Torna nella homepage
 
Numero: 6 -Maggio 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 18 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'L'ascolto dei suoni dell'ambie... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 5 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
L'ascolto dei suoni dell'ambiente
Prime riflessioni sul mondo sonoro
di Carpi Anita - Didattica Laboratoriale
Negli ultimi anni le attività espressive nella scuola cominciano a godere di una considerazione e di uno spazio maggiore e riconosciuto anche a livello centrale (1).
In particolare se ci riferiamo alla musica, essa viene definita "...uno spazio simbolico e relazionale propizio all'acquisizione di strumenti di conoscenza e di autodeterminazione, alla valorizzazione della creatività e della partecipazione, allo sviluppo del senso di appartenenza a una comunità, nonché all'interazione fra culture diverse".(2)
Il punto è come proporla ai bambini. Ritengo che il presupposto fondamentale sia quello di muoversi non nell'ottica di "insegnare musica", ma "...di partire dall'esperienza sonora dei bambini e di lavorare su questa base per sviluppare un discorso creativo da condurre insieme ad essi e non da imporre ad essi." (3) Non si tratta di alfabetizzare, ma di sviluppare una sensibilità, un'attenzione alla musica che rimanga ai bambini come bagaglio personale di esperienza e di competenza.

Vorrei raccontare una semplice attività che ho proposto in un gruppo misto di bambini di III e IV elementare, attraverso cui essi hanno cominciato a riflettere sul mondo sonoro e sulle sue caratteristiche: l'ascolto dei suoni dell'ambiente.
Abbiamo definito la durata dell'esperienza: 5 minuti e un segnale di inizio e di fine.
Al termine le riflessioni: ognuno nomina i suoni che ricorda e vengono scritti alla lavagna:
? "Il rumore di quelli di sotto"
? "le macchine "
? "la voce di qualcuno fuori"
? "un camion che si è fermato
? "un colpo di tosse"
? "una porta che sbatteva"...

Cerchiamo di riflettere su come nomiamo i suoni: in genere ne indichiamo l'agente (per es. le macchine) o l'azione che li produce (una porta che sbatteva).
Con i bambini cerchiamo di esprimere i suoni rilevati con una parola, non con tutti ci riusciamo, troviamo: brusio, parlottio, "scalpiccio", botto. Concludiamo che fenomeni che distinguiamo perfettamente a livello percettivo spesso devono essere tradotti in una frase, non hanno un corrispettivo diretto nel linguaggio verbale.

A questo punto propongo di dividerci in gruppi e di cercare un sistema per classificare i diversi suoni che abbiamo udito: formiamo 3 gruppi, ma la proposta che ne scaturisce è solo una: suoni forti e suoni deboli.
Invito i bambini a riflettere a casa cercando altre proposte, per esercitarci la volta successiva.
Quando ci rivediamo quasi tutti si sono dimenticati, c'è solo la proposta di un bambino: suoni prodotti e non prodotti dall'uomo. Continuiamo la discussione e troviamo altri criteri: suoni interni ed esterni all'aula, suoni ripetuti e non.
Vediamo come nei diversi casi la suddivisione crei classi diverse e anche, a volte, qualche dubbio (anche per la diversa percezione che ognuno di noi ha di uno stesso fenomeno).
Dai suoni dell'ambiente, passiamo a quelli prodotti intenzionalmente: dopo qualche minuto di esplorazione personale (e di grande confusione generale), i bambini sono chiamati a ripetere il loro suono davanti agli altri e di nuovo li annotiamo alla lavagna, ma il primo tentativo non riesce poiché ci sono moltissime ripetizioni. Allora i bambini propongono di lavorare in piccolo gruppo cercando di creare più suoni.
Otteniamo un ventaglio più ampio di proposte e le elenchiamo alla lavagna cercando di chiamare i suoni "con il loro nome""
? fischio, schiocco con la lingua, battito di mani/piedi, "accartocciamento di carta", tintinnio di chiavi...
Li classifichiamo:
? Suoni prodotti con il corpo
? Suoni prodotti con la bocca
? Suoni prodotti con oggetti
Da qui il lavoro si è approfondito portandoci a cercare nuovi suoni appartenenti alle singole classi: siamo arrivati ad avere un ricco repertorio da cui attingere per progettare delle composizioni di suoni nel tempo e nello spazio.

Tale percorso è stato fondamentale sia per lo sviluppo di un meta-pensiero musicale, sia per dotare tutti di un ricco bagaglio ed evitare la stereotipia e la ripetizione nel successivo lavoro di produzione.
Vorrei, infine, sottolineare come in questa esperienza sia stato costante lo spirito di ricerca da cui eravamo animati: niente era dato in modo preconfezionato, ma tutto è stato una scoperta attiva da parte dei bambini, accompagnati dall'insegnante che sicuramente ha dovuto accettare e gestire situazioni di scontro e confusione, sostanziate, però, dal raggiungimento di competenze significative e durature da parte dei bambini.

Anita Carpi Docente di sostegno 196° Circolo didattico Via Perazzi 46 - Roma

Note
1 Indicazioni per il curricolo per la scuola dell'infanzia e per il primo ciclo d'istruzione, Ministero della Pubblica istruzione, Roma settembre 2007.
2 Ibidem, pag. 64
3 M. Baroni, Suoni e significati, EDT, Torino, 1997, pag. 18.
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional