Torna nella homepage
 
n.18 dicembre 2011
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:18 Novembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'DONNIE DARKO - 2001'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Long Life Learning 7 Long Life Learning
Pagina Dedicato a te 12 Dedicato a te
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
L'intervista L'intervista
Long Life Learning Long Life Learning
Sotto la lente Sotto la lente
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
DONNIE DARKO - 2001
Un film che si ama o si odia
di Galli Giorgio - Dedicato a te
La vita è emozione. Si può sopravvivere senza emozioni, ma non si vive.
L' Arte è emozione. Un quadro, una canzone, un film, per quanto belli se privi di emozione non sono altro che esercizi di tecnica e bellezza, non sono Arte.
L'Arte, come la vita, è qualcosa che entra dentro provocando gioia o dolore, o entrambe le cose, ma comunque andando a fondo.
Donnie Darko, il film scritto e diretto da Richard Kelly, è Arte.

Un film magico, malinconico, costruito su vicende fantascientifiche vissute da personaggi profondamente umani e vissuti. Ci si sente partecipi, si vive il film immedesimandosi nei personaggi e nelle situazioni, nell'amore e nell'odio che illumina gli occhi dei protagonisti, nel sorriso malinconico e ribelle di Donnie, nel suo essere incompreso, nella sua voglia di ribellione.

A chi non ha visto il film consiglio di fermarsi qui, non leggere oltre, ma invece andare subito a vederlo, non importa come o quando o dove. Vedetelo.
Chi invece il film l'ha visto si ritroverà nelle mie parole oppure non sarà assolutamente d'accordo "ma guarda neanche un po', che cavolo di film, non si capisce niente, che roba eh!".
In ogni caso è un film che si ama o si odia, non ci sono vie di mezzo.

Per vedere il Trailer del film, clicca qui

Donnie Darko (Jake Gyllenhaal) è un ragazzo affetto da schizofrenia e depressione e per questo, anche se bello ed intelligente, ha problemi a relazionarsi con coetanei ed insegnati. Donnie, dotato di una profondità (questa sì "anormale") che oscilla tra cinismo e romanticismo, probabilmente non riesce ma sopratutto non vuole relazionarsi con gli altri ad eccezione di pochissimi amici, e le regole e le prescrizioni morali di Scuola e Società non le accetta né le ignora, ma le contrasta con un senso di ribellione pieno d'ira. Depresso e frustrato Donnie non vive la propria vita, si limita a sopravvivere con noia e distacco entrando in contrasto con chi (Scuola, Famiglia, Società) gli impone una visione semplicistica e felice della vita: la vita non è semplice e non è "naturalmente" felice.
Come rifugiandosi da un mondo che non comprende e che non gli procura emozioni, Donnie vive delle allucinazioni (Frank il coniglio) che lo spingono ad atti vandalici o comunque a fare cose "strane" (come svegliarsi all'alba stesi sull'asfalto in mezzo alla strada, sorridere, tornare a casa in pigiama sulla bici o pronosticare la fine del mondo).
La vita entra nel cupo mondo semi-immaginario di Donnie con la conoscenza di Gretchen Ross (Jena Malone) una ragazza nuova, nel senso di appena trasferitasi in città, ma ancora di più nel senso di non comune, non mediocre come le altre. L'amore per questa ragazza non porrà fine alle visioni-allucinazioni di Donnie ma, in un modo duro e dolce allo stesso tempo, darà finalmente un senso alla vita ed al sorriso di Donnie.

Gli attori, su tutti Jake Gyllenhaal, sono completamente fusi con i loro personaggi. La sceneggiatura è intrigante, potrebbe risultare complicata, forse un po' troppo, ma si perdona qualche falla se confrontata con il risultato finale. Fotografia, montaggio, colonna sonora sono perfetti nell'amalgamare immagini ed emozioni.

Finito il film si prova un senso di profonda dolcezza e malinconia verso le immagini viste, le musiche ascoltate, le emozioni vissute.

Ci sembra di aver conosciuto davvero Donnie Darko, di averci parlato, di essere stati al fianco di questo "eroe sui generis, ribelle cinico e romantico" (cit. Mereghetti) dal sorriso e dallo sguardo pieni di quella luce cupa ed affascinante che pervade il film e l'animo di chi lo guarda.

Giorgio Galli, appassionato di Cinema, Attore, Scrittore, studente di Scienze Politiche.
Aggiungi un commento
Sono presenti 3 commenti Visualizza tutti i commenti
inserito mercoledì 04/01/2012 ore 20:44 da Bumburi
Solo chi guarda con gli occhi del "cuore" riesce a cogliere l'invisibile agli "occhi"... Grande fortuna avervi "incontrati". Grazie per ad entrambi per la Vs specialità...IL CUORE!!!
inserito lunedì 02/01/2012 ore 19:05 da Giorgio
Grazie a te che incontri e capisci i Donnie Darko, perchè in ognuno di noi, se abbastanza sensibile ed intelligente, ci sono gli occhi malinconici ed il sorriso cinico di Donnie...
inserito venerdì 30/12/2011 ore 17:23 da serenella presutti
grazie per avermi riportato alla memoria questo meraviglioso film..."visionario" a tal punto di aver anticipato tanti piccoli e significativi comportamenti di tanti, tanti adolescenti...è un pò che incontro anche i bambini Donnie Darko. La sensibilità è avere occhi e orecchie allenati...per non lasciarli soli nella sconfinata solitudine!
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional