Torna nella homepage
 
Numero: 6 -Maggio 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 25 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'L'intelligenza non c'entra!'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 5 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
L'intelligenza non c'entra!
Quando si parla di dislessia
di Cianciolo Silvia - Integrazione Scolastica
L'enorme quantità di pregiudizi che, per secoli, hanno appesantito la vita e lo sviluppo dei soggetti portatori di handicap risulta evidente anche con riguardo a tipologie di handicap meno gravi, come la dislessia: per troppo tempo è stata opinione comune che i bambini affetti da questo disturbo non avessero un alto quoziente intellettivo e non potessero arrivare a raggiungere gli stessi risultati di tutti gli altri, ma numerosi casi concreti hanno dimostrato il contrario. Le ultime ricerche hanno concluso che questo disturbo interessa esclusivamente l'area dell'elaborazione fonologica a cui "l'intelligenza non è legata in alcun modo"(1). La scienziata Paula Tallal, importante studiosa nel campo dei disturbi dell'apprendimento, ha elaborato una terapia che sfrutta l'uso del calcolatore - un videogioco animato - per aiutare l'apprendimento di bambini linguisticamente disabili: ponendo attenzione al problema fondamentale dei soggetti dislessici, che riguarda il tempo dell'elaborazione fonologica, ella ha strutturato un programma di elaborazione del parlato che consente ai ricercatori di modificare l'ampiezza e la durata dei suoni registrati (2). Questa geniale soluzione sottolinea l'importante contributo che le nuove tecnologie possono portare per facilitare l'apprendimento e le possibilità di comunicare dei bambini diversamente abili.

Silvia Cianciolo, Docente di sostegno 145° Circolo, plesso "J. Piaget", Roma

1 Sally E. Shaywitz "La dislessia", ne "Le Scienze", 1997
2 ibidem
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional