Torna nella homepage
 
n.10 febbraio 2011
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:21 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Il microfono che scotta'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Oltre a noi... 6 Oltre a noi...
Pagina Scuola & Tecnologia 10 Scuola & Tecnologia
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
e-book novità e-book novità
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Il microfono che scotta
La paura di parlare in pubblico
di Rosci Manuela - Dedicato a te
L'ultimo Convegno a cui ho partecipato ha sollecitato in me una riflessione partendo da questa situazione: terminato l'intervento del relatore, inizia la fase di dibattito dove è possibile che il pubblico faccia domande; qualcuno più o meno timidamente alza il braccio per indicare la volontà di intervenire; il relatore rinvia il feedback che acconsente l'intervento; il docente, in questo caso, inizia a parlare; il pubblico da dietro mormora e/o dice che non si sente; in alcuni casi colui che vuole fare l'intervento, mentre continua a parlare, stentatamente si alza; continua il brusio perché solo i vicini di posto riescono a sentire l'intervento; il relatore allora sollecita l'hostess di sala ad avvicinarsi e offrire il microfono e, nella maggior parte dei casi
.... la persona che ha già avuto coraggio nell'alzare la mano, che è stato costretto ad alzarsi in piedi (contro la sua volontà!), cerca di resistere, indietreggia, pensa in quell'istante che dura una eternità "non potevo stare seduto e zitto/a", non vuole toccare quell'oggetto, quel "gelato" che sembra scottare, anzi di più! Mai vista scena simile? Mai tenuto in mano "a forza" ... un microfono che scotta?

Stessa situazione si ripete nei Collegi dei docenti dove pochi, di norma sempre gli stessi, parlano (i più da seduti), dirigendo il loro intervento per lo più al Dirigente o a chi ha parlato precedentemente, vagamente distratti che quelli accanto e soprattutto non interessasti a che dietro possano sentire, anzi, se sono pochi che prestano attenzione ... meglio!

Cosa rende le persone così vulnerabili tanto da non permettere di esprimere la propria idea? Cosa impedisce di alzarsi e porre una domanda? Cosa frena dal testimoniare la propria convinzione in merito a quanto si sta dicendo? Perché il microfono è un oggetto tanto ... pesante?

Tutti siamo in grado di parlare, più o meno correttamente, in maniera più o meno consona alla situazione; tutti, salvo deficit o difficoltà particolari, siamo in grado di domandare, rispondere, cantare (anche se stonati), gridare ... Tutti, salvo deficit invalidanti, siamo in grado di alzarci dalla sedia e di rimanere in piedi (anche in metropolitana, se gli altri hanno avuto la fortuna di sedersi!), poi tornare a sederci. Tutti, salvo complicazioni specifiche, siamo in grado di tenere in mano un oggetto, più o meno grande, reggerlo per un tempo più o meno lungo, avvicinarlo alla bocca (chi non ha riesce a immaginarsi un bel gelato con cioccolato, caffè e panna?)
Ma se l'oggetto scotta, immaginiamo una teglia di lasagna appena sfornata, chi sarebbe in grado di tenere in mano con naturalezza, senza farsi male, senza sottrarsi all'impegno ...quel coso che sicuramente ci farà male, tanto che prevediamo già le conseguenze?

Bene, cerchiamo di capire perché la maggior parte delle persone, non solo all'interno dei Collegi docenti ma nella vita in genere ... evitano di parlare in pubblico.

Cosa comporta parlare in pubblico?
? ESPORSI
? AFFERMARE LA PROPRIA IDEA
? ACCENDERE I RIFLETTORI SULLA PROPRIA PERSONA

Fermiamoci qui e affrontiamo per ora solo questi tre aspetti.

Esporsi. Verbo transitivo (1. esporre qualcosa; 2. descrivere), verbo pronominale (esporsi ...a un rischio, al ridicolo, alle critiche ..). E' sinonimo di mostrare, compromettersi, rischiare, arrostire (la pelle al sole!). In inglese display (in mostra), layout (disporre in mostra), risk (rischiare, esporsi), post (annunciare), expose (esporsi a pericolo).
Se siamo convinti che "non bisogna mai esporsi troppo nella vita, nei rapporti umani, in nessun campo ... perché può essere rischioso" è possibile che la nostra scelta sia di rimanere nascosti, di non mettersi in gioco nemmeno con le parole; se siamo convinti che "ciò che dico può essere mal interpretato e quindi espormi al ridicolo" è possibili che evitiamo di metterci in una situazione che temiamo possa farci perdere la faccia; se siamo convinti che "parlando in pubblico ci compromettiamo di fronte agli altri" è possibile che si eviti di dire agli altri ciò che pensiamo, soprattutto se "gli altri" sono molti.

Affermare la propria idea. A volte si rischia di credere che nello scambio con l'altro esistano due sole possibilità: o vinco, perché affermo la mia idea, o perdo perché l'altro fa prevalere la sua idea! Sembra essere poco praticata l'arte della negoziazione che mette due persone, o due o più idee, di arrivare alla formulazione di qualcosa di nuovo partendo da ciò che già esiste (atto creativo) e di arricchirsi del punto di vista dell'altro senza necessariamente perdere ciò in cui si crede, ma con la disponibilità a farsi ascoltare e ascoltare l'altro. Arte poco praticata in tutti i campi, anche se le persone di scuola dovrebbero saper gestirla perché parte fondante della comunicazione, aspetto non trascurabile nella formazione degli alunni. Una buona competenza comunicativa richiede una conoscenza del contenuto e una competenza nella relazione (come dico ciò che voglio dire) che anche a scuola, tra gli adulti, troverebbe ampio margine di miglioramento, non credete?

Accendere i riflettori sulla propria persona. Sei per caso un divo, una top model, un politico o un fanatico? L'idea in genere è che i riflettori si accendono su un palcoscenico e chi viene "inquadrato" è colui/colei che in quel momento è il protagonista, tutti gli sguardi sono focalizzati su di lui, su cosa fa, come parla, come è vestito, che taglio di capelli ha ...Se prendiamo per buono ciò che le ricerche dicono riguardo la velocità con cui ci facciamo una prima impressione dell'altro (sette secondi, sette!!), la preoccupazione di "entrare in scena" e recitare sotto i riflettori anche una semplice domanda ... blocca, rende incapace anche il più competente docente. Perché non si mette in gioco soltanto ciò che diciamo (o conosciamo) ma il modo in cui lo diciamo: è questo livello che viene "emotivamente" colto nei sette secondi (quello/ quella mi piace, non mi piace "a pelle") e ognuno sa che se si sale sul palcoscenico (fa una domanda, espone la propria idea) tutti gli occhi sono puntati su di noi, su come ci stiamo comportando, su quanto siamo disinvolti o impacciati. Di solito questo pensiero arriva prima (nel nostro dialogo interno) e ci mette "in sicurezza": possiamo trovare scuse plausibili (non sono esperto dell'argomento o meglio, l'argomento non mi interessa) e trovate momentanee (ho un po' di cefalea, sono rauca ..). Il risultato è che me ne sto seduto in platea anche se sulla punta della lingua ne avrei da dire!
Figuriamoci poi, se dopo tanto desistere, arrivo a prendere la parola e parlare addirittura in piedi e ....cosa ci faccio del microfono (gelato che scotta!) se al contrario vorrei espormi il meno possibile, "lanciare" velocemente ciò che penso, passare inosservato ai più?

E' certo che a volte il blocco arriva anche dal confronto con gli altri: c'è il collega che parla e sembra sempre sapere ciò che va detto, nel modo in cui va detto, con tanta naturalezza; c'è il collega che, purtroppo, ha la necessità del riflettore sempre acceso su di lui, per questo si espone ed è disposto ad affermare la propria idea a qualunque costo, a volte distorcendo la realtà o semplicemente ...manipolandola.

Suggerimento: chiediamo ai primi come hanno imparato, certamente saranno disposti a rivelarci la loro ricetta e a darci una mano a sperimentarci. Evitiamo i secondi, non portano contributi al gruppo per crescere, hanno solo bisogno dei riflettori che cercano in tutti i luoghi ... salvo non accorgersi in tempo di aver lasciato ben poco sul palcoscenico della vita.

Buon "miglioramento" a tutti quanti noi!

Manuela Rosci - Docente, Psicologa, Coach
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional