Torna nella homepage
 
n.44 giugno 2014
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:20 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'l'Isola del Cinema & La Scuola... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Orizzonte scuola 2 Orizzonte scuola
Pagina Dedicato a te 3 Dedicato a te
Pagina Inclusione Scolastica 4 Inclusione Scolastica

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
l'Isola del Cinema & La Scuola Possibile
Il binomio Cinema-Scuola nelle parole di Giorgio Ginori
di Riccardi Barbara - L'intervista
Cosa si può fare per far veicolare il bello che siamo e facciamo e farlo diventare un movimento culturale? Idea, si, ecco essere presenti all'interno di un grande evento dell'estate romana potrebbe essere sicuramente un vetrina di gran spicco dove incontrare, parlare e farsi conoscere dai molti visitatori avventurieri/avventori. Prima fra tutte l'Isola del Cinema - l'Isola Tiberina che è una delle location di spettacolare bellezza che Roma offre, così il mio obiettivo è tessere le trame "possibili" di una collaborazione per la creazione di una rete culturale filmica per tutti, iniziando dai piccoli.
Dietro l'etichetta della Majora film, lui l'ideatore de "l'Isola del Cinema" Giorgio Ginori che mi riceve nei suoi uffici per valutare la proposta "possibile".

Cosa ne pensa il padre de l'Isola del Cinema di stringere la mano alla mission del Progetto de "La Scuola Possibile: genitori e docenti istruzioni per l'uso"?

Il Progetto l'Isola del Cinema è nato nel lontano 1995, anno del centenario del Cinema le cui sue linee guida erano: 1 promozione del cinema italiano, 2 accoglienza di cinematografie da ogni parte del mondo, 3 il piacere dell'incontro, tutto questo sulle rive del Tevere, è quasi come per far rivivere una Via Veneto sull'Isola Tiberina, una location di straordinario bene artistico, un luogo di incontro e di scambi di progetti, un po' come quando nei Caffè di Via Veneto la gente progettava piccoli e grandi film.

Il rapporta fra l'Isola del Cinema & La Scuola Possibile è già presente nell'immagine che quest'anno abbiamo scelto, come un'immagine coordinata per l'Edizione XX.E'l'immagine di un bambino che da una parte porta con sé la voglia di futuro e di freschezza della vita e dall'altra la fantasia del cinema.
Il bambino ha in mano un viewfinder, come ci fossero due occhi, dove il suo sguardo di bambino che guarda il mondo passa attraverso il cinema e passa attraverso il viewfinder. Qualcuno ricorderà qualche fotografia di Kubrick dove si vede quello strumento che lui aveva sempre appeso al collo quando faceva i suoi meravigliosi film, è lui il regista che ho amato e amo di più, quindi è un piccolo omaggio ad un grande maestro.

L'immagine che abbiamo scelto quest'anno sta a cavallo tra la vita e il cinema e per questo che non si può parlare di vita e di cinema senza parlare di Scuola.
Perché se è vero che si può vivere di sole immagini (forse è esagerato, come ogni tanto sento dire), ci sono tante cose che non passano solo attraverso le immagini: possono essere i racconti orali oppure un bellissimo libro che fa parte della tradizione culturale che tutti conosciamo.
Ma è anche vero che oggi viviamo in una giungla di immagini fisse o in movimento, allora perché la Scuola non deve dare a questi bambini/ragazzi la possibilità di decodificarle, di conoscerle, di analizzarle e non solo il piacere di guardarle?
Deve dare anche la consapevolezza di quello che significa fare cinema, di cosa significa il linguaggio della VII Arte.

La Scuola Possibile diventa soprattutto l'occasione per porre la domanda: - Perché a cento anni dalla nascita del linguaggio cinema, il linguaggio cinema non è ancora diventato, come io ritengo necessario, materia di studio? Pur non entrando nella scuola tutti i giorni -ma anche una volta a settimana va bene- diamo la possibilità a questo linguaggio di essere considerato, non solo come il piacere di portare i bambini al Cinema, ma come occasione di studiare il Cinema come materia scolastica.
Il bambino diventa così l'emblema dell'importanza di riflettere, di parlare di Cinema a Scuola, il nostro progetto l'Isola 2.0 significa appunto filmare la realtà semplicemente con un click, lo stesso click che viene chiesto nel concorso "Mamma Roma".

L'importanza del Cinema nelle Scuole quindi, come mezzo per poter formare delle menti per fare cinema, istruire al gusto per le immagini, far nascere dei piccoli e grandi filmaker; il cinema entra a Scuola per stimolare la creatività, per vedere, per far riflettere ed entrare nella realtà e nella fantasia, così i bambini possono trovare anche a Scuola uno stimolo per attuare le proprie capacità.

La propositività ci appartiene, lo stesso modo di formare con passione, la comunicazione attenta e mirata per i giovani che sono i protagonisti del nostro fare, per trasmettere i saperi, sono stati i fili conduttori del dialogo "possibile" e così il 3 luglio ci sarà il nostro primo debutto in società proprio sull'Isola Tiberina, ogni giovedì e venerdì dalle ore 19 alle ore 21,30.

La Scuola Possibile articolerà uno spazio fatto di incontri tematici per genitori e docenti, contemporaneamente a dei laboratori artistici/creativi/espressivi per bambini/ragazzi, in linea con i film che verranno proiettati all'interno dell'Isola del Cinema, e sarà attivo anche uno "Sportello di Promozione della Competenza Psicopedagogica": ognuno parte da quello che sa per continuare a crescere e formarsi.

La nuova versione estiva "possibile", dove ognuno sarà protagonista dell'orientare/orientarsi e guidare (noi mondo della Scuola alleati delle famiglie)... perché noi de La Scuola Possibile siamo un po' particolari, ci piace affrontare i problemi guardando alle soluzioni!!

Grazie a Ginori per essere uno di...NOI POSSIBILI NEL MONDO!!
Vi aspettiamo sull'Isola che c'è

Barbara Riccardi dalla Redazione

Leggi il programma allegato
Aggiungi un commento
Sono presenti 1 commenti Visualizza tutti i commenti
inserito venerdì 04/07/2014 ore 08:48 da Paolo Lesti
Grazie Barbara e grazie a La Scuola Possibile per questo evento, per questa opportunità, perchè di opportunità ritengo che si tratti.Una vera, autentica opportunità di scambio tra mondi diversi e passioni comuni.Diversi mondi ma uniti al tempo stesso da un unico filo:trasmettere un messaggio e trasferire un insegnamenti. Uno scambio che definirei (utilizzando un termine tecnologico un Interfaccia) tra il mondo della Scuola ed il mondo del Cinema. Uno scambio di informazioni,esperienze ed emozioni tra chi vive il mondo variopinto,multiculturale,esperienziale,stravagante,da sognatori del Cinema e chi invece ha scelto un bel giorno di imbarcarsi su quella grande " Arca "che raccoglie ed accoglie, i sognatori di un altro mondo.la Scuola. Si passami il termine cara Barbara di sognatori, che non vuol essere ne un appellativo critico,tantomeno un polemico attegiamento, ma bensì un'espressione di ammirata e riconoscente gratitudine verso di chi tra mille difficoltà e premeditati spesso, campagne contro....naviga a vista in un mare spesso in tempesta. Sognatori perchè pur attraversando i diversi periodo della vita rimangono con le loro passioni ed il loro bagaglio di cultura e lottano per trasformare questi loro sogni in futuri uomini e donne. Chi vive nel mondo della scuola e vive..di scuola, non soltanto a parer mio ha fatto una scelta di vita per se, ma anche una scelta che entra e condiziona anche le vite degli altri. Il Cinema di oggi si è adeguato alle nuove tecnologie pur rimanendo quel mondo fatto di colori, sogni,e fantasia conservando sempre e comunque quella linfa di emozioni e positività. La Scuola di oggi a perer mio dovrebbe imitare il Cinema per esempio raccogliendo le sfide della tecnologie e dell'interattività,ma anche mantenendo quel rapporto diretto e fisico con le persone. la Scuola Possibile già da alcuni anni , grazie ai suoi pionieri ed al bellissimo gruppo di collaboratori che ormai si è consolidato, in questo senso costituisce un esempio di innovazione. Anche per questo ti dico grazie per questo evento così ben progettato e pianificato che va in questa direzione. Ti e Vi..faccio un grosso in bocca al lupo a presto Paolo Lesti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional