Torna nella homepage
 
Numero: 8-aprile 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 20 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Matematica o Scienze'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 6 In diretta dalla Segreteria
Pagina Oltre a noi... 7 Oltre a noi...
Pagina Long Life Learning 8 Long Life Learning

Ricerca avanzata >>>
Matematica o Scienze
Riflessioni sulla didattica a conclusione di un progetto
di Mugione Mariella - Didattica Laboratoriale
Il lavoro presentato al Museo Didattico di cui vi ho già parlato nell'articolo precedente (rivista di marzo) è il frutto di un percorso lungo e articolato (progetto presentato nella rivista di dicembre) durato tutto l'anno scolastico, con il mio gruppo classe e durante l'esperienza laboratoriale con due colleghe non dello stesso ambito disciplinare.

E' un lavoro svolto essenzialmente all'aperto, dove gli strumenti didattici innovativi, non più il libro sotto il braccio, ma la matita, la rotella metrica, il metro, fogli per appunti, fogli A4, carta millimetrata hanno riempito gli spazi laboratorio e la nostra aula.

Ora a plastico ultimato, a planimetria quasi completata con il foglio lucido acetato che si sovrappone ed evidenzia i cambiamenti che tutti gli alunni della scuola hanno suggerito attraverso un questionario, il mio grillo parlante chiede:
il programma di scienze, o quello di geometria, a che punto è? Quali le competenze raggiunte e in quale ambito si evidenziano di più i risultati, sempre se questi sono oggi visibili e quantificabili?

Il progetto -avendo come obiettivo specifico di riprodurre e studiare lo spazio esterno così come si presenta a noi ogni giorno per poi evidenziarne le criticità e progettare la realizzazione- ha permesso di intrecciare le varie materie , geometria, scienze, storia e geografia, con un legame tanto stretto da non poterne individuare il confine tra l'una e l'altra.
La misurazione viene effettuata allo scopo di riprodurre uno spazio geografico e le piante vengono studiate anche in base allo spazio che occupano e allo spazio di cui hanno bisogno. Quindi rimane difficile stabilire quali gli obiettivi disciplinari raggiunti e quali ancora da affrontare.
E non solo, rimane la domanda: ho dato più spazio alla geometria, piuttosto che allo studio della vegetazione o ancora mi sono soffermata per dovere di precisione sullo studio della posizione nello spazio di una pianta piuttosto che alla forma delle foglie, all
'età dell'albero e quant'altro. Oppure ricorderanno ora come si calcola l'area di un quadrato, di un rettangolo o di un triangolo?

Le positività del progetto sono da ritrovare proprio in queste incertezze, in quanto i gruppi che si sono succeduti hanno senz'altro raggiunto capacità pratiche, gestionali ed organizzative: numero la pianta, la colloco nello spazio, ne calcolo lo spazio che occupa, riporto su carta le informazioni, le traduco in documentazione.
Alcuni aspetti, che non si possono chiamare negativi ma spunti di riflessione, riguardano la necessità che queste procedure per divenire metodo ed essere interiorizzate, dovrebbero essere replicate in più campi d'esperienza, con diverse realizzazioni, dovrebbero divenire metodo di ogni disciplina e non di un solo progetto. Sappiamo che le classi IV e V affrontano l'argomento delle misurazioni, equivalenze ecc.. noi abbiamo misurato l'altezza degli alberi, con metodo empirico, l'area della chioma dell'albero, suddiviso in tanti triangoli o rettangoli lo spazio esterno per calcolare l'area totale, abbiamo trovato punti di riferimento fissi per misurare e collocare le piante già precedentemente numerate nella loro esatta posizione e poi riportato tutto ridotto in scala su carta millimetrata.

Abbiamo cercato di usare metodo e rigore scientifico in ogni azione didattica tale da produrre o riprodurre la realtà quasi esattamente. Certo non siamo riusciti a fare il rilievo vegetale di tutte le piante, ma lo abbiamo percorso, attraversato e vissuto con consapevolezza, abbiamo fotografato tutti i difetti, ricercato le positività da mantenere o da sfruttare meglio.
Abbiamo documentato il percorso in un prodotto power point e in un libro cartaceo oltre ovviamente al nostro plastico.
Io qui vi riporto la mia esperienza e i lavori eseguiti.

Mariella Mugione Docente 196° Circolo didattico Via Perazzi 46 - Roma

In allegato:
Il percorso raccontato in power point
Scheda di rilevamento vegetale
Elaborazione dei dati rilevati
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Scheda di rilevamento vegetale Scheda di rilevamento vegetale
Elaborazione dei dati rilevati Elaborazione dei dati rilevati
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional