Torna nella homepage
 
Numero: 2-ottobre 2008- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 26 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'La partecipazione è VIVA!'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Emergenza scuola 2 Emergenza scuola
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
La partecipazione è VIVA!
Se la gente ha voglia ancora di scendere in piazza ...
di Rosci Manuela - Editoriali
Un sabato pomeriggio. Un sabato pomeriggio diverso dagli altri. Un sabato di ottobre che ha dato appuntamento a tanti. In piazza, a Roma, sono arrivati da tutte le parti.

Quando sono uscita di casa ho incontrato un amico che mi ha detto:- Dove vai, tanto oggi ci sono solo i ragazzi in piazza!-
Io non sono più tanto ragazza: sono una giovane cinquantenne! Ma in piazza ci sono andata lo stesso e non ero sola. Tanta, tantissima gente di tutte le età, non solo giovani, anzi...
All'inizio le persone girovagavano per le strade del centro... Poi, prossimi all'ora dell'appuntamento, tutti hanno cominciato a cercarsi, a organizzarsi. Qualcuno ha provato gli strumenti, ha trovato gli accordi giusti...

Ecco ci muoviamo, a passo d'uomo. Siamo tanti, tantissimi.Tante bandiere. Tanti striscioni
Un corteo "composto", vivace ma "educato","adulto" sia per età che per comportamenti.
Un sole caldo ha riscaldato l'aria.I canti, i sorrisi hanno riscaldato gli animi.
Mentre scendiamo lungo via Cavour esco dal corteo, corro avanti, salgo la scalinata per San Pietro in Vincoli e fotografo dall'alto - non io, Maurizio - questo immenso flusso di "energia positiva" che scende gioiosa verso i Fori Imperiali.

Corriamo ancora avanti, con la voglia di cogliere l'incontro del flusso con i turisti che, incuriositi, continuano a entrare al Colosseo!
Si cammina, festosi, un po' stanchi, desiderosi di arrivare e increduli di fronte alla folla che arriva da tutte le parti.
Quanti saremo? Tantissimi! E partono le "sfide" su quanti ne "passeranno" al telegiornale. La metà, no molti di meno saranno i numeri ufficiali.
Ma noi ci siamo e siamo in tanti a sapere ...e la voglia di esserci ha contagiato forse anche chi in piazza non c'è mai stato.
Un punto di ristoro, il cammino è stato "lungo"... Poi incredibilmente si arriva al Circo Massimo.
Inimmaginabile la folla. Emozionante. Indescrivibile. "Un bagno di folla energetico".

Meno male! La partecipazione è VIVA!
Abbiamo ancora voglia di credere che il presente vada giocato e il futuro - per noi, per i nostri figli e per i nostri anziani, per le multietnie e per i disabili, per la scuola come per la sanità e per tutto il resto - ... possa cambiare.
Dipende da noi. Dalla voglia di credere e di scendere in piazza per affermare ciò che non va. Non per capriccio, non per demagogia, non per ideologia.
Io la tessera del partito non ce l'ho e in piazza sono andata lo stesso, con la determinazione di chi ha diritto di essere ascoltato. Ho la consapevolezza di essere cittadino "a tutti gli effetti" e come tale mi assumo la RESPONSABILITA' di dire che una gestione "personalistica" e poco attenta all'integrazione, alla rete sociale, all'altro, non va!
Non ho investito i miei ultimi trent'anni a formarmi per imparare a convivere con l'altro, a lavorare insieme oppure riconoscere che l'altro diverso da me non mi fa paura! Ho trasmesso ai miei figli il valore del rispetto di tutto e di tutti e non smetterò ora di credere in ciò che è cresciuto e si è consolidato dentro me.

Sappiamo che non c'è peggior sordo di chi non vuole ascoltare e l'atteggiamento mentale "rigido" di chi non ripensa, non riflette alla luce di quanto accade ...può diventare pericoloso ed è comunque poco produttivo. Noi persone di scuola sappiamo che l'errore fa parte del gioco e del percorso di crescita e solo chi ha paura di riflettere e di confrontarsi, di pensare i punti di vista diversi come "ricchezza" e non come ostacolo ...ha la maturità e la sostanza per guidare altri.

Ringrazio tutti gli autori che - anche in un momento così carico di tensioni e di incredulità per ciò che accade e ciò che si afferma - continuano a contribuire, con il lavoro quotidiano, a "salvaguardare" ciò che abbiamo costruito e ad affermarlo anche sulle pagine di questa nostra rivista. Le domande sono le stesse, l'incredulità anche e la rabbia pure ma ognuno sta portando il "suo" personale disorientamento per condividerlo, per sentirsi in sintonia "con chi parla la stessa lingua"!
Un grazie particolare ai genitori che insieme a noi partecipano non alla "difesa" ma all'"affermazione" di quanto crediamo.
E nella scuola, quella vera e non quella raccontata dai media o che hanno "fatto credere" anche al ministro (ma con chi parla di scuola?), noi crediamo veramente.
E continueremo a scendere in piazza per affermarlo!

Manuela Rosci Psicopedagogista 196°Circolo Didattico Via Perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional