Torna nella homepage
 
n.9 gennaio 2011
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:25 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Fishandchips'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Emergenza scuola 5 Emergenza scuola
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
e-book novità e-book novità
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Fishandchips
Dall'inchiostro al film "Un altro mondo"
di Riccardi Barbara - Didattica Laboratoriale
Chissà quanti lettori appartengo all'epoca del: "metti le pattine, non camminare per casa scalza"?...

Quanti hanno dovuto subire questa tortura ogni volta rientrando a casa dopo un'intera giornata passata fuori, a scuola, in palestra, a musica e finalmente a casa, anelanti di desiderio di calore di casa e di più che un meritato relax?...
Questo desiderio di tranquillo ristoro familiare, scoppia come una bolla in aria, nel momento in cui odi il suono delle fatidiche parole "metti le pattine".
Tu ubbidiente e ligio inforchi senza fiatare, a testa bassa, gli attrezzi diabolici di panno, come due pattini e a gran fatica cominci ad imprimere potenza di spinta sulle gambe, per proseguire il cammino almeno verso la tua agognata stanza.
"Attenzione a non lasciare i segni sul pavimento appena cerato con tanta fatica, non camminare scalza, lasci le impronte e la cera va via".
Che cosa se ne fa uno con un pavimento lucente come uno specchio, se non ci si può neppure transitare comodamente?

Pensare che una volta altro che segni ho lasciato. Il nostro corridoio lunghissimo, che poteva benissimo essere usato come un luogo di esposizione di mostre di quadri, l'ho fatto diventare la mia pista per i pattini. All'arrivo del genitore/pattine, i pattini furono frullati via e da quel giorno non ho più provato a pattinare.
Non arrendendomi mi ingegnai, da pista di pattinaggio, lo trasformai in un campo da bocce, usando bocce non di plastica, come quelle che di solito si usano in spiaggia, ma delle bellissime bocce lucide di legno vero, bianche e nere, che su un pavimento lucido fanno un rumore roteante da effetti lucido/splendenti. Per insonorizzare il fracasso, ho steso a terra un plaid per attutire, anche così non sono riuscita a svicolare i rimbrotti, prima sottoposta ai rimproveri dei signori del piano di sotto, poi del genitore/pattine sempre più adirato/sconfortato.
L'ultimo tentativo di sfruttamento di tanto spazio è stato realizzare un campo di calcetto, usando come porta il portoncino di casa e per l'altra porta, l'arco a metà del corridoio; la palla ... rigorosamente di spugna, in questo caso ho trovato alleato l'altro mio genitore, compagno di gioco in quelle occasioni.

E chi non è stato sottoposto alla prova ... sabbia in auto, "lava i piedi, sciacqua i piedi bene alla fontanella, le infradito sbattile, non penserai mica di entrare con tutta quella sabbia in macchina?"
E quella: "Non si mangia a tavola con le mani", spontaneo mi venne da pensare: "E allora dove si può, dove posso? - Attenzione a non impataccarti come al tuo solito, ogni volta che mangi, che poi le macchie di unto non vanno più via. Attenzione alla tovaglia, non è bello avere una tovaglia da contadini". Mi sono sempre chiesta: "Perché i contadini, come mangiano?"

Ecco l'importante rapporto genitori/figli. Regole, modalità d'uso, divieti e limiti.
Quando il dialogo la fa da diavoletto tentatore.
Luca, figlio della scrittrice Carla Vangelisti, autrice di "Parlami d'amore", diventato poi film di successo e del secondo libro "Un altro mondo" film uscito sugli schermi a Natale, diretto ed interpretato da Silvio Muccino.
Luca confida/ispira la sua mamma, nel raccontare la storia di un trentenne abbandonato dal padre che lo rincontra per caso in Kenia e scopre che ha un altro figlio. Luca in realtà le stava suggerendo di narrare la sua sofferenza e la sua esperienza. Un rapporto fatto di confidenze, di stima e complicità.

Questo il primo passo di comunicazione, condivisione di pensiero, partendo da un'ipotesi/idea, alla realizzazione del libro, per poi materializzarsi anche visivamente sul grande schermo, dall'inchiostro alla pellicola.
L'energia che trasmettono i due viaggiatori Vangelisti/Muccino, è la stessa, un'energia che pervade e arriva a noi fatta di entusiasmo e voglia di dare, così vicini per obiettivi e stili di pensiero, da somigliarsi anche fisicamente. In un'intervista Carla dice: "Ci interessano le storie che raccontano una trasformazione profonda: tutti ci lamentiamo della nostra vita sempre uguale, ma abbiamo paura di modificarne le dinamiche. Magari nella vita non ci si riesce altrettanto brillantemente, ma a me e a Silvio piace raccontare personaggi che sanno innescare quel cambiamento".

Possiamo dire che il cuore del libro è centrato su un'epigrafe di Shakespeare: "Il passato è un prologo", cioè qualcosa da cui partire, non qualcosa cui rimanere attaccati con dolore e amarezza. Come una matriosca, una dentro l'altra, le idee, le realizzazioni. Dal libro al film, dal film al libro per piccoli "Fishandchips", da "Fishandchips" all'iniziativa a favore della World Friends onlus, del medico chirurgo Gianfranco Morino in Africa da 25 anni per costruire ospedali nelle bidonville di Nairobi. I proventi delle vendite verranno interamente devoluti alla onlus del dott. Morino per contribuire alla realizzazione del suo sogno.

FishandChips, è un dinosauro di peluche arancione che viene da un altro mondo e che Charlie, il bambino africano di "Un altro mondo", tiene sempre con sé per avere coraggio nei momenti difficili.

Carla mi confida che sicuramente è più facile scrive per i grandi, la tecnica per scrivere per i bambini è ben diversa, lei non si è mai cimentata in questo, è la sua prima esperienza, dice: "Fondamentalmente bisogna evitare di farli annoiare, utilizzando tra le altre cose, frasi brevi".
Quindi inventare storie che si rifacciano al quotidiano, fatto di esperienze di ogni giorno, dove i bambini possono ritrovarsi e ritrovare le loro esperienze.

Accattivante lo stile, l'entusiasmo che traspare dalle avventure, intriganti i colori ed i disegni, amalianti/tentatori e vivaci.
L'invenzione di questo dinosauro, un po' mago, che come bacchetta magica usa le sue orecchie, viene in aiuto di chiunque sia in difficoltà; in realtà sarebbe un mago utilissimo anche a noi adulti. Con la saggezza di chi viaggia nello spazio da milioni di anni, fa di lui un super eroe.

Le sfide, l'Africa come sfida, emozioni a sorpresa che scaturiscono lavorando con un bambino. E' la storia che racconta la presa di coscienza del giovane e agiato Andrea, che il padre morente e da sempre assente chiama per un ultimo appuntamento in Kenya, a Nairobi.
All'arrivo una sorpresa lo attende, un loquace fratellino africano con cui dovrà imparare a convivere, dopo un iniziale gesto di rifiuto. Dopo aver fatto ritorno a casa Andrea e convinto la sua fidanzata Livia delle sue buone intenzioni, l'Africa riserva per lui grandi emozioni.

Storia di una "adozione all'inizio forzata", ma che dopo molte classiche avventure casalinghe, dopo la fuga e il ritorno della sua ragazza, dopo aver combattuto con quel tremendo razzismo casual che in Italia serpeggia quotidiano ovunque, darà i suoi buoni frutti.


Fishandchips è stato utilissimo anche a me, con i miei ragazzi che lo hanno accolto con entusiasmo e curiosità. Mi sono attiva nel leggerglielo, perché mi ha stimolato nel proporre un lavoro sulle loro paure, le paure individuali di ognuno, nel massimo rispetto, formulando un patto di segreto professionale, cosa richiesta dai bambini stessi, per vergogna e pudore, scrivere/descrivere si, ma mantenendo l'anonimato.
Dopo aver siglato il patto professionale da parte di tutti, siamo partiti nello sviscerare ogni angolo di pensiero, ogni timore e angoscia che non li lascia in pace.
Sono emerse molte cose, talmente particolari che mi hanno spinto ad andare oltre; dallo scritto, alla visualizzazione con vignette descrittive dei vari momenti ed occasioni generatrici di quelle brutte emozioni, stati di ansia ed insicurezza.
Insieme abbiamo deciso, di comune accordo, di praticare il metodo curativo Fishandchips e credetemi, parlandone, commentando e rispondendo in modo diretto e schietto molti dubbi e paure, in un batter baleno sono evaporate/dissolte nell'aeree, con grande stupore ed incredulità. Grazie piccolo grande dinosauro arancione.

Barbara Riccardi, Docente 143°CD "Spinaceto" - Roma

In onore al mio papà Luigi: "GRAZIE PER OGNI PASSAGGIO DI TESTIMONE CHE MI HAI REGALATO!!!"
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
blog di Carla Vangelista blog di Carla Vangelista
World Friends Onlus World Friends Onlus
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional