Torna nella homepage
 
Numero: 10- giugno 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 19 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'La cura dell'errore'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica

Ricerca avanzata >>>
La cura dell'errore
Qual è la medicina?
di Ruggiero Patrizia - Organizzazione Scolastica
All'inizio del secondo quadrimestre ho seguito con attenzione particolare un ragazzo che frequenta la terza media.
L'ho conosciuto solo quest'anno e già dall'inizio mi sono interessata a lui. Non ha il sostegno ma evidenti problemi di rendimento scolastico, comportamento compreso. La sua pagella dopo il primo scrutinio era desolante e lui preoccupatissimo di perdere l'anno, ha cominciato a chiedermi insistentemente aiuto.

La sua spinta interiore era molto forte in quel momento, ha cominciato a "fare qualcosa" a casa e io a scuola, in un piccolo gruppo, lo ascoltavo: così è cominciato un paziente lavoro di "ricostruzione".

Ho notato che quando cominciava a ripetere, la prima frase era un disastro.
Ho dovuto prima intervenire nei confronti dei compagni affinchè non interferissero in alcun modo nell'ascolto - impresa ardua in quella classe dove l'errore è sottolineato con forza e derisione- e ho mantenuto un atteggiamento di silenzioso incoraggiamento: così sono riuscita ad ascoltare il seguito che, non solo c'era, ma stranamente, era corretto e alquanto fluido.

Ho immaginato che mettesse in atto un meccanismo di "conferma di incapacità": nonostante i suoi sforzi di studio, anche a casa con i genitori, la sua frase iniziale, così sbagliata - Pirandello è nato a Milano- lo portava irrimediabilmente ad essere interrotto e a convincersi di non essere capace e di avere il mondo contro.
L'ho aiutato poi a fronteggiare la paura di non farcela, a prolungare l'attesa di risultati positivi, a organizzare qualche strategia di studio.
Più tardi è stato utile renderlo consapevole di questa specie di stop che lui metteva in atto per alimentare un pizzico di empatia nei confronti dell'insegnante dalla quale si sentiva perseguitato.

Con questa ulteriore esperienza ho avuto conferma di quanto sia un vantaggio, per me e per i ragazzi che seguo, il fatto che non sono "esperta della materia".
Io non ho il riflesso condizionato da "sobbalzo all'errore" in quanto è presente in me il dubbio di non ricordare bene quel determinato argomento.
Il non sapere mi mette anche nella condizione di non porre "domande illegittime" (così definite splendidamente da Novara in "L'ascolto si impara") quelle domande per le quali chi chiede conosce già la risposta.
Quello che scrive Anna Ciliberti in "Manuale di glottodidattica", il lavoro di riparazione condotto nel modo e nel momento sbagliato può creare oltre che frustrazione una forma di insegnante-dipendenza , non riguarda solo l'apprendimento della seconda lingua e in particolare l'italiano per gli stranieri, ma riguarda, secondo me, il processo di apprendimento- insegnamento in generale.
Penso che le sue raccomandazioni siano un tesoro per ogni docente:
- Aumentare il tempo di attesa prima di procedere alla correzione (se proprio non se ne può fare a meno)
- Essere selettivi nella riparazione
- Adottare forme che non provochino "problemi di faccia" al discente
- Aiutarlo ad ascoltare, comparare, valutare la sua produzione (autovalutazione)
- Non interrompere il discente che "cerca di comunicare"

Ho inserito per ultimo questo punto per sottolineare che anche l'errore è una forma di comunicazione e, soprattutto quando si presentano errori ripetuti, sarebbe molto utile riflettere prima di adottare un comportamento volto alla correzione, porre un freno agli automatismi che inevitabilmente ci condizionano e che rispondono solo ad un "bisogno di controllo".
La cura , in questo caso quindi non riguarda il "malato" ma il "medico".

Patrizia Ruggiero SMS Fellini - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 10 commenti Visualizza tutti i commenti
inserito martedì 15/05/2018 ore 12:06 da barbara sciarra
Durante il percorso di insegnamento apprendimento utilizzare l'empatia per entrare in sintonia con l'altro costituisce una base solida su cui fondare l'approccio didattico.
inserito lunedì 14/05/2018 ore 21:44 da CHIEFALI MYRIA
Sono in pieno accordo con l'articolo, spesso non essere padroni della disciplina o comunque non sentire il gravoso peso del dover dare un giudizio quanto mai più vicino ad un contenuto elevato, ci pone nella posizione di un ascolto più sereno e quindi ad evitare i "sobbalzi dell'errore", un aiuto più importante che mai, per tranquillizzare l'allievo che serenamente darà il meglio di sé non sentendosi oltre modo "sotto la luce dei riflettori"
inserito martedì 08/05/2018 ore 18:07 da Luciano Mollica
Trovo chiave di volta del rapporto tra docente ed alunno l'ascolto attico, vero strumento trasversale per una relazione d'aiuto, che è la base di qualunque processo educativo.
inserito sabato 21/10/2017 ore 13:55 da loredana picciolo
Sperimento da tempo l'essere selettiva nella dichiarazione dell'errore, sia nella verifica scritta che, e principalmente, in quella orale. Ovviamente non sono tutte uguali le situazioni e le difficoltà. L'interrogazione orale, ad esempio,è un momento di grande tensione e una prova che, superata la sorpresa, impone nel giro di qualche minuto concentrazione, selezione mentale delle informazioni per rispondere alla richiesta, paura di sbagliare, trovare le parole giuste per soddisfare la richiesta, e tutto questo sotto lo sguardo attento dei compagni, spesso -diciamo - curioso. Il docente deve riflettere su questo stato d'animo e lasciare che l'alunno si metta gradualmente "comodo" durante il colloquio con l'insegnante..e con la classe.
inserito venerdì 20/10/2017 ore 20:44 da Evelina
E'necessario, quindi, che il docente impari a conoscere il tipo di relazione e le relative strategie difensive che ciascun alunno mette in atto(elusive, seduttive, aggressive)e diventi consapevole dell'influenza di tali dinamiche inconscie. Solo in questo modo il docente potrà tutelare gli alunni e garantire il loro diritto all'apprendimento. Non a caso S.Freud sosteneva che fare l'insegnante fosse un mestiere impossibile. Certo, così come per il genitore si tratta di mestieri speciali, che nascono anche da una spinta del cuore, l'unica a lasciare tracce educative.
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional