Torna nella homepage
 
Numero: 3 -Febbraio 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 23 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Maestra facciamo i laboratori?... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 5 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
Maestra facciamo i laboratori? Laboratori?...No grazie (seconda parte)
oggi studiamo.....in ludoteca
di Tiberti Stefania - Didattica Laboratoriale >>> Percorsi laboratoriali
Per riprendere il discorso iniziato nello scorso numero, i laboratori nella nostra scuola "Angeli della città" sono una realtà consolidata per noi insegnanti, ma lo sono soprattutto per i bambini.
Da tempo mi sono interrogata sul perché piacciano tanto ai nostri alunni. Esattamente dalla prima volta che ho sentito: "...che bello, oggi ci sono i laboratori..." ho voluto poi perseverare nella mia ricerca, perché rimanevo allibita ogni volta e pensavo "come fanno ad essere entusiasti di questo modo di lavorare, con dei compagni nuovi e delle maestre diverse da quelle di classe?"
Poi ho capito una cosa: ero solo io, in quanto adulta (e forse anche qualche altra collega!), a trovare faticoso uscire dalla mia classe per radunare un insieme di bambini non solo della mia classe ma anche di altre classi , farli poi diventare un gruppo, in qualche modo coeso, anche se solo per due o tre ore alla settimana. Ancora una volta "io trovavo faticoso" lasciare i compiti da correggere, la lezione nuova da spiegare per andare a fare altro; attività che di volta in volta andavo a stabilire. Per chiarire meglio, non mi sentivo adeguata perché "fare lezione" per me (trattare le discipline per intenderci!!!) era solo all'interno della classe, con i soli bambini che mi erano stati assegnati, pur utilizzando mille strategie nuove.
I bambini invece hanno capito subito che quella era una modalità che poteva funzionare perché per loro era importante lo stare bene a scuola, non importava tanto la classe, i compagni; il lavoro proposto nei piccoli gruppi era più facile da capire, certi meccanismi e certe competenze tornavano utili tante volte e, come ormai ripeto spesso, tornano utili anche in altri contesti diversi dalla scuola.
Ormai mi piace sentire: "...questo lo abbiamo fatto anche al laboratorio...".
Ovviamente far funzionare tutto questo non è stato immediatamente facile, e chi lavora da tanto in questa scuola lo sa bene soprattutto perché tante sono state le difficoltà incontrate per imparare a coordinarci, tra noi insegnanti, nei tempi e negli spazi, aprire cinque o sei classi contemporaneamente o addirittura un intero plesso sembra impossibile eppure è stato così e per la mia esperienza, ogni anno si è cercato di migliorare i punti forza e di limitare le difficoltà .
Proprio su questo noi insegnanti delle classi seconde e terze, impegnate anche nei laboratori, ci siamo maggiormente confrontate chiedendoci che cosa vogliamo dare agli alunni nel programmare, insieme alle attività d'aula, i nostri laboratori di fiaba, manipolazione, ludoteca, informatica e psicomotricità. Ormai per me è il terzo anno di esperienza sulla metodologia laboratoriale e devo confessare che ricordo bene la prima volta che mi hanno detto: ..."tu condurrai il laboratorio di ludoteca.." Un po' mi sono preoccupata e la prima cosa che ho pensato è stata: quale utilità posso far trarre da questo laboratorio? Questi bambini già faticano tanto a seguirmi, facciamoli pure giocare!
Invece era proprio questo un grande punto di forza.
La ludoteca è il luogo privilegiato per lo sviluppo delle capacità comunicative degli alunni: qui i bambini vengono educati alle regole del gioco di gruppo ed individuale; inoltre è un ambiente significativo per gli insegnanti perchè proprio nell'ambito del gioco hanno la possibilità di conoscere i propri alunni nei momenti di massima spontaneità, per poterne cogliere in tal modo capacità, predisposizioni, difficoltà.
E' vero, quest'anno sono al terzo anno di esperienza con la metodologia laboratoriale e sono anche - forse lo dico con un po' di orgoglio - molto soddisfatta di come stiamo lavorando. Ad una di noi è venuto in mente di trattare un argomento unico in tutti i laboratori, "I viaggi di Giovannino Perdigiorno". Abbiamo scelto cinque storie da leggere che rappresentano cinque viaggi del nostro personaggio, dove Giovannino incontra diverse tipologie fantastiche di uomini, e poiché ogni sei incontri i gruppi cambiano laboratorio, ogni gruppo lavora con una storia differente e, a fine anno, tutti si troveranno ad aver fatto l'esperienza delle diverse storie, avendo sperimentato attività diverse ma complementari nei cinque laboratori

Stefania Tiberti Docente 196° Circolo Didattico Via Perazzi - Roma

In allegato
La scheda progettuale
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
allegato scheda progettuale allegato scheda progettuale
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional