Torna nella homepage
 
n.11 marzo 2011
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:19 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'La cultura nasce dalla condivi... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Emergenza scuola 5 Emergenza scuola
Pagina Dalla redazione 9 Dalla redazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
e-book novità e-book novità
Long Life Learning Long Life Learning
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
La cultura nasce dalla condivisione
Sui banchi di scuola italiani, nelle università, nei concorsi, si copia come prima e più di prima
di Gambardella Raffaella - Organizzazione Scolastica
Così leggo su un articolo di "La Repubblica" che fornisce una serie di dati da cui si evince che a copiare sono un po' tutti, in tutti gli ordini di scuola. Da questi dati, il sociologo Marcello Dei nel suo saggio "Ragazzi, si copia", ha classificato i "copioni": 6 su 10 risultano indifferenti, uno su quattro è soddisfatto per la furbizia dimostrata. Subito dopo viene la gioia, poi il senso di colpa.

Quando a scuola ero studentessa io, guardavo con una sorta di ammirazione i miei compagni che riuscivano a copiare, io non ci riuscivo mai, proprio mai. Intanto la vista mi si annebbiava se mi affannavo a spiare sul compito di chi mi stava davanti, se invece tentavo di aprire un libro, immancabilmente si apriva e cadeva per terra richiamando l'attenzione dell'insegnante di turno . Non mi restava altro che studiare. A copiare invece ho cominciato durante le mie ricerche all'università e proprio partendo dal copiato ho imparato a selezionare, tagliare, citare, integrare.

Credo che se si permettesse a tutti, ma proprio a tutti di copiare, si potrebbe valutare seriamente chi una disciplina la fa propria e chi no. Dando la possibilità di consultare le fonti, di portare a scuola i testi che si pensa possano essere utili si potrà innescare un processo di criticità.

Ciò vale nei temi letterari, storici, ma anche in matematica, chimica, fisica. Chi non sa niente non sa copiare, nemmeno scegliere con chi confrontare una formula!

Che dire poi del valore educativo del suggerire ad un compagno più debole un'equazione?
Secondo me la cultura nasce dalla condivisione del lavoro altrui, è un punto di partenza, un blocco da cui partire per innovare con le proprie idee. A mio avviso la sottile arte dell'imparare ad imparare è anche in questo, imparare a copiare per non averne bisogno più.

Raffaella Gambardella, Docente presso la Scuola in Ospedale -reparto Grandi Ustionati del Sant'Eugenio di Roma.
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional