Torna nella homepage
 
Almanacco inverno  
Oggi è il giorno: 20 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Le figurine'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Le figurine
Un problema in classe.
di Cosentino Enza - Organizzazione Scolastica
Venerdì mattina entro in classe, saluto e chiedo se tutto va bene. Alla risposta affermativa iniziamo a lavorare.
E' una classe prima elementare, perciò siamo alla conoscenza delle consonanti e sillabe, devo dire che il libro adottato è interessante e coinvolgente perché la suddetta conoscenza avviene attraverso una storia con vari personaggi.
Dopo un po' mi accorgo che un bambino sotto il banco sta giocando con le figurine dei calciatori. Lo invito a riporle nello zaino. A questo proposito è doverosa una premessa: noi permettiamo l'uso dei giochi portati da casa, ma solo durante il tempo della ricreazione ed è regola rimetterli nello zaino.
Questo bambino per ben due volte riprende le figurine per giocare, alla terza volta gliele tolgo dicendogli che le avrei restituite il lunedì.
Il bambino scoppia in un pianto dirotto!
Panico, che fare? Il suo pianto esagerato mi ha fatto pensare: "questo bambino straniero forse ha solo questi giochi?"
Allora penso che sia giusto interrompere quello che stavamo facendo e affrontare con gli altri bambini l'accaduto.
Ascolto tutti i loro pareri che sono concordi con il mio intervento.
Dice una bambina "R. non ha rispettato la regola per due volte".
Un altro bambino dice "Non piangere R.,tanto lunedì te le ridà."
Pur avendo parlato con tutti i bambini non sono serena, però mi sono detta: "se avessi restituito le carte gli altri bambini cosa avrebbero pensato? Basta un pianto per non rispettare le regole?"

Finalmente arriva il lunedì e la prima cosa che faccio - ve lo confesso- è restituire le carte a R. che mi elargisce un sorriso grandissimo che mi rincuora.
E' difficile mantenere una determinata posizione senza temere di sbagliare, senza avere dubbi sulla bontà e necessità del nostro intervento, in particolare con quei bambini che forse vivono una realtà molto diversa rispetto agli altri. Ma i bambini osservano i nostri comportamenti e giudicano ciò che facciamo e, sebbene siano piccoli, misurano le nostre azioni in termini di giustizia-ingiustizia. Non possiamo "deluderli" o disorientarli ... nemmeno quando il pianto si fa dirotto!!
Enza Cosentino, Docente I.C. via Perazzi,46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional