Torna nella homepage
 
n.17 novembre 2011
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:12 Novembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Il gioco di parole'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Long Life Learning 7 Long Life Learning
Pagina Dalla redazione 9 Dalla redazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
e-book novità e-book novità
L'intervista L'intervista
Long Life Learning Long Life Learning
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Sotto la lente Sotto la lente
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Il gioco di parole
Conoscere lo sviluppo del linguaggio per riconoscere il disturbo
di Castaldo Esterina - e-book novità
"Tao, te bella babbola". Questa è un esempio di come parla e compone le frasi chi ha problemi di linguaggio. Che si parli di dislalie o disordine fonologico o disturbo semplice di linguaggio, la sostanza non cambia: i bambini che presentano questo tipo di difficoltà non riescono a pronunciare le parole in maniera corretta; commettono diversi tipi di errori: sostituzioni di fonemi (nel caso della frase succitata abbiamo il fonemi /ci/ sostituito con /t/, il fonema /k/ sostituito con la /t/), riduzione di gruppi consonantici (/mb/ viene ridotto in un'altra /b/), inserzione di fonemi e altri ancora.

Sempre più frequente è la richiesta di una Valutazione Logopedica da parte dalle mamme che allarmate da una produzione linguistica incomprensibile da parte dei loro figli, decidono di rivolgersi ad un esperto della comunicazione e del linguaggio. Quasi sempre però dopo i cinque anni d'età, ed è raro che prima di quest'epoca ci si ponga il problema in merito al linguaggio dei piccoli.

Alcuni bambini possono sviluppare il linguaggio più tardi rispetto a bambini della stessa età e non per questo hanno difficoltà, anzi possono addirittura avere un'esplosione linguistica non indifferente. Ma, purtroppo, mi capita sempre più frequentemente di valutare bambini di oltre cinque anni d'età che parlano davvero male, ciò mi preoccupa molto.

Mi rendo conto che in famiglia, soprattutto con la mamma, si struttura un linguaggio comprensibile mediante il quale il piccolo ottiene ciò che vuole, per questo motivo l'interesse e la motivazione del bambino nel correggere la pronuncia non c'è, e nemmeno i genitori ne sentono la necessità. Il problema si comincia ad evidenziare solo poco prima che il loro figlio debba essere inserito in prima elementare, perché con l'ingresso a scuola i difetti di pronuncia assumono un significato differente ed è così che i genitori iniziano a preoccuparsi.

La prevenzione potrebbe risolvere tantissimi problemi e sopratutto far recuperare tempo prezioso ai nostri piccoli, basta richiedere al medico di base una visita specialistica foniatrica prenotarla all'asl ed avere così un consulto tecnico sulle competenze del linguaggio del bambino, oppure rivolgersi privatamente al proprio Foniatra di riferimento.

Le maestre e i pediatri giocano un ruolo fondamentale in questo disturbo, perché spesso le mamme si fanno consigliare da loro su come doversi comportare. È importante, quindi, che essi diano un contributo sulla precocità d'intervento. Spesso, però, non è così. Arrivano, da me, mamme disperate perché non capiscono nemmeno più loro cosa dicono i loro figli e alla mia domanda "ma a scuola nessuno se ne è accorto?" mi dicono "si, ma le maestre hanno detto di aspettare!". Aspettare cosa? Che i bambini possano strutturare un disturbo di linguaggio più complesso e/o che alle elementari possa sfociare in DSA?

Ecco perché ho deciso di scrivere questo ebook; voglio che chiunque: genitori, insegnati, educatori, terapisti, ecc.. possano conoscere cos'è il linguaggio, come si sviluppa, come dovrebbe essere uno sviluppo normale e come interpretare i campanelli d'allarme, in modo tale da intervenire il più precocemente possibile.

Esterina Castaldo, Logopedista - Roma

Dal 15 dicembre l'e-book sarà disponibile sullo store www.sysformeditore.it
Leggi l'indice


Della stessa autrice: "Fortunato ...un bambino iperattivo. Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività" e "La voce dei pensieri. La comunicazione aumentativa per la persona afasica." e-book, Sysform Editore
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Indice dell'e-book Indice dell'e-book
Lo store di Sysform Editore Lo store di Sysform Editore
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional