Torna nella homepage
 
n. 27 novembre 2012
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:26 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'La scuola come laboratorio cul... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Orizzonte scuola 3 Orizzonte scuola
Pagina Dalla redazione 13 Dalla redazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
DSA e...dintorni DSA e...dintorni
L'intervista L'intervista
Long Life Learning Long Life Learning
Orizzonte scuola Orizzonte scuola
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
La scuola come laboratorio culturale
Esperienze che fanno crescere e dialogare
di Ansuini Cristina - Organizzazione Scolastica
Come vorrei che fosse la mia scuola ideale? Che ambiente vorrei che fosse la scuola di oggi? Ma soprattutto...Che vuol dire oggi "fare scuola"? La tentazione di abbandonarci a malcontento, rassegnazione, frustrazione è grande...ma non ci fa onore e soprattutto non ci definisce, non dice chi siamo, cosa facciamo, in cosa crediamo noi che in questa scuola ci lavoriamo.

Qualche anno fa, durante uno dei tanti momenti critici - ma c'è mai stato un momento "senza crisi" per la scuola? - un amico libraio mi disse: "Per cambiare la scuola, renderla migliore, non servono le proteste, i cortei, gli scioperi, occorre che la scuola stessa si migliori, dall'interno, a cominciare dagli insegnanti, che devono diventare consapevoli della loro professionalità".

Ecco, questa è una cosa che mi ha dato più volte da pensare: come potermi migliorare e, di conseguenza, come poter rendere migliore il posto il cui lavoro, che è un posto del tutto speciale, diverso da ogni altro.

Mi piace pensare alla scuola come a un laboratorio di creatività, dove si sperimenta giocosamente, si apprende dall'esperienza, si curano le emozioni ed i sentimenti nella trasmissione delle "cose da sapere", si legge, ci si informa, si scarta quello che non va bene, si potenzia quello che è una risorsa in embrione, si cerca, si curiosa, si annusa la realtà circostante...

Ma che vuol dire "fare cultura" a scuola, riconoscere la scuola come ambiente culturale?

Vuol dire fare proposte, lanciare iniziative, creare la necessità di qualcosa che non si conosce, ma che contiene un universo di bellezza.

Nel nostro mondo - nonostante la crisi economica - ancora opulento, dove spesso le necessità primarie vengono soddisfatte ancora prima che si avvertano, grazie a Dio!, occorre presentare ai bambini delle opportunità di conoscenza che altrimenti non comparirebbero nel loro orizzonte esperienziale. Il gusto di una buona lettura, la scelta del libro preferito, l'osservazione critica di un'opera d'arte, l'ascolto di un pezzo musicale coinvolgente... sono tutte esperienze di cui i bambini devono sentire la mancanza, qualora non vengano loro proposte, e quindi avvertirne l'esigenza.

Sta a noi insegnanti poi offrire le opportunità per colmare queste mancanze, le chiavi di lettura per comprendere queste esigenze, attraverso proposte culturalmente valide.

È decisamente un modo impegnativo di intendere la scuola, ma altrettanto decisamente stimolante, capace di attivare mille e mille possibilità operative, di insegnare di un ambiente piacevole e di far crescere anche noi stessi, non solo come insegnanti, ma come persone.

Ero lì a coccolare la mia idea di scuola, come ambiente di cultura, come terreno fertile da coltivare e concimare con cura, quando mi sono scontrata con una idea di scuola che collima perfettamente con la mia e che in più è stata realizzata pienamente!

Si tratta del sistema pedagogico - musicale venezuelano, ideato dal maestro Abreu più di 30 anni fa, che promuove la musica come progetto sociale e metodo di riscatto per i ragazzi - oggi, oltre 250mila - dei barrios più miseri e degradati.

Questo sistema consiste in un innovativo e collaudato metodo di insegnamento della musica ai giovani nei quali la musica assume il significato di via primaria per la promozione sociale e intellettuale.

Il maestro Abreu e tutti quelli che poi lo hanno seguito, coadiuvato, che hanno condiviso con lui pensieri e intenzioni, ha aiutato e aiuta molti bambini che ancora oggi vivono in situazioni di disagio estremo, con esigenze primarie vere, facendo in modo che scoprissero il mondo della musica e, grazie alla musica stessa, riuscissero ad uscire dal loro stesso disagio suonando ed esibendosi, alcuni diventando musicisti che si esibiscono in varie parti del mondo.

Uno di questi "risultati" del Sistema è il maestro Gustavo Dudamel, 31 anni, da 14 stagioni, il direttore musicale dell'Orchestra Sinfonica Simon Bolivar del Venezuela, dal 2008 della Los Angeles Philarmonic Orchestra oltre che della Sinfonica di Gothenburg, in Svezia; dal 6 al 17 novembre, inaugura la stagione del Teatro alla Scala di Milano dirigendo Il Rigoletto di Giuseppe Verdi; sullo stesso podio, il 25 ottobre scorso, ha diretto la Filarmonica scaligera su musiche di Brahms, Carter e Bartòk per festeggiare i 70 anni del Direttore Musicale, Daniel Barenboim; come lui stesso dice,"Sono un prodotto del sistema di Abreu, el Sistema è qualcosa di unico e di eccezionale".



Quest'idea di scuola che sa di favola mi piace moltissimo, tanto da farmi desiderare, nel mio piccolissimo, di farne parte, magari cambiando situazioni e prospettiva, ma senza rinunciare al principio per cui è l'esigenza del bello che ce ne fa avvertire la mancanza e che ci fa venire voglia di andarlo a cercare e a realizzare.

Cristina Ansuini, Psicologa, Docente presso la scuola "2 ottobre 1870", I. C. Piazza Borgonicini Duca, Roma


Gustavo Dudamel

Chi è il Direttore d'orchestra G. Dudamel

Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional