Torna nella homepage
 
n.11 marzo 2011
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:21 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'La strategia della lumaca'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Emergenza scuola 5 Emergenza scuola
Pagina Dalla redazione 9 Dalla redazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
e-book novità e-book novità
Long Life Learning Long Life Learning
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
La strategia della lumaca
Dal film alla mostra
di Riccardi Barbara - Didattica Laboratoriale >>> Percorsi laboratoriali


"La strategia della lumaca" regia di S. Cabrera '93, è la strategia che gli abitanti di un palazzo messo sotto sfratto mettono in atto per non rinunciare alla loro casa, in un quartiere popolare di Bogotà negli '70. Quando la soluzione ormai sembra impossibile, la resistenza inutile, con assemblee che scandiscono l'evoluzione della storia, quando i cavilli giuridici sono infiniti e i destini sembrano ormai segnati ... la scelta dell'autogestione ridona speranza ai protagonisti decisi a resistere ai soprusi, iniziando a dare forma al loro piano. "Le soluzioni spesso sono più semplici di quello che sembrano e più a portata di mano di quanto si voglia credere".

La proposta del vecchio reduce della rivoluzione spagnola, sembra l'unica e possibile, perché alla casa non si può rinunciare, come non si può rinunciare a respirare. Da questo momento, da commedia diventa una visione epica, un elogio della dignità e della solidarietà, ma anche della creatività, della fantasia e dell'astuzia, elementi che arrivano ad essere la vera forza del film ... una fiaba libera. "No resta che fare di necessità virtù e organizzarsi secondo le proprie capacità, collaborando tutti per tutti", dove tutti capiscono l'importanza di impegnarsi uniti, per raggiungere lo scopo comune.
Il tono sognante e surreale, l'allegria e l'ingegno ci introducono in una trama dagli punti originali, dove ognuno di noi si può ritrovare/identificarsi ironicamente in uno dei personaggi variegati/pittoreschi, per genere e natura.



Proprio alla "Strategia della lumaca" il nostro C.D. il 143° "Spinaceto" Plesso Frignani - Polo Scientifico MUSIS UniRoma1 La Sapienza, dedica ed è ispirata la XIV edizione di "Noi bambini maestri di scienza" dal 5 al 15 aprile 2011: "Energia ed entropia - C'è un futuro da salvare. Impariamo dalla lumaca" .(vedi locandina a dx)
Un progetto educativo in collaborazione con la V C e la V D del Liceo Scientifico "Majorana" , coadiuvato dal Prof. Paolo Antonelli. Paolo Antonelli scienziato e ricercatore, con laurea in fisica all'Università della Sapienza, si è catapultato all'Università del Wisconsin - Madison, per poi tornare in Italia dopo 8 anni con la sua famiglia. Il suo è un caso decisamente in controtendenza rispetto al fenomeno della fuga di cervelli che partono per trovare all'estero condizioni ambientali più favorevoli per la ricerca scientifica.
"All'epoca "emigrare" negli Usa è stata una scelta obbligata per continuare le ricerche" . Uno dei motivi che lo ha spinto al rientro in patria, dare un'educazione italiana ai tre figli, ma soprattutto una scommessa: "La ricerca deve essere finalizzata a migliorare la qualità della vita, non è un caso se gli Usa investono ingenti risorse per le previsioni meteorologiche che dipendono in gran parte dal telerilevamento. Dobbiamo portare qui un pizzico dei ritmi americani conservando però la cultura e il calore umano degli italiani". Il nostro amico Paolo ormai è un abituè da noi, presente e puntuale già nelle ultime tre edizioni.

Così le menti creative della referente del progetto del 143° C.D. "Spinaceto", la docente Fabrizia Liberati, la Prof. Francesca Marasini del "Majorana" e Paolo hanno di nuovo unito le forze e le menti per realizzare un percorso di incontri/riflessioni/modalità partendo dal concetto di efficacia economica sociale del Prof. Serge Latouche economista dell'Università di Parigi: "Oggi il fenomeno di decrescita è rimane l'unico che può salvarci. Ci troviamo di fronte ad una scelta ed è necessario imboccare un'altra strada rispetto allo sviluppo sfrenato per dare vita ad una nuova società. Oggi serve uno choc perché siamo diventati tossicodipendenti dello sviluppo e la decrescita può rappresentare la terza via".

Proprio da questa affermazione sono partiti i "tre pionieri", con l'ausilio e la collaborazione di tutti, proprio tutti i docenti, per informare, far riflettere e far ragionare i ragazzi su cosa è veramente necessario per vivere bene e cosa non lo è, cos'è è utile e cos'è superfluo. Il progetto si è articolato in dibattiti intorno alle domande come: "Quali sono le cose che ti sono veramente utili? Quali quelle inutili?" E' stato elaborato un percorso che ha condotto i ragazzi a ragionare su quello che è veramente necessario e va mantenuto, perché tutto ha un costo.

L'usa e getta, il consumo di energia, l'inquinamento, lo smaltimento dei rifiuti, tutto questo deriva dal consumo smodato. Importante lo step sulla riflessione su: "Si lavora ormai solo per comprare le cose, per mantenere lo stesso tenore di vita". E' arrivato ora il momento di fermarsi un attimo e chiedersi: "Cos'è veramente superfluo? Di cosa hai bisogno per la tua esistenza, i tuoi bisogni per rimanere con lo stesso tenore?". Questi gli aspetti messi in discussione, parlando con loro, tipo l'importanza della carta igienica, capire, far vedere e cominciare a pensare che non è così necessaria, utile si, ma non necessaria. Quindi l'urgenza di ridefinire "la necessità", capire cos'è importante "mantenere bene", le priorità (acqua, natura, aria ecc.). Condurli in un viaggio virtuale prima sullo studio della storia delle cose, sull'importanza dell'uso delle risorse come acqua, aria, le conseguenze dell'inquinamento e poi il secondo tempo dove scrivere un loro desiderio che si realizzi come la lampada di Aladino, su cosa vogliono mantenere per sempre e non dare per scontato tutto quello che si ha, quindi farli ragionare sul meglio chiedere una cosa che è fondamentale che rimanga, utile/necessaria per vivere.

Qui l'aggancio con la lumaca e la sua casa che ci impartisce una lezione ancora più grande. Lei costruisce la sua casa, cominciando dal primo alveolo, con una progressione geometrica fino al quarto, poi smette di improvviso di costruire, per iniziare a creare delle circonvoluzioni decrescenti per rinforzare, consolidare i precedenti "piani", senza proseguire nel costruire il quinto. Questo perché la casa le peserebbe sedici volte di più e non le darebbe benessere, ma graverebbe su di lei un peso eccessivo per "andare avanti" rimanendo schiacciata.

Questo ci riconduce a riflettere sulla teoria dell'economista francese, pensare ad una decrescita sociale ci porterebbe a vivere con una maggiore serenità.

Una riflessione sulla nostra società che andrebbe fermata, fermato l'eccesso di produzione e consumismo, per creare un sistema sostenibile intelligente, dove crescere con qualità. Il mercato del consumismo è saturo, nuove costruzioni, nuove tecnologie, ci stanno portando in un vicolo cieco, con le pressioni sociali: niente lavoro, troppe fabbriche, inquinamento, traffico. E' il momento invece di arrivare a una crescita sostenibile, di migliorare la nostra struttura sociale, dove il famoso Pil misura si il flusso dei soldi, ma quanti danni produce il consumismo, di questo non ne tiene conto, di quante risorse ci siamo "bruciati"...

L'obiettivo goliardico del progetto è arrivare a far comprendere l'importanza della vita che non dipende di certo dagli oggetti che si hanno, ma dai valori che costruiamo, orientando i ragazzi verso una vita di qualità, per poi diventare loro i "venditori di qualità di vita" per i loro cari genitori. "Come si può fare?" - "Abbassiamo il tenore della vita, ma miglioriamo la qualità".

Cerchiamo di far muovere l'economia in altro modo, un modo qualitativo, cambiando stile, modo di rapportarsi al mondo, incentivando la cultura per esempio, investendo il tempo in teatri, in concerti, non usando il nostro preziosissimo tempo per guadagnare e guadagnare per cosa ... per acquistare e non avere tempo per noi e per quello che ci piace.
I ragazzi da questo hanno compreso che gli astucci enormi zeppi di cose inutili, zavorrano gli zaini, insieme ai tanti libri, che gravano sulla loro schiena e che per avere magari un peso più sopportabile e far risparmiare i loro genitori, si potrebbero comprare tante matite e penne da usare insieme ai compagni di classe, più se ne comprano, magari direttamente dal consumatore e più si abbassa il costo, tante penne prezzo basso.

Nella situazione in cui ci troviamo sarebbe urgente adottare la saggezza della lumaca con la delicata architettura del suo guscio.
Un discorso complicato per dei ragazzi, voi credete? Se volete mettere il dito come S. Tommaso: "Vedere per credere", provate e venite a visitare la fase finale del progetto con la Mostra interattiva, aperta a tutto il territorio, dei lavori realizzati da tutte le classi del e nel Plesso di Via Frignani, 98.
Il compito del taglio del nastro, alla nostra D.S. dott.ssa Serenella Presutti.

I temi affrontati dalle classi: I bambini hanno sviluppato i seguenti argomenti: Classi prime "Il vaso di Pandora/tutti i mali del mondo", Classi seconde "Salviamo l'acqua", Classi terze "Riciclaggio, rifiuti, ambiente", Classi quarte "Energie rinnovabili", Classi quinte "Entropia del benessere: di cosa ho bisogno per star bene".
Ogni classe avrà il suo spazio espositivo dove saranno i ragazzi stessi i veri protagonisti, mettendo in campo tutte le loro abilità e conoscenze. Troverete manufatti e lavori dove ogni disciplina ha dato il suo contributo didattico/educativo per realizzare l'intero percorso. Anche voi sarete coinvolti interagendo con i piccoli scienziati, partecipando a dei test/indagine che saranno poi utilizzati per realizzare una vera e propria statistica alla maniera Istat (magari riusciamo, perché no, a farci inserire e pubblicare nel loro prossimo Annuario che uscirà a fine aprile ..., ricordate chi è la mia vicina di casa? Si è proprio lei la realizzatrice dell'Annuario di statistiche).

Gli alunni di ogni classe, saranno i vostri ciceroni/scienziati pronti ad illustrarvi ogni particolare, a rispondere ad ogni vostro dubbio e curiosità, durante la vostra piacevole visita in una società entropica, fantastica e creativa, fatta da bambini, ma per piccoli e grandi.
"Umuntu ngumuntu ngabantu" - "IO SONO CIO' CHE SONO PER MERITO NON SOLO MIO, MA ANCHE PER MERITO DI CIO'CHE SONO GLI ALTRI".
Quindi come nel film "La strategia della lumaca", l'unione fa la forza. Uniti e collaborando tutti verso lo stesso fine: "Si può riuscire a ... fare".
Vi aspettiamo ... entropici e sintropici, lasciatevi catturare e fatevi trasportare nel magnifico viaggio interattivo insieme a noi.



Barbara Riccardi, Docente 143° CD "Spinaceto" - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Locandina Musis Locandina Musis
brochure brochure
sito di Paolo Antonelli sito di Paolo Antonelli
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional