi, disagi, difficoltà di apprendimento possano essere ricondotte a linee diverse di sviluppo di abilità scolastiche che piuttosto a disturbi specifici di apprendimento.

Al di là dell'inserimento dei bambini stranieri occorre anche un cambiamento culturale da parte della scuola, così come lo fu per l'inserimento dei bambini disabili, per comprendere appieno la complessità del bambino immigrato e per rispondere con attenzione individualizzata ai loro bisogni educativi e relazionali.

Antonella Mancini Di Berto Psicologa ASL RMA
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional