Torna nella homepage
 
n.24 giugno 2012
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:22 Novembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Golia Amore a prima vista'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Dalla redazione 9 Dalla redazione
Pagina Dedicato a te 12 Dedicato a te
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
L'intervista L'intervista
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Orizzonte scuola Orizzonte scuola
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Sotto la lente Sotto la lente
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Golia Amore a prima vista
Un blog laboratoriale per meglio convivere con il nostro migliore Amico
di Riccardi Barbara - L'intervista
Un Amore a prima vista durato 18 anni, nel Bar Termini in Via S. Croce in Gerusalemme, in una gelida mattinata di inverno, lui una pallina di pelo nero arruffato, avvolto in una sciarpa bianca si è presentato a me.
Oggi dopo tanti anni mi sto chiedendo se è stato Amore o se è stato l'effetto dopo il prelievo di sangue e lo stomaco vuoto che hanno reso fattiva l'audace adozione tra me e il mio futuro Amichetto.
Mentre ingurgitavo in fretta la doppia razione di cornetto e cappuccino si avvicina al bancone un signore distinto con in braccio un'enorme sciarpa bianca. Incuriosita ma distratta dal masticare chiedo cosa celava di tanto prezioso, lui senza proferir parola prende e inizia a scartare la sciarpa e sorpresa un esserino dallo sguardo furbetto si fa intravedere, di colpo lascio cadere nel piatto il cornetto e afferro il cucciolo di pelo yorkshire, ci gioco, mi mordicchia, lo strapazzo, mi lecca, lo manipolo, è fatta Eros ha scoccato il suo dardo...

Il padrone intanto racconta che si tratta del figlio di Punto e Virgola, i cani della Carrà, ricordate la sua trasmissione: "Quanti fagioli contiene l'ampolla? Quante lenticchie ..." , io non avevo proprio bisogno di farmi ammaliare, già avevo deciso: "Golia è mio"!!" Ora la parte più difficile dell'impresa, arrivare al si di mamma, che dire, si era già fatta catturare al loro primo scambio di sguardi. L'ostacolo, papà come la prenderà?

All'unisono, alleate, io e la mamma, decidiamo di portarlo a casa: "A giochi fatti non potrà dire di NO ..."
Così fu! Al primo incontro, frase classica: "O entra lui o vado io via di casa", e noi: "Bene, d'accordo...", il secondo giorno Golia, ah dimenticavo il peloso l'avevo battezzato Golia, primo per simbolismo al gigante grande, grosso e vincente e poi perché nero e tondo proprio come una caramella Golia, in onore al mio nonno amato a cui piacevano da impazzire, terzo per in riferimento al piccolo di elefante della Walt Disney che ha messo in salvo i suoi amici di fronte la comparsa di un topolino; vi stavo dicendo che Golia non si staccava un momento da papà, sembrava quasi che avesse capito che doveva catturarsi le sue grazie con la sua simpatia e bellezza. Certo l'approccio non era proprio quello giusto, perché continuava ad assillarlo mordicchiandogli i lacci delle scarpe, tanto lo sapeva bene Golia, nato ad ottobre nel segno anche lui, come il babbo dello scorpione, fermo e volitivo avrebbe fatto breccia anche nel più dei glaciali dei cuori.

In realtà papà non è che non lo voleva, aveva solo paura dei cani, una paura che ha avuto fin da piccolo avendo avuto un'esperienza negativa legata al ricordo/rapporto dei suoi due boxer di cui i nonni avevano una passione. Si sa che i boxer sono giocarelloni, saltano e non controllano la loro esuberanza, da lì un brutto approccio di contatto è stato fatale ad incutergli terrore dei quattro zampe. L'incontro di Golia con lui, una volta entrato in contatto, è stato terapeutico riuscendo a superare ogni remora. Come l'Amore può tutto!!

Proprio di questo, di come un cane può essere di aiuto per superare paure e fobie ce lo spiega la nostra esperta comportamentista cinofila Giulia, la quale ha creato apposta un blog sul nostro "Net for Kids" il social network under 14. Giulia spiegherà trucchi e mestieri per guadagnarci la loro fiducia e la loro simpatia, come farci ascoltare ed ubbidire senza troppa fatica. Insomma come rendere migliore il rapporto con il nostro migliore Amico!!
DIMENTICAVO DI DIRVI: tutto questo vale solo per gli iscritti a NET for KIDS il social network under 14.

Giulia sono molte le persone che hanno paura di un cane?
La paura ad avvicinarsi ad un cane appartiene a molte persone. Ci sono persone che hanno vissuto direttamente, sulla propria pelle un' esperienza negativa e altre invece hanno assistito a episodi di "violenza" e ne sono rimaste colpite.

Perché si ha paura?
La paura riguardo il rapporto uomo-cane è dovuta al fatto che la maggior parte delle persone non sa "comprendere" ciò che il cane ci sta comunicando attraverso il corpo (il linguaggio non verbale). Alcune persone credono che tutti i cani che attaccano in modo lieve o meno un essere umano sono per forza cani aggressivi e cattivi ma non è affatto vero, è come dire che quando vediamo una persona litigare con un'altra su un mezzo pubblico ad esempio pensiamo si tratti di una persona cattiva "sempre", ventiquattro ore su ventiquattro. È la circostanza, il contesto che fa cambiare alle volte il carattere dell'individuo, uomo o animale che sia. Ogni reazione e comportamento del cane ha una logica alle spalle; i cani aggressivi esistono ma con l'esperienza di persone competenti si possono aiutare a modificare il loro comportamento.

E' possibile superare la paura dei cani?
Si può "guarire" da queste fobie gradualmente ma bisogna avere la volontà di farlo e ricorrere ad "aiuti" esterni, come ad esempio possono essere quelli familiari o di persone competenti in campo cinofilo (l'educatore e/o il comportamentalista ). Ci si può avvicinare ad un cane di taglia medio-piccola (anche se la taglia non ha un gran valore); maggiore importanza c'è l'ha il cane che troviamo "carino" anche se facciamo fatica ad avvicinarci proprio a causa della nostra paura.

Di che cosa parlerai con i ragazzini su NET for KIDS?
Affronterò con loro i problemi, i dubbi e le curiosità circa i cani. E' probabile che qualcuno abbia già un cane e potrò dare loro consigli su come migliorare il rapporto con lui. Per chi non ha ancora un cane e desidera tanto averlo ... parleremo anche dei canili e delle attività di adozione che si possono realizzare. Vi aspetto tutti su NET for KIDS, iscrivetevi al gruppo: IO AMO IL MIO CANE!!!

Grazie Giulia e complimenti per l'iniziativa che certamente sarà interessantissima per tutti gli under 14 che amano i cani.

Barbara Riccardi
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional