Torna nella homepage
 
Numero: 6-febbraio 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 20 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Diario di bordo da Lerino (Vi)... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 6 In diretta dalla Segreteria
Pagina Oltre a noi... 7 Oltre a noi...

Ricerca avanzata >>>
Diario di bordo da Lerino (Vi)
Fare scuola ogni giorno
di Gianesin Maria Chiara - Organizzazione Scolastica
Lerino cl. seconda 27 gennaio 2009

Informo che ci sarà il dettato di verifica.
Alice comincia a piangere per il mal di pancia. Da quindici giorni ha spesso mal di pancia e vuole andare a casa. I nonni hanno riferito che quando va a casa sta bene.E'nata da poco una sorellina.
La chiamo fuori e le dico che so che sta passando un brutto periodo, che la sorellina che piange la notte la disturba, ma può stare tranquilla perché le sarò vicina. Rientriamo, detto:

"Noi siamo contenti di andare a scuola perché impariamo tante cose in modo simpatico (facciamo spesso teatro).
Non ci spaventa l'impegno. E' bello lavorare serenamente.
Quando siamo tristi, perché qualcosa ci preoccupa, ne parliamo insieme e scopriamo che abbiamo molti motivi per essere felici.
Se qualcuno sbaglia non lo prendiamo in giro, ma cerchiamo di aiutarlo.
Nessuno di noi è perfetto. Abbiamo tutti qualche aspetto da migliorare.
Siamo diversi, perciò ognuno ha qualcosa da donare agli altri.
A scuola stiamo bene: vogliamo viverci con la testa, ma anche con il cuore. Siamo forti, vero?"
(Prova di fine quadrimestre )

Ogni tanto le chiedo se è passato il mal di pancia e lei risponde sorridente in modo affermativo.

Lerino cl. seconda 28 gennaio 2009

Frasi con parole con l'accento:
Alice: "Ieri mi è venuto mal di pancia ma ho trovato il modo per farlo passare"

Lerino cl. seconda 29 gennaio 2009

I bambini hanno riportato le verifiche firmate.
"Quanto ho lavorato ieri con la mamma. Dopo la piscina tutto il tempo" !(cosa mai capitata prima perché precedentemente i compiti non venivano mai controllati) dichiara Lorenzo che ha eseguito varie copiature ed un lavoro sotto dettatura (in un paio di dettati aveva avuto l'insufficienza).
"Hai dato un bacio e hai abbracciato la mamma che ti ha dedicato tanto tempo per migliorare?"
"Ero così stanco che mi sono dimenticato".
"Oggi, quando torni a casa ricordati di farlo" e scrivo "Complimenti per il lavoro a Lorenzo e a mamma Elena.
"Va bene" afferma con convinzioni, gli occhi birbanti lucenti e un sorriso magnifico.
Aggiunge:" Non importa, vero, se si sbaglia".
"No, se poi ci impegniamo a migliorare. Costa fatica lavorare, ma poi si è contenti del risultato".
Bisogna vedere inoltre perché facciamo un lavoro.
In una scala da 5 a 10, un lavoro eseguito per ricevere una caramella o un altro premio vale 3. Un lavoro eseguito per far contenta la mamma vale 6, per far contenti noi, vale 7.
Se invece si fa perché è bello imparare, lavorare per migliorare sempre, allora vale 10 e lode"
"Uauh" mi rispondono in coro.
Entra la cara collega di sostegno Anna e faccio raccontare dai ragazzini (Andrea ha commentato stamattina che sono grandi, non si possono più chiamare bambini).
Lo stesso Andrea quando ho proposto a Lorenzo l'abbraccio alla mamma è intervenuto:
"Sai, devo stare attento quando abbraccio forte la mamma perché rischio di farla finire all'ospedale"
"Sei così forte?
"Sì guarda !" E viene a stringermi la mano con tutta l'energia che possiede.
"Hai la forza di un uomo oltre ad essere un tecnico!" Ieri ha controllato i collegamenti e sistemato la presa scarter per far funzionare il lettore DVD riferendo che si è installato da solo il televisore in camera.

Lerino cl. seconda 4 febbraio 2009

Elisa: " Maestra cosa vuol dire ottimista?"
Recito il pessimista al risveglio:
"Che schifo, un'altra giornata. E' brutto tempo Non ho voglia di andare al lavoro. Chissà che schifo di gente incontrerò...."
Il risveglio dell'ottimista:
"Non ho dormito molto, ma ho riposato abbastanza".
In bagno, davanti allo specchio si fa un sorriso: " Oggi sarà una bella giornata! (e immagina che tutte le cellule del suo corpo lavorino felici). Incontrerò persone che mi doneranno qualcosa per migliorare e lo stesso farò io con loro" E' bella anche la pioggia se sono felice"
Poi ho commentato che quando uno affronta negativamente la giornata non ha fame, digerisce male e accumula tossine nel suo corpo che a lungo andare possono provocare gravo danni.
Se uno invece pensa positivo il suo corpo funziona bene, guarda volentieri tutto ciò che di bello gli sta intorno e apprezza le piccole cose.

M. Chiara Gianesin Docente I.C.Torri di Quartesolo 2 Marola (VI) insegnante in semi esonero perché supervisore di tirocinio a Scienze della Formazione Primaria dell'Università di Padova.
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional