Torna nella homepage
 
Numero: 4 -Marzo 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 19 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'La gabbianella e il gatto che ... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 5 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare
Come organizzare un laboratorio per la lettura del film
di Melchiorre Simonetta - Didattica Laboratoriale >>> Percorsi laboratoriali
La preparazione: creare la motivazione.
In questa prima fase l'insegnante non concede alcuna informazione sulla storia, si limiterà ad annotare gli interventi dei bambini, meglio con un registratore, per poter partecipare attivamente ed emotivamente al dibattito anche con lo sguardo.

La visione del film: predisporre le condizioni per una visione consapevole e attenta.
Si chiederà loro di seguire con attenzione il percorso narrativo perché al termine dovranno comunicare la scena che maggiormente li ha coinvolti, esplicitandone il motivo.

Dibattito: stimolare l'immediata comunicazione di emozioni, impressioni, sensazioni.
Al termine della visione, attraverso la tecnica del brainstorming, si raccolgono le impressioni "a caldo" sul film, unitamente alle informazioni relative ai personaggi principali e all'ambientazione.

Individuazione dei segmenti narrativi, la loro titolazione e analisi della struttura narrativa: individuare e ripercorrere l'ordine narrativo in cui si articola la vicenda.
Cominceremo col domandare qual è l'inizio del film.
Parallelamente a questo lavoro, l'insegnante leggerà il libro dal quale è stato tratto il film, per individuare insieme agli alunni eventuali somiglianze e differenze. La riflessione è molto importante anche per capire il diverso punto di vista del regista e dello scrittore, delle diverse potenzialità narrative del libro e del film. Con gli alunni della prima classe, ci siamo soffermati sul differente incipit utilizzato dal regista del film e dallo scrittore.

Ogni scena è riprodotta dai bambini con i disegni

Ricostruire il montaggio delle sequenze o dei segmenti narrativi: ricostruire con il racconto la trama del film.
A questo punto si potrà ricostruire il film o solo alcune scene, individuando i nessi logico-narrativi che legano le diverse scene. Il montaggio avverrà ordinando gli eventi secondo un criterio di successione temporale o secondo un criterio di causalità. Partendo dalla scena che dà avvio al film, ripercorreremo tutta la storia. Utilizzando i disegni fatti dai bambini, delle scene che maggiormente li ha colpiti, ricostruiremo con il racconto la trama del film. Successivamente, l'insegnante chiederà ai propri alunni di attribuire a ciascuna scena un titolo. Ciò è importante perché l'abilità che si dovrà raggiungere sarà quella di descrivere sinteticamente, con poche parole, ciò che sta avvenendo in quel segmento di pellicola. I bambini hanno già sperimentato che il titolo ha la funzione di introdurre lo spettatore-lettore all'argomento trattato nell'opera, perché contiene ed offre informazioni su di essa.

Glossario dei diversi generi del film. Con quale parola definireste il film appena visto? Emozionante, movimentato, avventuroso...
























Patto d'amicizia
Ciascun bambino dopo aver "letto" il film, seguendo il percorso descritto precedentemente, riflette sull'importanza che il gruppo dei gatti ha avuto nella realizzazione del progetto di Fortunata.
Infatti, nonostante siano gatti, cioè nemici degli uccelli e incapaci di volare (valore della diversità), riescono a sostenere la gabbianella nel suo percorso e a restituirle la sua vera identità, insegnandole addirittura a volare. Al termine, ciascun bambino, seguendo l'esempio di Zorba, assume tre impegni all'interno del gruppo classe per sostenere, rafforzare, migliorare l'amicizia e il percorso formativo ed educativo di ciascun membro del gruppo e del gruppo nella sua totalità. Queste frasi verranno, poi, raccolte nel "patto d'amicizia" della classe, esposte in aula. Esse rappresenteranno degli obiettivi da raggiungere, dei punti fermi a cui fare riferimento costante durante i momenti di difficoltà o di crisi del singolo o del gruppo.

Simonetta Melchiorre Docente I.C. Viale Adriatico - Roma

In allegato
Laboratorio: la gabbianella e il gatto
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Laboratorio La gabbianella e il gatto Laboratorio La gabbianella e il gatto
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional