Torna nella homepage
 
Numero: 7-marzo 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 16 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'L'importanza del gioco per i b... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 6 In diretta dalla Segreteria
Pagina Oltre a noi... 7 Oltre a noi...

Ricerca avanzata >>>
L'importanza del gioco per i bambini
Qual è la sua funzione?
di D'Angiò Giovanni - Organizzazione Scolastica >>> Parliamo di...
Il gioco rappresenta per il bambino un modo semplice e divertente per scoprire il mondo e la realtà circostante, affrontando anche le emozioni della vita come l'amore, l'odio, l'aggressività, paure ed ansie, imparando in tal modo anche a gestirle.
I giochi, da quelli più semplici a quelli più complessi, sono utili per sviluppare capacità creative e stimolare l'attenzione del piccolo, nonché la sua immaginazione, basti pensare a quei giochi in cui si fantastica di essere qualcun altro o di assumere ruoli differenti dai propri.
La capacità di prestare attenzione e di rispettare alcune norme che i piccoli si danno prima di impostare il gioco, gettano le fondamenta per un successivo apprendimento a scuola e nella vita.
Quindi la collaborazione, il rispetto degli altri e delle norme vengono apprese in modo divertente e spontanee durante il gioco. Anche lo sport va a completare l'opera del gioco in quanto ha un ruolo educativo che però partecipa allo sviluppo fisico e della personalità del bambino. È possibile affermare che il gioco ha un importante ruolo sociale di interazione e di condivisione, è possibile, osservando un bambino giocare, carpire il suo livello di sviluppo e le sue fantasie.

Lo stesso Freud, riteneva che il gioco servisse per scongiurare l'angoscia nata dall'assenza della madre, il gioco, quindi, allieva le frustrazioni dovute all'abbandono, scaricando sul gioco i propri conflitti. Il gioco ha anche un ruolo di conciliazione tra mondo adulto e mondo dell'infanzia, infatti, nel momento in cui l'adulto gioca e condivide uno spazio ludico con il bambino l'asimmetria dei ruoli và man mano scomparendo e prende vita una vicinanza psico-affettiva importante anche come mezzo di trasmissione didattico.
L'importanza del gioco venne messo in evidenza anche da una psicoanalista, Melanie Klein, la quale utilizza il gioco del bambino per arrivare a comprendere il significato simbolico incoscio celato, solo così è possibile arrivare a capire le ansie e le angosce o i sensi di colpa del piccolo.
È chiaro che il fanciullo deve essere messo nelle condizioni di piena libertà per poter esprimere al meglio le sue emozioni e fantasie, oppure in taluni casi i suoi impulsi distruttivi. Questi ultimi devono essere presi in considerazione dagli adulti siano essi genitori, educatori, operatori o insegnanti, in quanto celano disagi che possono essere adeguatamente affrontati dal personale competente.
Il bambino, non a caso, può rompere volutamente e con rabbia un oggetto ciò che è rilevante è capire perché lo ha fatto in un determinato momento cosa lo ha spinto a reagire in un determinato modo.
Attraverso il gioco, il bambino incomincia a comprendere il funzionamento degli oggetti quando è molto piccolo il giocattolo non viene utilizzato in maniera appropriata, ma in un secondo momento con lo sviluppo e con la crescita il bambina utilizza l'oggetto in maniera funzionale.

A livello cognitivo, il gioco favorisce lo sviluppo della memoria, concentrazione, attenzione, una carente attività ludica potrebbe compromettere lo sviluppo cognitivo del piccolo.
È possibile ritenere un bambino che non gioca piuttosto inquietante, un fanciullo che non si mette mai in gioco in situazioni di ruolo, come già detto in precedenza può avere dei disagi che sono importanti da indagare, per cui va osservato e ascoltato adeguatamente.
Lo psicologo Piaget, propose una classificazione dei giochi basata sulla struttura stessa del gioco, ma che contemporaneamente segue l'evoluzione genetica dei processi cognitivi:

? I giochi di esercizio: caratteristici del periodo sensomotorio che vanno dalla nascita a circa due anni. Partendo dalle reazioni circolari primarie (utilizzazione spontanea delle capacità e delle funzioni man mano che compaiono) il bambino cerca attraverso il gioco senso motorio, di rendere progressivamente armoniche le azioni con le nuove informazioni ricevute e di incorporare queste informazioni al "saper come" e ai mezzi di classificazione.

? I giochi simbolici: tra i due e i sette otto anni, aggiungono all'esercizio stesso la dimensione della simbolizzazione e della funzione, cioè la capacità di rappresentare attraverso gesti una realtà non attuale. L'esempio tipico è il gioco del far finta, del fare "come se". Secondo Piaget il gioco simbolico organizza il pensiero del bambino in uno stadio in cui il linguaggio non ha ancora raggiunto una sufficiente padronanza, permette la manipolazione e anche la produzione di immagini mentali durante i quali , attraverso la ripetizione, il bambino assimila situazioni nuove.

? I giochi di regole; che dapprima sono imitazioni del gioco dei bambini più grandi, mentre poi si vanno organizzando spontaneamente dopo i 7-8 anni, caratterizzano la socializzazione del bambino. Mentre i giochi precedenti tendono a diminuire con l'età, i giochi di regole, all'opposto, diventano più frequenti , dimostrando l'importanza delle relazioni e del codice sociale. (Marcelli D, 1999).

È possibile quindi, alla luce di quanto esposto comprendere come il gioco, attività spontanea che accompagna lo sviluppo dell'essere umano dai primi tempi di vita all'età adulta, sia non solo una semplice attività di svago ma, soprattutto, per i bambini un momento di crescita e sviluppo significativo. Si è messo in evidenza anche, come l'assenza di gioco nelle vita di un bambino sia segnale molto spesso di disagio o malessere interiore del fanciullo, pertanto va indagato ed osservato, intervenire sul piccolo permette di bloccare sviluppi di patologie o altro.

L'attività ludica permette anche lo sviluppo di una importante risorsa tra adulto e bambino: il linguaggio, non solo inteso come scambio verbale di informazioni, ma come mezzo che veicola la comunicazione. Giocando adulto e bambino comunicano i loro mondi e il loro modo di vedere le cose che li circondano, l'adulto attento potrà comprendere come il bambino decodifica la realtà esterna e che lettura dà alla propria vita o esistenza. Potranno condividere emozioni e sentimenti che purtroppo molto spesso vengono lasciati in secondo piano nel rapporto tra adulto e bambino.
La condivisione diviene fulcro e base dell'attività ludica una condivisione non solo tra coetanei ma anche tra protagonisti di età diverse, che possono scambiarsi importanti informazioni sulla propria esistenza.

Prof. Giovanni D'Angiò Psicologo-psicoterapeuta docente di psicologia dell'orientamento professionale, Dott. ssa Arianna Recco Psicologa Clinica cultore della materia di psicologia dell'orientamento professionale, Dott.ssa Paola Ottobre Sociologa cultore della materia di psicologia dell'orientamento professionale UNIVERSITA' DI CASSINO - POLO DIDATTICO DI SORA - FACOLTA' SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

Bibliografia
Marcelli D., (1999), Psicopatologia del bambino, Biblioteca Masson, Milano
Miller P. (2002), Teorie dello sviluppo psicologico, Il Mulino, Bologna
Pedon A., (1996), Il farsi della mente, Armando Editore, Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional