Torna nella homepage
 
n.2 aprile 2010
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 24 Settembre 2018  

Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'e-book: Lo sviluppo emotivo di... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Dalla redazione 9 Dalla redazione

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
e-book: Lo sviluppo emotivo di un alunno difficile - di Antonella Di Berto Mancini
Conoscere per gestire le difficoltà - Dall'Introduzione
di La redazione - Dalla redazione
Abbiamo scelto di presentarvi gli e-book della Sysform Editore attraverso le parole degli Autori nella Introduzione del libro. Gli e-book sono libri digitali e potete vedere l'attuale catalogo cliccando a destra. Grazie

Solo all'interno di una relazione può essere compreso appieno il bisogno dell'individuo e solo dentro ad un rapporto, ad una trama di relazioni, la proposta didattica può diventare apprendimento.
Antonella

Introduzione
Anni fa, iniziai a lavorare in una periferia romana ad alto sviluppo demografico e con fasce di emarginazione sociale piuttosto rilevanti; erano presenti molte famiglie con situazioni di grave disagio socio-ambientale e sul territorio di quel municipio gravava anche un alto tasso di disoccupazione. Tutti questi fattori ne facevano, e purtroppo devo dire ancora oggi ne fanno, un Municipio con una concentrazione di marginalità molto alta.
Con il mio mandato di Psicologa dell'area tutela salute mentale, cominciai a frequentare le scuole elementari che mi erano state assegnate.

Subito rimasi sorpresa dalla particolare composizione delle classi: accanto ai moltissimi alunni disabili <<certificati>> ce ne erano altri che presentavano vari tipi di disturbi: disturbi dell'apprendimento, difficoltà psicologiche, comportamentali, relazionali.
Bambini impauriti, confusi, insicuri, con basso livello di autostima e di fiducia in sé stessi, ma anche presenza di svantaggio sociale e varie differenze linguistiche e culturali; ogni maestra diceva di avere una classe "difficile", tutti i bambini di quelle scuole necessitavano quindi di quelli che attualmente chiamiamo "Bisogni educativi speciali".
...

Come mai questi bambini non riuscivano a leggere e scrivere subito come molti altri, loro compagni di banco?

Come mai questi bambini sembravano continuamente distratti e non interessati ad apprendere? Perché tutte queste difficoltà psicologiche, emotive?

L'ingresso nella scuola elementare, l'inserimento in prima classe, rappresenta per il bambino un'esperienza complessa perché gli richiede di affrontare molteplici e diversi sistemi relazionali e attiva anche nuovi circuiti neurocognitivi. Soprattutto l'alunno deve investire la propria "energia vitale" in quella sorta di officina mentale che è il processo di apprendimento.
Le molteplici difficoltà che gli insegnanti riscontravano allora -e che oggi addirittura sembrano anche aumentare di anno in anno (ogni inizio di ciclo elementare, a detta degli insegnanti, pone problemi sempre più numerosi, soprattutto in termini di concentrazione)- sono da intendersi, a mio parere, come disturbi della relazione di attaccamento.

Secondo la ben nota teoria dell'attaccamento di Bowlby (ne parleremo in maniera più approfondita in seguito), attraverso i primi scambi con le figure di attaccamento significative, l'individuo forma dei modelli operativi interni sempre più complessi sia delle figure affettive sia di se stesso. I modelli mentali del bambino si organizzano quindi a partire dalle prime esperienze affettive con le figure di accudimento e, in particolare, la madre. E' dunque la rispondenza emotiva che si crea tra adulto e bambino l'aspetto che maggiormente condiziona la qualità del legame che si instaura tra i due partners: saranno queste rappresentazioni interne, questi "working models" a indirizzare poi l'individuo nella interpretazione delle informazioni che provengono dal mondo esterno e a guidare il suo comportamento nelle situazioni nuove.

...

La sintonizzazione affettiva del genitore -ossia la lettura, la comprensione dello stato mentale del piccolo- consente al bambino l'acquisizione del proprio stato interno e permette una migliore regolazione affettiva.
...

Quando gli sforzi comunicativi di un bambino piccolo hanno successo nello stimolare cure e conforto da parte degli adulti, ha inizio lo sviluppo di una buona efficacia sociale. Ricostruendo, nel corso degli anni, le storie di attaccamento iniziali del bambino che arriva al Servizio per un problema di comportamento o di attenzione, ho potuto registrare una costante relazione tra il comportamento attuale e la storia pregressa del bambino, proprio nella "costruzione", "conduzione" e "gestione" delle relazioni tra gli adulti significativi e il bambino.
Vi introduco un caso reale che può aiutare a comprendere quanto detto per sottolineare proprio quanti danni si possono produrre se l'adulto- genitore non si assume la responsabilità di accompagnare il bambino in questa fase iniziale così delicata, magari perché non sa, perché è centrato su altro. Non cerco di raccontarvi storie per individuare un "colpevole" ma è necessario essere consapevoli che avere un figlio non significa solo "dare" materialmente!!! Più avanti cercherò di illustrare il significato dei diversi tipi di attaccamento che si possono sviluppare tra un bambino e la sua figura di riferimento.

Un esempio clinico che rende chiaro quanto detto (i nomi sono di fantasia)
Massimo (17 anni) e Luciano (15 anni e mezzo) sono fratelli e sono giunti al servizio dove lavoro su segnalazione del Tribunale Ordinario di Roma, in ordine ad una separazione conflittuale ed ad una richiesta da parte della madre della modifica degli incontri tra padre e figli. Per questo adempimento viene chiesta un'indagine psico -socio -ambientale sul gruppo famigliare.
Con l'assistente sociale svolgo degli incontri con i genitori, con i ragazzi e uno con la famiglia al completo. Nel colloquio con gli ex coniugi emerge subito evidente una grossa conflittualità che non consente un dialogo positivo e costruttivo neanche sul racconto cronologico della storia della famiglia, che peraltro si connota per una lunga serie di denuncie e controdenunce da parte di entrambi. Si innesca subito un confronto ostile e pieno di rabbia con accuse rivolte l'uno verso l'altro e non c'è cenno alcuno ai figli che appaiono, già in questo primo incontro, come non visti, in secondo piano rispetto alle personalità individuali dei genitori e alla loro storia di coppia.

La storia coniugale è segnata sin da subito come violenta e conflittuale, con la presenza di maltrattamenti da parte del coniuge sulla signora e la nascita dei figli aggrava questa situazione preesistente. Massimo e Luciano crescono alla presenza di continui litigi spesso molto violenti tra i genitori, che spesso coinvolgono anche i due bambini.
I due genitori sono preoccupati solo di ciò che riguarda loro stessi e, presi dai loro conflitti, sono incapaci di sentire e riconoscere i bisogni dei figli. Entrambi mancano della necessaria flessibilità e disponibilità ad accettare i cambiamenti evolutivi dei ragazzi, aspettandosi che i ragazzi si "assimilino" ai loro schemi mentali: ovviamente tutto ciò costituisce una miccia che accende i due adolescenti.
...

I ragazzi frequentano due istituti professionali diversi ed entrambi agiscono comportamenti provocatori, violenti e aggressivi nei confronti di compagni di scuola.
Nel colloquio con entrambi, Massimo e Luciano appaiono molto legati fra loro e soprattutto Massimo svolge una funzione protettiva nei confronti del fratello minore. I due ragazzi raccontano la loro storia identificandosi ora con la madre ora con il padre, senza però riuscire a trovare un contenimento affettivo stabile e continuo. Mostrano una scarsa capacità introspettiva sia nella narrazione dei propri episodi di vita, sia rispetto alle soluzioni che individuano per i problemi che incontrano sul loro percorso. La stessa narrazione degli eventi è caratterizzata da una freddezza emotiva, non c'è nessuna connessione tra la narrazione ed il tono emotivo, è come se parlassero di altri, come se non avessero accesso, contatto con i propri sentimenti e, infatti, le loro emozioni e sofferenze vengono espresse attraverso il comportamento, l'agito.
Il rischio che corrono i due ragazzi è quello di cronicizzare comportamenti antisociali e di microcriminalità.


In questi ragazzi è evidente un tipo di attaccamento insicuro-evitante in cui l'immagine del caregiver è associata ad un'idea di scarsa affidabilità e inconsistenza mentre l'immagine di sé è associata ad una incapacità di ricevere attenzione e cura adeguata.
...

La conoscenza del mondo interno del bambino, delle sue emozioni, del suo sviluppo come "mente pensante" sono le domande più frequenti che mi sono state poste in questi anni.
Sulla consapevolezza che lo studio attento delle prime relazioni del bambino permette di avvicinarci alla comprensione del mondo interno e che le prime relazioni infantili sono quelle che ci marcano in modo indelebile, che ci forniscono la mappa per considerare sia noi stessi che il mondo esterno, ho investito molto della mia formazione e del mio lavoro.
Il percorso è teorico quel tanto che basta per offrire contenuti che permettano di sviluppare riflessione sul tema, ma è anche pratico nel senso che ho cercato di accompagnare con esempi reali ciò che è stato "studiato" e ciò che propongo ha l'intenzione di guidare il lettore -docente, genitore, educatore, appassionato..- anche alla scoperta della conoscenza di sé, del proprio mondo emotivo, della propria storia ...

La professione docente ha come primo e più importante aspetto quello dell'incontro con una persona in una situazione importante del suo percorso di vita: nella situazione di sviluppo, di formazione, di apprendimento -non esclusivamente didattico- ed è quindi una situazione di alta vulnerabilità, in cui occorre imparare anche a "leggere" le emozioni, soprattutto quelle disturbanti, come espressione del mondo interno della persona e non solo come sintomi.
Solo all'interno di una relazione può essere compreso appieno il bisogno dell'individuo e solo dentro ad un rapporto, ad una trama di relazioni, la proposta didattica può diventare apprendimento.

Buon proseguimento!


Autore:Antonella Di Berto Mancini
e-book: Lo sviluppo emotivo di un alunno difficile. Conoscere per gestire le difficoltà
anno: marzo 2010
edizione: Sysform Editore
costo: 19 euro



Vedi l'Indice del libro
Vai al catalogo Sysform Editore
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Vai all'Indice dell'e-book Vai all'Indice dell'e-book
Vai al catalogo Sysform Editore Vai al catalogo Sysform Editore
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional