Torna nella homepage
 
Numero: 1 -settembre 2008- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 16 Dicembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'L'alfabetizzazione emotivo-aff... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Emergenza scuola 2 Emergenza scuola
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
L'alfabetizzazione emotivo-affettiva
I bambini affetti da sindromi dello spettro autistico
di Cianciolo Silvia - Integrazione Scolastica >>> L'esperienza a scuola
È ormai risaputo che il Piano Educativo Individualizzato dei bambini affetti da sindromi rientranti nello "Spettro Autistico" deve essere incentrato sulla costruzione di una progressiva discriminazione e di un sempre più consapevole discernimento delle emozioni primarie e, cosa ancor più difficile, dei nessi causali che le legano a situazioni concrete, eventi, desideri realizzati o delusi o, più in generale, alle relazioni interpersonali.
Ma al di là degli interessanti studi condotti in merito e dei relativi strumenti didattici (1) e psicopedagogici efficacemente approntati dagli esperti, forse non si è ancora sufficientemente sottolineata o meglio, non è stata forse chiaramente esplicitata e capillarmente diffusa anche fra i non addetti ai lavori, l'importanza della modalità relazionale che dovrebbe adottare chiunque, adulti e bambini, venga in contatto con chi è affetto da queste sindromi e del tipo di relazione interpersonale che il corpo docente, in una ideale alleanza educativa con il nucleo familiare, dovrebbe gradatamente costruire insieme al bambino, insieme a quel particolare bambino che essendo un individuo unico ed irripetibile, avrà necessariamente una propria "chiave d'accesso", al di là dell'apparente chiusura, una combinazione che è solo sua e di nessun'altro, che sta a noi scoprire ed utilizzare dalla quale la sua alfabetizzazione emotivo-affettiva (2) non può prescindere.

Dalla meravigliosa esperienza umana e professionale che sto vivendo come insegnante di sostegno nella scuola primaria, sto imparando che anche la ricerca di sguardi, quando ottenere e mantenere il contatto oculare è difficile, non passa per tutti i bambini autistici attraverso gli stessi canali e che un gesto o una modalità di interazione che possono rappresentare la "chiave" per un bambino, a volte costituiscono motivo di ulteriore chiusura per un altro.
Ed allora, dopo essersi giustamente e ampiamente documentati sulle tecniche e sugli strumenti educativi e didattici, dopo essersi aggiornati sulle più recenti ricerche in campo neuro-psichiatrico e psicopedagogico, non dobbiamo dimenticare che ognuno di questi teneri Tesori che ci viene affidato è un piccolo grande mistero, che noi abbiamo il privilegio di poter pian piano, con delicatezza e amore, disvelare.
Un "grazie" speciale al mio piccolo Tesoro, che fortunatamente posso continuare a seguire anche quest'anno.

Silvia Cianciolo Docente di sostegno 145° Circolo Plesso "J. Piaget" - Roma

(1) Holwin, Baron Cohen e Hadwin, Trento, Erickson, 1999
(2) F.Montuschi, "Alfabetizzazione affettiva e apprendimento"
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional