Torna nella homepage
 
Numero: 1 -settembre 2008- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 23 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Ho compreso che ogni cosa ha u... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Emergenza scuola 2 Emergenza scuola
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Ho compreso che ogni cosa ha un suo ritmo
Riflessioni di inizio anno sugli atteggiamenti ciclici degli insegnanti
di Furia Stefania - Organizzazione Scolastica
...Mens sana in corpore sano... questo dicevano i nostri padri latini e vi posso confermare, che mai come nella categoria degli insegnanti questa frase si adatti alla perfezione.
Primo giorno di servizio, ci si ritrova tutti per il primo Collegio dell'anno, belle, riposate con un sorriso a trentadue denti, con la voglia di salutare, accogliere le nuovi colleghi, ma non vi illudete tutto questo dura poche ore, già dopo due ore di Collegio riaffiorano i segni di quella tensione che durante l'anno ci renderanno tese e scontrose.
Tutto questo mi ha portato a riflettere sul fatto che alcune situazioni lavorative come la nostra di insegnanti ci portano ad avere degli atteggiamenti ciclici, che si ripetono nel tempo, e in certi determinati periodi danno vita agli stessi comportamenti.
Perché questo?
La risposta mi è giunta inaspettata mentre leggevo un libro,"Psicologia del ritmo" di P. Fraisse, ho letto la seguente affermazione:" ...I primi psicologi che descrissero la nostra vita cosciente si sono in primo luogo presi cura di spiegare gli effetti emotivi del ritmo....Wundt spiega che l'emozione prodotta dal ritmo deriva dalla successione ripetuta di fasi di aspettativa e di soddisfazione...".
Ecco la risposta: ASPETTATIVE e SODDISFAZIONI.
Il nostro mestiere è pieno di aspettative, (devo raggiungere degli obiettivi), anche di soddisfazioni (i miei alunni sanno leggere e scrivere....) a volte può succedere però che le aspettative siano troppo alte e le soddisfazioni tardino ad arrivare o non arrivino proprio,questo può incastrarci in circuiti ansiogeni che ci rendono a volte pesanti e non ci permettono di vedere magari nel collega un aiuto valido e positivo per il nostro lavoro.
Ho compreso che ogni cosa ha un suo ritmo e noi insegnanti per primi dovremmo agire lasciando operare questo ritmo, che serve, aiuta e scandisce ogni istante della nostra esistenza.

BUON ANNO LAVORATIVO A TUTTI I COLLEGHI!!!!!!!

Stefania Furia Docente 196° Circolo Didattico via Perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional