Torna nella homepage
 
n 8 dicembre 2010
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:17 Novembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'La  realtà di Cuyultitán  - El... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Oltre a noi... 6 Oltre a noi...

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
La realtà di Cuyultitán - El Salvador
Dove non c'è chi valorizza il bambino ...
di Mancini Alessio - Oltre a noi...

L'Associazione "Il Trapiche" è un'Associazione senza fine di lucro, fondata il 17 marzo del 2000 nel municipio di Cuyultitán da un gruppo di laici con l'accompagnamento dei religiosi della Pia Società San Gaetano e della comunità cattolica.
Nasce con la finalità di dare attenzione ai settori più poveri, soprattutto verso i bambini, i giovani, le ragazze madri con scarse risorse economiche, con l'obbiettivo di migliorare la qualità di vita dei più bisognosi.


Di seguito: l'Analisi della realtà di Cuyultitán, tratta dalla presentazione dei progetti realizzati dalla stessa Associazione (in allegato).



Il paese di Cuyultitán conta circa 6000 abitanti dei quali la metà sono al di sotto dei 30 anni. La percentuale di natalità continua ad essere molto alta a causa della mancanza di un'educazione alla sessualità e di politiche di prevenzione e di formazione sin dall'adolescenza.
C'è stato un cambiamento in questi ultimi 10 anni, siamo passati da una popolazione che si reggeva sull'agricoltura a una popolazione che lavora soprattutto in nero fuori del paese, in città. Inoltre la maggior parte della popolazione é disoccupata; al contempo - un po' come in tutta la zona del Centro America - soffre di una elevata disgregazione familiare dovuta ad alcuni fattori come la violenza, l'emigrazione, la disuguaglianza di genere, la povertà, ecc.
Tutto ciò è aggravato dal fatto che molte persone non hanno una educazione alla base, ossia non hanno avuto la possibilità di formarsi, di imparare a leggere e a scrivere, e non capiscono l'importanza di ricevere una educazione adeguata per i loro figli.

La conseguenza di tutto ciò ha effetti devastanti e complessi. In primo luogo, c'é un forte assenteismo scolare, cioè gran parte dei bambini abbandonano molto presto la scuola (più o meno in terza elementare) o addirittura neanche cominciano. Senza dubbio questo fa sì che i bambini sperimentino un certo abbandono da parte dei loro familiari per cui restano in strada, non protetti, cercano lì la loro identità, assumendo alcuni comportamenti che li portano poi alla delinquenza, alla violenza, all'alcolismo e alla droga.
Un altro grande problema è il numero dei bocciati ogni anno, dato che molti genitori sono analfabeti e non possono aiutare i loro figli nel fare i compiti oppure molti bambini sono figli di genitori emigrati perciò abbandonati.
Senza dubbio tutto ciò provoca delle conseguenze dal punto di vista psicologico che toccano l'autostima poiché non c'è chi valorizza il bambino o chi lo stimola a volere sempre il meglio, proponendogli valori e ideali differenti che lo aiutino a realizzarsi come persona. La stessa società non offre opportunità di lavoro o strutture di svago e di incontro affinché i bambini e i giovani si sentano integrati, identificati con certi valori e promossi nel dare il meglio di sé.

In molti casi i giovani cercano protezione, identità, senso di appartenenza e soldi e li trovano nelle "maras" o altri gruppi illeciti che alterano il benessere pubblico. La violenza all'interno della famiglia e il maltrattamento dovuto al "machismo" provocano nei bambini anche difficoltà di integrazione sociale e di relazione, manifestando molta aggressività e difficoltà a esprimere le emozioni.
Questa complessa problematica danneggia primariamente i bambini perché non vedono garantiti i loro diritti a svilupparsi pienamente come persone. Inoltre danneggia la stessa famiglia perché molto probabilmente il bambino riprodurrà gli stessi sistemi di condotta (machismo, violenza, povertà umana e di valori, ecc.) alimentando questa struttura irresponsabile e ingiusta. Tutto ciò ha delle ripercussioni dal punto di vista sociale in quanto queste persone diventano un peso nella società più che una ricchezza umana alterando ancor più la struttura sociale (corruzione, narcotraffico, prostituzione, una religiosità soggettiva completamente separata dalla vita, ecc.).

Ci sono effetti devastanti in questi stessi soggetti sociali che rimangono vittime dello scoraggiamento, dell'impotenza, della frustrazione per non poter anelare a una società e a uno stile di vita più degno, provocando così passività, irresponsabilità e disinteresse verso il bene comune.
Alla luce di tutto quanto analizzato finora, crediamo che sia importante dare il nostro contributo per cambiare questa complessa situazione, focalizzandoci soprattutto nell'aspetto educativo - formativo e di integrazione dei bambini.

Alessio Mancini, missionario, Associazione "Il Trapiche"

In allegato:
i progetti dell'Associazione
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Progetti dell'Associazione Progetti dell'Associazione
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional