Torna nella homepage
 
n. 31 marzo 2013
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:22 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Da un piccolo "Germoglio" una ... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Scuola & Tecnologia 2 Scuola & Tecnologia

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Da un piccolo "Germoglio" una bellissima esperienza.
Sperimentare, capire e conoscere attraverso le nostre mani.
di Agolino Simona Loretta - Didattica Laboratoriale


Anche quest'anno con i miei piccoli cuccioli di prima elementare ho provato una piccola fantastica impresa.
Cercavo il più possibile di farli avvicinare allo studio della nuova materia, le "scienze", senza paura e ho cominciato dalla realtà che tutti i giorni li circonda. Allora ho chiesto dei semplici materiali, una bottiglia di plastica, semi e terra e naturalmente tanta voglia di scoprire ........... ed ecco il piccolo nostro orto in classe. Ho osservato quanto loro fossero felici nel mettere le loro mani nella terra e quanto ogni giorno chiedessero quanto tempo occorreva affinché la piantina nascesse, la voglia di vedere una nuova vita era stupefacente. Ho spiegato che le piante sono davvero esseri viventi e che nascono dai semi che spesso mangiamo.

Abbiamo seminato dei semi di fagiolo, lenticchia e pomodori, li abbiamo messi alla luce vicino alla finestra e li abbiamo bagnati. E' stato incredibile arrivare una mattina e vedere le piantine che spuntavano e che crescevano ogni giorno sempre di più e si aprivano le foglie. Abbiamo fatto tante foto... che emozione quando le piante dei fagioli hanno messo i fiori e anche i frutti!.
Coltivare un orto, sentire, toccare e annusare i frutti della terra sono esperienze che ci ricongiungono non solo alle basi del cibo, ma alle basi della vita stessa. Nell'orto si vede nascere, crescere, fiorire, maturare e morire... e poi ancora nascere.
Si tocca con mano il ciclo della vita e si diventa consapevoli di come anche noi facciamo parte di questa rete di vita, di ciò che curiamo, di ciò che facciamo crescere, acquista per noi un significato e un valore maggiore. Così come l'insalata seminata, innaffiata, raccolta, diventa più appetitosa e gustosa, la nostra verdura ha un sapore diverso, un profumo diverso.

Coltivare un orto a scuola significa imparare a "rallentare". Già rallentare, in una società frenetica, dove i tempi sono sempre serrati, la natura ci insegna sempre che bisogna aspettare per vedere i frutti e bisogna prendersene cura per vedere i risultati.
È un'esperienza altamente educativa.
Seminare e coltivare frutta e ortaggi sono attività che mettono a frutto le abilità manuali, le conoscenze scientifiche, lo sviluppo del pensiero logico-interdipendente; ma significa soprattutto attenzione ai tempi dell'attesa, pazienza, maturazione di capacità previsionali.
Lavorare con la terra aiuta i ragazzi a riflettere sulle proprie storie locali e familiari. La maggior parte degli studenti italiani ha sicuramente un papà, un nonno o un bisnonno che ha o che ha avuto a che fare con la coltivazione della terra.
Nell'orto i ragazzi uniscono "teoria e pratica", cioè il pensare, il ragionare con il progettare e il fare. In un orto s'imparano i modi, i momenti adatti per seminare. Prima di far questo si deve preparare e concimare il terreno. È necessario poi seguire con cura i prodotti attendendo ai bisogni d'acqua e al controllo dei parassiti. Si possono conoscere infine le combinazioni e le rotazioni giuste fra le varie piante. Il mestiere dei campi, quello dell'agricoltore, del coltivatore, è uno dei mestieri più difficili al mondo, che richiede grandi abilità, esperienze e competenze multiple.
Coltivare è il gesto più antico, forse il primo che ha consentito di parlare di civiltà. Coltivare un orto a scuola è coltivare prima di tutto dei saperi.

Saperi che hanno a che fare con i piccoli gesti di ogni giorno, con un apprendimento esperienziale che le generazioni più giovani non sempre hanno modo di sperimentare.Coltivare vuol dire avere a che fare con un essere vivente, una realtà che va di là della certezza della soluzione, propria di un'equazione matematica.

"Coltivare a scuola è un modo per imparare". Imparare a conoscere gli esseri viventi, il funzionamento di una comunità, l'importanza dei beni collettivi e dei saperi altrui.

Saperi di altre generazioni e di altri popoli. Coltivare l'orto a scuola è un'attività interdisciplinare adattabile ad ogni età, un'occasione di crescita in cui si supera la divisione tra insegnante e allievo e si impara condividendo gesti, scelte e nozioni, oltre che metodo..

L'approccio dei bambini con la terra, in questi anni in cui l'infanzia subisce una forte influenza da parte delle tecnologie (telefonini, play station, videogiochi, computer, ecc), è fondamentale per riproporre un contatto con una dimensione più sana e naturale.
In quest'ottica i benefici che i bambini possono trarre da tale esperienza sono molteplici:
? Migliora la manualità fine;
? Favorisce lo sviluppo della pazienza e l'accettazione di svolgere ruoli o lavori insieme;
? Sviluppa e diffonde la cultura di un rispettoso rapporto tra uomo, natura e ambiente;
? Influisce positivamente sulla comprensione del valore del cibo e del lavoro necessario per crearlo;
? Promuove un'efficace collaborazione tra scuola famiglia e territorio;
? Stimola rapporti intergenerazionali e la riscoperta delle risorse della civiltà contadina.

Ho cercato come obiettivi di utilizzare una modalità di apprendimento attivo, imparare facendo cioè:
? Acquisire e applicare il metodo scientifico sperimentale nel lavoro di ricerca;
? Partecipare con senso di responsabilità ad un progetto comune;
? Sviluppare la curiosità e l'abitudine all'osservazione dei fenomeni naturali;
? Creare un rapporto positivo con l'elemento terra;
? Scoprire i legami tra sole, terra e ortaggi.

E' stata una bellissima esperienza, educativa e formativa in ogni fase, credo che i piccoli semi che abbiamo piantato non abbiano dato solo frutti in senso materiale ma anche, e soprattutto, un'esperienza di vita.

Simona Loretta Agolino, giurista, docente I.C."2 Ottobre 1870",piazza Borgoncini Duca Roma.

Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional