Torna nella homepage
 
Numero: 4 -Marzo 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 22 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'I verbi'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 5 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
I verbi
Come non annoiare i bambini durante lo studio della lingua italiana
di Rossini Simonetta - Didattica Laboratoriale >>> Percorsi laboratoriali
Talvolta l'apprendimento dei verbi viene visto come qualcosa di noiosissimo e faticosissimo : già in seconda qualche insegnante fa coniugare alcuni tempi degli ausiliari per proseguire, dalla terza in poi, con pagine e pagine di verbi che stimolano soltanto la memoria e la bella scrittura.
Anche lo studio dei modi rischia di risultare asettico, avulso da quella quotidianità all'interno della quale un bambino ascolta e vive i diversi usi che dei verbi si fanno.
Comincio a parlare ai miei alunni dei verbi in IV ma affronto con loro lo studio approfondito dei modi solo in V quando sono ormai in grado di riconoscere e quindi analizzare il "parlato" di tutti i giorni.
Alle mie classi ho detto che lo studio dei verbi è affascinante e non difficile perché loro li usano, anche se in maniera inconsapevole, secondo regole ben precise da quando hanno imparato a parlare correttamente. E' risultato altresì utile legare alcuni concetti a riferimenti concreti , ad aspetti della vita concreta.
Premesso che non riesco a riprodurre per iscritto il clima positivo che cerco di creare prima di ogni spiegazione ( richiesta di attenzione, presentazione di quello che stiamo per fare come importante e bello, richiesta di alzata di mano per chi si sente curioso di affrontare un lavoro anche se impegnativo....) ecco alcuni esempi riguardo il lavoro sui verbi.

-Prima di tutto gli ausiliari: che significa ausiliare? Viene fuori che un bambino ha la mamma ausiliaria che lavora in ospedale. Benissimo! Semplificando un po', è una persona che aiuta i medici nel curare i pazienti. Ma qualcuno ha sentito parlare anche degli ausiliari del traffico. Benissimo! Sono quelli che aiutano i vigili urbani (purtroppo...). E così di seguito per arrivare alla conclusione che i verbi essere e avere " aiutano" gli altri verbi. Ma li aiutano a fare che? Un dolce? Un disegno?...

-Distinzione tra tempi semplici e composti: dopo una serie di osservazioni durante le quali faccio sempre la finta tonta ( quella che cerca insieme a loro le risposte giuste) ecco che qualcuno risolve il problema. Gli ausiliari servono a formare i tempi "doppi". Dopo una serie di analisi viene fuori un'altra cosa. In un momento in cui a Napoli il problema della spazzatura è argomento di tutti i mezzi di informazione ecco che ci si accorge che i tempi composti sono tempi "ecologici" perché riciclano i tempi semplici degli ausiliari. Sembra niente ma vi assicuro che quando leghiamo il problema della spazzatura ai verbi sono tutti contenti e divertiti; sicuramente, inoltre, ad ogni immagine di Napoli invasa dai rifiuti qualcuno penserà a quanto sono invece "bravi" i tempi composti.

-Tempi dell'indicativo: non è possibile scrivere tutto quello che abbiamo fatto ma posso assicurare che di ogni tempo si è cercato l'aspetto reale e quotidiano dell'uso che se ne fa.
Di solito piace molto l'imperfetto perché, come esempio di azione ripetuta nel tempo, è quello che li fa tornare nel passato : da piccolo "dormivo" nel lettone di mamma e papà..."bevevo" il latte da un biberon...Avete mai sentito parlare dell'imperfetto di modestia? Si usa per indicare che il soggetto vuole fare un'azione ma è disposto anche a non farla più: "volevo" 1 etto di prosciutto (se il salumiere però me lo sconsiglia perché troppo salato sono disposto a comprare altro). Il bello è stato che durante il lavoro ho guardato male un bambino che giocherellava con un elastico; mentre lo metteva via si è giustificato dicendo "...no volevo solo ..." Ovazione e applausi! Aveva usato l'imperfetto di modestia.

-Per il modo congiuntivo abbiamo iniziato scrivendo un brano sul personaggio-nemico del congiuntivo: Fantozzi! Nel brano, il preside,al telefono con il ragionier Ugo lo invitava a scuola con uno splendido "VENGHI subito".
Più che da come fare siamo partiti da come "non" fare, ricercando altri esempi negativi (bannando chi sbaglia pur avendo i mezzi per non sbagliare e rispettando chi sbaglia perché di mezzi a disposizione non ne ha avuti...).

-Per finire un breve esempio sul legame congiuntivo-condizionale: qui sono stati fatti infiniti esempi sui desideri di ognuno . Cosa ti piacerebbe fare oggi pomeriggio? Andare a giocare a pallone. Perché non sei sicuro di farlo? Perché piove....Ecco: ci sono cose che ci piacerebbe fare ma che possiamo fare a condizione che...SE non piovesse giocherei a pallone.
Quel SE, del resto, i bambini lo conoscono bene!

Simonetta Rossini Docente 196° Circolo Didattico Via Perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional