Torna nella homepage
 
Numero: 5 -Aprile 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 26 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Condizione e cultura giovanile... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Condizione e cultura giovanile nella società e nella scuola
Un attimo di riflessione
di Nauaui Raffaella - Organizzazione Scolastica >>> Parliamo di...
Non è facile leggere il mondo giovanile, ma ancora più difficile è comprendere la sofferenza di questo, una sofferenza intrinseca che spesso viene fuori con atteggiamenti di rabbia o bullismo, droga, violenza, volgarità e molestie sessuali che vengono percepiti in aumento da oltre la metà dei docenti delle secondarie.
Si può parlare di crisi del super io, cioè del "codice paterno", dell'autorità, dello stato, ma più profondamente del volto dell'altro come altro io o come "totalmente Altro" (Horkheimer) cui rendere conto.
Tutto ciò, molto spesso, non trova voce nella comprensione degli adulti.

Sovente, ragionando con i ragazzi si avverte in loro un senso di trascuratezza da parte dei grandi nei loro confronti; siamo sempre di corsa affaccendati, il nostro tempo deve essere moltiplicato, le ore a disposizione non ci bastano mai.
Il risultato di questo status è quello che vede i nostri figli, i nostri alunni, privi di attenzione, privi di ascolto.
Emerge che i giovani sono un pianeta di generazioni con-fusive tra loro, con confini sempre più labili e con scarsa fiducia nei confronti delle generazioni adulte.
Inoltre la comunicazione nella post-modernità e sempre più veloce, segue i ritmi della vita, tutto si aggroviglia e corre sui fili veloci di internet, nei linguaggi multimediali, nei giochi interattivi.

I nostri giovani hanno un modo di ascoltare del tutto differente da quello che poteva essere 10, 15 anni fa; ma affermo con convinzione che non c'è nulla che non possa essere ascoltato, bisogna solo verificare come viene detto.
Anche gli insegnanti soffrono per le difficoltà di comunicazione con gli studenti.
Anzi interpretano la società contemporanea e quella giovanile in particolare, come portatrice più di disvalori che di valori. Anche il clima relazionale della classe è percepito in netto peggioramento.
La scuola, importante e fondamentale ambiente di apprendimento, spesso ha apportato contenuti in maniera assai noiosa e pedante, tali argomenti, impartiti con melenza e pesantezza, venivano mal sopportati dagli insegnanti stessi che li spiegavano, figuriamoci quale noia hanno rappresentato per gli alunni.
Bisognerebbe chiedersi almeno una volta "che incidenza ha nella vita dell'alunno l'esperienza scolastica?"
Gli studenti sono adolescenti più o meno disponibili a cercare, a scoprire e accettare i ruoli, i compiti e i fini connessi con l'esperienza scolastica. E i docenti sono adulti più o meno attrezzati a riconoscere nel loro ruolo una funzione antropologica e storica importante e a identificare i fini che possono/debbono raggiungere nella scuola, attraverso le risorse di cui dispongono.

Il rapporto Delors, anni 70 circa, affermava che il dialogo fra docenti e studenti deve reggersi sui "quattro pilastri dell'educazione":
imparare a conoscere
imparare a fare
imparare a vivere insieme
imparare ad essere.
Questa teoria interessante, nella post-modernità mi sembra un po' superata, il compito dei docenti è quello di trovare opportuni equilibri per rendere meno rigida la separazione tra l'aula e il mondo esterno.

Certo l'educazione implica un coinvolgimento faticoso. Non basta "offrire" formazione, bisogna anche saper "soffrire" con i ragazzi. Per questo sono ricorrenti le tentazioni di fare a meno dell'educazione. Ma il sapere, senza l'attrito dell'educazione, non potrebbe nemmeno produrre insegnamento. Come la colomba di cui parlava Kant, senza l'aria non andrebbe più veloce, ma non potrebbe nemmeno volare.
In sintesi, si ribadisce la difficoltà per gli educatori di essere interessanti e affascinanti agli occhi dei fanciulli.
La ricerca per l'adulto di tale fascino non nasce evidentemente da un bisogno di realizzazione, ma dal terrore di perdere nei meandri di false comprensioni ideologiche, i ragazzi, minacciati dalla curiosità del trasgressivo.
Questo elaborato vuole invitare il mondo dei grandi a rimettersi in discussione, vuole sollecitare tali adulti a fermarsi ad un attimo di riflessione, cercando di pensare che il metodo più semplice per educare e crescere in modo sano i propri figli, i propri alunni, è quello di tenere in essi alta la motivazione, di sollecitare loro un'autostima e di spingerli all'ambizione, tali sentimenti spingeranno i giovani a ricercare prima in essi e poi nell'ambiente quotidiano, la scuola, la parrocchia, la casa, la comitiva, ad ascoltare, a cercare un guru da seguire, e sarà importante che questa figura la possano trovare nell'ambiente formativo.

Francesco De Sanctis scrisse che ogni generazione deve avere davanti a sé un obiettivo per cui battersi e un nemico da combattere. Anziché per neutralizzarsi o per distruggersi, la lotta che si tratta di impostare è non tanto contro le persone quanto contro le idee, gli atteggiamenti e i comportamenti che si possono rappresentare in una simbolica partita di calcio: una sorta di gioco enigmistico, utile a far trovare, a docenti e studenti, un ruolo nella stessa "squadra" e a sviluppare uno spirito di gruppo..

Raffaella Nauaui Docente 196° Circolo Didattico Via Perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional