Torna nella homepage
 
Numero: 4 -Marzo 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 15 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Da leader "solitario" a leader... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 5 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
Da leader "solitario" a leadership "partecipata"
Quando il Dirigente Scolastico è un counsellor professionista.
di Presutti Serenella - Organizzazione Scolastica >>> Parliamo di...
Il counselling scolastico annovera ormai da decenni esperienze e rielaborazioni metodologiche; si tratta soprattutto di modalità applicative nella gestione delle relazioni e delle comunicazioni a diverso livello, considerando sia le relazioni di tipo simmetrico che asimmetrico :
a. tra "pari", ( alunno-alunno/ docente-docente, ecc.)
b. tra adulto e alunno
c. tra professionisti scolastici, con diverse competenze nell'organizzazione
d. tra professionisti scolastici e professionisti di altri Enti/istituzioni
e. tra professionisti scolastici e genitori

Se si esclude il primo punto, in tutti gli altri casi possiamo annoverare anche i rapporti che impegnano la Dirigenza scolastica nella Scuola, e su questi si accende il mio particolare interesse professionale di counsellor professionista. Andiamo ad analizzare i "punti di interesse" secondo una possibile lettura psicosociale.

Il D.S. è il leader dell'Istitutzione scolastica, riconosciuto dalla normativa e dalla sua applicazione nella gestione diretta nella Scuola; in quanto tale è il soggetto solitario nel contesto in cui opera, per il ruolo che gli viene assegnato. Le caratteristiche riconosciutegli sono quelle considerate "naturali" dei decisori, vale a dire POTERE E SOLITUDINE, con tutte le diverse declinazioni del caso ( il capo è solo; la solitudine di chi poi decide, ecc...).
Il Capo di un Istituto scolastico, alla luce dei fatti, nella situazione odierna dovrebbe invece reinterpretare questo "copione", se non addirittura sovvertirlo, per una serie di motivazioni, potremmo dire, sia opportune che necessarie.
Proverò ad identificarle, soprattutto per quelle competenze che di più appartengono ad un contesto di comunicazione psicosociale.

1. la complessità del contesto sociale di riferimento esprime incertezza e flessibilità delle condizioni umane, suggerendo a chi deve interpretarle, per poi anche gestirle, di mantenere un profilo più deontologico che tecnico, per una partecipazione ai processi piuttosto che nel riconoscere la priorità della valutazione dei prodotti,ovvero LA CERTEZZA DI ESSERE INCERTO

2. l'esercizio del potere da parte dei decisori si connota sempre più nella capacità di problem solving in un sistema di regole, piuttosto che nell'esercizio del comando teso a ribadire "chi è il capo",ovvero LA CONSAPEVOLEZZA PER CERCARE LA POSSIBILE SOLUZIONE

3. la leadership si identifica nelle competenze comunicative, di chi gestisce i conflitti, nell'ascolto dell'altro da sé e nell'accoglienza della diversità, nel ribadire l'importanza del punto di vista e dell'esistenza di altri modi possibili LA GESTIONE PARTECIPATA

Ma possiamo considerare le competenze fin qui descritte appartenere anche all'ambito del Counselling psicosociale ? e se si, perché?
Non credo siamo in grado di definire i confini della professione di counsellor in modo chiaro ed inequivocabile, e comunque, a mio parere, rimane più interessante lo spazio delle possibili applicazioni. Il Dirigente Scolastico counsellor non è quindi un modo affascinante per definire questo ruolo, piuttosto uno spazio di ricerca e di confronto, nell'accettare la scommessa di una leadership efficace e riflessiva, che antepone le persone ai risultati, per una visione umanistica delle organizzazioni, in un progetto lungimirante, aperto ed ecologico per le nostre comunità sociali.

Serenella Presutti Dirigente scolastica del 143° C.D. di Roma Counsellor professionista della Gestalt Psicosociale
Aggiungi un commento
Sono presenti 1 commenti Visualizza tutti i commenti
inserito venerdì 07/01/2011 ore 17:00 da Liana Gerbi
Complimenti per l'articolo che evidenzia come Il Dirigente Scolastico possa essere Counselor Professionista Liana Gerbi Counselor Trainer Socioanalista Schoolcounselor
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional