Torna nella homepage
 
n.23 maggio 2012
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:20 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Compiti per le vacanze'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Dalla redazione 9 Dalla redazione
Pagina Orizzonte scuola 13 Orizzonte scuola
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
e-book novità e-book novità
L'intervista L'intervista
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Orizzonte scuola Orizzonte scuola
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Sotto la lente Sotto la lente
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Compiti per le vacanze
Psicodramma estivo
di Rossini Simonetta - Organizzazione Scolastica
Eccomi di nuovo a parlare di compiti: stavolta di quelli per le vacanze.
Già da qualche settimana i rappresentanti delle varie case editrice propongono libri e libretti dai titoli accattivanti, pieni di immagini e colori, che rimandano ad un clima più o meno vacanziero.

Ma perché proporli ai bambini ...anzi alle famiglie che, quando si parla di compiti, rivestono un ruolo fondamentale?
Qual è il senso dei compiti estivi? A cosa servono effettivamente? E' meglio assegnarli o no?

Come faccio spesso, ho rigirato la domanda ai miei alunni.
Tutti ne hanno riconosciuto alcuni aspetti utili: servono a non dimenticare quello che si è imparato, a capire meglio alcuni argomenti, ad imparare cose nuove...
Tutti ne hanno individuato aspetti meno positivi: che vacanza è se devi fare i compiti? Voglio pensare solo a divertirmi... mamma, tutti i minuti, mi dice di fare i compiti (..di nuovo si parla delle famiglie....).

Io non ho nessuna intenzione di assegnarli, perlomeno nel senso classico del termine.
I compiti servono ad esercitare le abilità che si possiedono e, soprattutto, verificarne l'utilizzo corretto.

Ma fuori dalla scuola chi corregge eventuali errori?

Le famiglie che non possono conoscere del tutto la metodologia e il linguaggio dell'insegnante?
L'insegnante a settembre, quando ormai i bambini non ricordano più il motivo di una determinata scelta operativa?
Da non sottovalutare, inoltre, il tempo che tale correzione richiederebbe, probabilmente due-tre mesi del primo quadrimestre!

I bambini di una quarta non sono ancora in grado di assumersi completamente la responsabilità dei compiti fuori da un contesto scolastico e per un tempo così lungo.
Dovrebbero fare, in modo autonomo, soltanto il lavoro che richiede una gestione semplice secondo procedure consolidate da tempo; la correzione dovrebbe essere "autocorrezione".
Insegno italiano ma non assegnerò nessun eserciziario. Inviterò i bambini a leggere per il piacere di leggere.
Cercherò di stimolare la loro curiosità tra i libri della nostra biblioteca scolastica. Li lascerò liberi di scegliere.
E quando assisterò negli spazi aperti delle vacanze ai soliti psicodrammi tra genitori e figli per i compiti da fare penserò: "Stavolta i miei alunni sono stati più fortunati".

Simonetta Rossini, docente IC Perazzi - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional