Torna nella homepage
 
Numero: 6-febbraio 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 21 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Incompatibilita', cumulo di im... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 6 In diretta dalla Segreteria
Pagina Oltre a noi... 7 Oltre a noi...

Ricerca avanzata >>>
Incompatibilita', cumulo di impieghi e incarichi
Articolo 53 Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165
di La Farciola Fiorella - In diretta dalla Segreteria
Il rapporto di lavoro è regolato, nelle pubbliche amministrazioni, dal Decreto Legislativo 165 del 2001: ""Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche".

Per tutti i dipendenti pubblici che hanno altri impegni professionali o sono interessati a svolgere attività al di fuori della propria amministrazione, l'art. 53 del predetto decreto scandisce le condizioni di incompatibilità, di cumulo di impieghi e incarichi e definisce il comportamento da tenere da parte del dipendente, indicando le azioni concesse.
Si identificano i passaggi fondamentali che il dipendente deve conoscere, rimandando all'allegato che riporta in toto l'articolo, che suggeriamo leggere agli interessati. Le stesse indicazioni sono valide anche per il personale della scuola.
Comma 7: I dipendenti pubblici non possono svolgere incarichi retribuiti che non siano stati conferiti o previamente autorizzati dall'amministrazione di appartenenza
Comma 8: Le pubbliche amministrazioni (al comma 9 si parla invece di enti pubblici economici e i soggetti privati) non possono conferire incarichi retribuiti a dipendenti di altre amministrazioni pubbliche senza la previa autorizzazione dell'amministrazione di appartenenza dei dipendenti stessi.
Comma 10: L'autorizzazione, di cui ai commi precedenti, deve essere richiesta all'amministrazione di appartenenza del dipendente dai soggetti pubblici o privati, che intendono conferire l'incarico; può, altresì, essere richiesta dal dipendente interessato. L'amministrazione di appartenenza deve pronunciarsi sulla richiesta di autorizzazione entro trenta giorni dalla ricezione della richiesta stessa.
Quindi, in assenza di autorizzazione della propria amministrazione il dipendente non può svolgere alcun incarico per cui riceverà un compenso.

Nell'autorizzazione che viene rilasciata dal Dirigente scolastico sarà indicato che lo svolgimento dell'attività per cui si richiede l'autorizzazione non può comportare alcun esonero dal servizio né pregiudicare il regolare svolgimento delle proprie funzioni e mansioni.
Entro il 30 aprile di ciascun anno, i soggetti pubblici o privati che erogano compensi a dipendenti pubblici per gli incarichi di cui al comma 6 sono tenuti a dare comunicazione all'amministrazione di appartenenza dei dipendenti stessi dei compensi erogati nell'anno precedente (comma 11)
Per incarico retribuito si intende tutti gli incarichi, anche occasionali, non compresi nei compiti e doveri di ufficio, per i quali e' previsto, sotto qualsiasi forma, un compenso. Sono esclusi i compensi derivanti:(comma 6)
a) dalla collaborazione a giornali, riviste, enciclopedie e simili;
b) dalla utilizzazione economica da parte dell'autore o inventore di opere dell'ingegno e di invenzioni industriali;
c) dalla partecipazione a convegni e seminari;
d) da incarichi per i quali e' corrisposto solo il rimborso delle spese documentate;
e) da incarichi per lo svolgimento dei quali il dipendente e' posto in posizione di aspettativa, di comando o di fuori ruolo;
f) da incarichi conferiti dalle organizzazioni sindacali a dipendenti presso le stesse distaccati o in aspettativa non retribuita.

Le condizioni definite nei commi da 7 a 13 dell'articolo 53 non riguardano i dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale con prestazione lavorativa non superiore al cinquanta per cento di quella a tempo pieno, i docenti universitari a tempo definito e le altre categorie di dipendenti pubblici ai quali e' consentito da disposizioni speciali lo svolgimento di attivita' libero-professionali.
Meglio sapere ... piuttosto che "incappare" in incidenti di percorso!

Fiorella La Farciola Assistente Amministrativa 196° Circolo Didattico Via Perazzi 46 - Roma

In allegato:
Articolo 53 DL 165/01: Incompatibilita', cumulo di impieghi e incarichi
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Decreto 165 del 2001 Decreto 165 del 2001
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional