Torna nella homepage
 
n.5 settembre 2010
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:19 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Giocare con la matematica in p... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Long Life Learning 7 Long Life Learning
Pagina Dalla redazione 9 Dalla redazione

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Giocare con la matematica in prima elementare
Il gioco delle macchine
di Bigiaretti Maria Luisa - Didattica Laboratoriale
Come anticipato nel numero di giugno, ecco una nuova proposta per giocare con la matematica.

In prima elementare questo gioco è utilissimo per aiutare i bambini a impadronirsi del concetto di operazione. Ogni operazione può essere intesa dinamicamente come un operatore che agisce su un numero e produce un altro numero: è perciò come una macchina che opera su ciò che si introduce all'entrata e che dà un'altra cosa all'uscita.

Le prime macchine non devono mai essere rappresentate simbolicamente sulla carta ma -come diceva il Dienes - "incarnate" dai bambini stessi, in modo che il lavoro della macchina sia da loro vissuto da protagonisti.

Io facevo eseguire questo gioco così: mi procuravo dei tappi da bibita (o gettoni, sassi, bottoni...) un vassoio di cartone o di plastica. Poi chiamavo a giocare tre bambini; uno faceva l'entrata della macchina, un altro faceva l'uscita, il terzo, fra i due, era l'operatore.
Al collo dell'operatore appendevo un cartello su cui era scritta chiaramente (con un pennarello nero a punta grossa) l'operazione da compiere: es. + 2; +4; - 3 ecc.
Poi mettevo parecchi tappi in una scatola a portata di mano. Se volevo far agire una macchina che aggiunge 2, mettevo al collo del bambino-operatore il cartello: + 2.

Il bambino-entrata poteva mettere sul vassoio un numero di tappi a piacere. Se, per esempio, ne voleva mettere 5, diceva ad alta voce: " Metto 5", poi li contava uno per uno e li posava nel vassoio che passava al bambino-operatore; questi, in silenzio, ne aggiungeva 2. Il vassoio andava poi al bambino-uscita che contava tutti i tappi e comunicava a voce alta quanti erano.

Naturalmente facevo ripetere il gioco con diversi operatori (+ 4, + 1, + 3...) e scambiavo i bambini nei diversi ruoli. Analogamente realizzavamo "macchine che tolgono" (- 2, - 3, - 1 ecc.) e ben presto e con grande divertimento i bambini arrivavano alle prime scoperte:

alcune macchine per togliere non funzionano (quando la quantità introdotta all'entrata era troppo piccola);
altre funzionano ma ... all'uscita arriva il vassoio vuoto (nei casi di 3 - 3, 4 - 4 ecc);
le macchine che aggiungono o tolgono zero si comportano ...stranamente!

Dopo un discreto rodaggio con le macchine-gioco proponevo di disegnare le macchine, (due quadrati per l'entrata e l'uscita, collegati da una freccia-operatore) poi facevo eseguire diversi esercizi utilizzando il linguaggio dei numeri.

Durante questi esercizi rivolgevo domande di questo tipo:
- data l'entrata e l'operatore, che numero arriverà all'uscita?
- dato l'operatore e l'uscita, che numero c'era all'entrata?
- data l'entrata e l'uscita, qual é l'operatore?
- dato l'operatore, che numeri possono esserci all'entrata e all'uscita?

Il gioco delle macchine non stancava mai i bambini e dalla seconda in poi potevo gradualmente proporre:
- macchine doppie e strade di macchine, da completare o da inventare
- macchine equivalenti
- macchine inverse
- macchine che moltiplicano e che dividono

Buon divertimento con la matematica.

Maria Luisa Bigiaretti, Docente di scuola primaria "in pensione" - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional