Torna nella homepage
 
n.74 giugno 2017
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:22 Ottobre 2017 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Docenti incoscienti, ma compet... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Sysform Ente di Formazione accreditato dal MIUR
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Formazione 1 Formazione
Pagina Didattica Laboratoriale 2 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Docenti incoscienti, ma competenti!
Un'esperienza speciale: il campo-scuola
di Tani Stefania - Didattica Laboratoriale

E' tradizione, ormai da tre anni, per la classe in cui insegno (attuale quinta F), organizzare il campo scuola, quest'anno addirittura di cinque giorni.
Come meta è stata scelta la città di Torino.

Ventiquattro alunni e tre docenti un po' incoscienti sono giunti, con il Freccia Rossa, a destinazione.
Nel primo pomeriggio di lunedì 15 maggio i studenti hanno scelto di mettersi in gioco, abbandonando la quotidiana vita scolastica e familiare, cellulari e tablet, per riscoprire la bellezza dello stare fisicamente insieme.

Perché fare un campo scuola?
Gli alunni affrontano insieme non solo un cammino di studio storico o naturalistico fuori dal consueto confine dell'aula, ma hanno anche l'occasione di condividere l'intera giornata, nella quale ogni momento è vissuto in modo collettivo e, dunque, la scoperta dell'altro diventa un' ulteriore e fondamentale esperienza. Il viaggio diventa strumento di crescita per potenziare l'autonomia individuale e per la propria capacità di gestire i piccoli inevitabili conflitti di carattere, ma è anche un momento in cui il gruppo dei pari si rafforza e si consolida, costruendo importanti rapporti di solidarietà.

Noi insegnanti sappiamo bene quanto possa essere formativo condividere tutto in un frammento di vita, stare insieme in modo gioioso, scambiare osservazioni, emozioni, riflessioni, godendo di un tempo diverso da quello ordinario.

Il campo scuola è il vissuto dell'alunno nelle sue manifestazioni comportamentali, comunicative, relazionali, il suo modo di approcciare alle situazioni, ma al tempo stesso è anche il vissuto delle insegnanti.
Il viaggio d'istruzione è un concetto dinamico in cui le parti coinvolte (alunni, docenti e contesto) si trasformano e si influenzano reciprocamente, si arricchiscono, si evolvono.

In conclusione posso affermare che un campo scuola è una delle esperienze più belle che possano capitare ad un insegnante.
Proprio per questo porto nel mio cuore ogni piccolo pezzettino delle esperienze che ho vissuto in questi anni con i ragazzi.


Stefania Tani, insegnante di sostegno, I.C.Casalbianco, Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Sysform Roma Via Monte Manno 23 -Roma- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional