Torna nella homepage
 
n.10 febbraio 2011
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:24 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Noi un trolley di esperienze'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Oltre a noi... 6 Oltre a noi...
Pagina Scuola & Tecnologia 10 Scuola & Tecnologia
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
e-book novità e-book novità
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Noi un trolley di esperienze
Indagine sugli alunni con disabilià nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non
di Riccardi Barbara - Integrazione Scolastica

Si può far finta, si può camuffare fino ad un certo punto ... perché ad un tratto i geni dei nostri procreatori genitoriali/familiari, prima o poi emergono in superficie, escono in avanscoperta e ti ritrovi a somigliare a loro, vuoi o non vuoi.
Non c'è nulla da fare: caratteri, usi, modi, modalità, interessi e passioni, entrano nell'apparato venoso/respiratorio, contaminando, imprimendo le loro tracce nel nostro essere.
Il suono delle pagine di un libro/quotidiano/rivista che viene sfogliato, l'odore della carta stampata, le dita macchiate d'inchiostro di stampa fresca, l'impugnatura di penne e matite, il concentrarsi sul prendere appunti per trarne spunti di scrittura, archiviare il tutto, perché: "non si sa mai, un giorno tornerà utile"; tutto questo scorre dentro di te.

Respirare in casa giorno dopo giorno, il ritmato/sistemico modo di vivere il "quotidiano" di genitori cartacei, impregnato di gesti e modalità che ti ronzano, ti bombardano come le lame rotanti di Goldrake, portando i tuoi sensi a tramutarsi nel "trolly" che farà parte di te, un essere che: adora tutto ciò che è lettura, tutto ciò che ruota intorno allo scrivere e che soprattutto ti porta ad adorare e calamitare la tua attenzione verso tutte quelle persone curiose, che girano con taccuino e penna, che entrano in libreria facendo man bassa di ogni tipo di libro, che prendono i fatidici appunti ovunque, curiose e attente scopritrici di letture ammiccanti di ogni genere.

Che dire poi dei rituali, come il primo gesto verso il mondo dopo il buongiorno ... la tappa all'edicola per l'acquisto del quotidiano e quant'altro possa incuriosire, per poi passare al bar e con tutta tranquillità gustare il maritozzo con la panna, mentre scorri assorto, nella lettura attenta, ogni articolo. Non ci si può far nulla, non ci si può esimere/esentare. Ora capisco meglio il significato dei campiscuola di giornalismo in Svizzera durante le media dalle suore salesiane di Via Appia Nuova, dove all'epoca passava davanti il tram 405 ed il suo passaggio era marcato da frenate stridenti e le sue rotaie percorrevano e sovrastavano le radici maestose dei pini (maestose perché vicino al cinema Maestoso ...), così che per non cadere e non farsi arrotare per raggiungere il portone di scuola, dovevi mettere un piede dopo l'altro con cura e massima attenzione.

Fammi sapere cosa bevi e mangi a colazione
ed io posso veramente sapere chi sei tu!
L'eleganza del riccio Muriel Barbery

Ora capisco il sacrificio pagato, e oggi ricompensato nel subire il freddo, l'umido e il grigio del cielo nell'ultima settimana di vacanze ad agosto passata in quei posti a studiare (onestamente giornate fatte anche di escursioni, giochi, chitarre e canzoni nelle pause). Comprendo solo ora il vero significato della rinuncia al sole e al mare, preferiti senza ombra di dubbio alla montagna. Ora posso dire ha un senso aver collaborato durante la scuola, con la rivista "Primavera" fatta dagli studenti. Avevo riposto nel cassetto queste esperienze, che oggi damblè riemergono utili e necessarie come la coperta di Linus nei momenti di "incertezza".
Ora capisco l'importanza e il senso di aver frequentato il corso di dattilografia, un conto usare due dita "tic tac", un altro saperle adoperare tutte e dieci, digitando alla stessa velocità dei pensieri. Tutto ha un senso, tutto torna utile, come le varie esperienze educative/lavorative nel corso degli anni.
E proprio lo scrivere ha contraddistinto il mio prossimo capitolo della saga dell'arte dell'incontro.

Con l'arrivo del anno nuovo vengo a scoprire che la mia vicina di casa è Ufficio stampa Istat: "Posso resistere a tutto tranne alle tentazioni" Oscar Wilde.
Avete presente le tabelle riassuntive di dati e di percentuali dei sondaggi di ogni tipo e natura che per esempio passano nel programma di Ballarò che Floris ne fa grande sfoggio? Ecco è lei l'artefice.
Ciarlando del più e del meno di problematiche che ultimamente ci accomunano purtroppo, lo scambio di interessi è stato immediato, inoltre ... opplà come un coniglio che sbuca per incanto dal cilindro del mago, la figlia lavora per Rai Educational.
E' come il richiamo della jungla, è qualcosa che prescinde e ti attrae verso chi ha le stesse "modalità da manuale".
Sbirciando sul loro sito ha calamitato la mia attenzione ed interesse, una loro ricerca:

"Indagine sugli alunni con disabilià nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali". Si mettono in risalto risorse, attività e strumenti utilizzati dai singoli C.D. per favorire l'inserimento scolastico degli alunni con disabilità negli anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010.
L'indagine è stata svolta tra il 20 aprile e il 22 maggio del 2009 e tra il 26 aprile e il 30 maggio del 2010. Il tasso di risposta per l'indagine relativa all'anno scolastico 2008/2009 è stato del 77%, con 20.426 scuole che hanno compilato il questionario. Il tasso di risposta per l'indagine dell'anno successivo è stato dell'89%, con 23.451 scuole che hanno partecipato all'indagine.
Nella scuola dell'obbligo, negli ultimi 20 anni, si è assistito a una crescita progressiva della presenza di alunni con disabilità. Nell'anno scolastico 2009/2010 sono poco più di 130 mila; di questi, circa 73 mila sono studenti della scuola primaria e circa 59 mila della scuola secondaria di I grado.
Dall'emanazione della Lg. 577/77 che ha dato avvio al processo di integrazione dei ragazzi con disabilità nelle scuole pubbliche, si può affermare che i risultati conseguiti mostrano in Italia livelli elevati di inserimento.
Di importanza "primaria" diventa così il processo di integrazione scolastica attraverso lo sviluppo delle competenze dell'alunno negli apprendimenti, nella comunicazione e nella relazione nonché nella socializzazione, obiettivi raggiungibili attraverso la collaborazione ed una pianificazione di tutti gli interventi.
Per quanto riguarda il processo d'apprendimento, le figure professionali di riferimento sono quelle del docente curriculare insieme al docente di sostegno, a cui si affianca, per lo sviluppo didattico/formativo, l'assistente educativo culturale (AEC).
Per rispondere alle differenti esigenze informative dei soggetti interessati alle politiche sulla disabilità ed ai relativi dati sul sito, l'Istat offre la possibilità di consultare dati e indicatori tramite lo spazio "La disabilità in cifre", un sistema di dati che permette di ottenere informazioni che non sono già contenuti nel sistema di indicatori "preconfezionati", promosso dal Ministero della Solidarietà Sociale. Inoltre, è in corso di studio l'elaborazione di un piano operativo che permetterà di poter aggiornare le informazioni statistiche e di poter integrare i dati in base a ricerche effettuate a livello locale.
Interessanti su questo argomento anche le "Linee guida per l'integrazione scolastica degli alunni con disabilità" dell'Avv. Salvatore Nocera. Ricordate l'Avv. S. Nocera ospite da noi al 143° C.D. "Spinaceto" l'anno scorso in occasione dell'inaugurazione del Cineforum "Ciak si gira" con la proiezione del film "Rosso come il cielo" di Cristiano Bortone 2007.

Per vedere il Trailer del firm, clicca qui

Sulla spalla destra di questa pagina il link al sito del film

A riguardo l'Avv. S. Nocera: "Il Ministero dell'Istruzione ha emanato nei primi giorni di Agosto 2009 un documento importante non tanto per i contenuti che non apportano novità alla copiosa normativa vigente ma si concretizza in "direttive" per migliorare la qualità dell'inclusione scolastica. Significativa è la Premessa che, nell'accennare alla struttura del testo, insiste molto sul valore dell'integrazione come frutto dello scambio relazionale fra alunni con disabilità e compagni e sull'importanza del senso pedagogico di questo rapporto che si realizza in classe. La progettualità didattica orientata all'inclusione comporta l'adozione di strategie e metodologie favorenti, quali l'apprendimento cooperativo, il lavoro di gruppo e/o a coppie, il tutoring, l'apprendimento per scoperta, la suddivisione del tempo in tempi, l'utilizzo di mediatori didattici, di attrezzature e ausili informatici, di software e sussidi specifici. Si insiste sulla necessità che i docenti curricolari si aggiornino sulle nuove tecnologie in modo da poter realizzare interventi didattici nelle proprie discipline, anche quando non sia presente il docente per il sostegno. Si insiste ancora sul coinvolgimento di tutti i docenti nella presa in carico del processo di insegnamento-apprendimento e sulla valutazione degli alunni con disabilità loro affidati".
Dall'angolatura di docente, con la mia piccola esperienza, ho constatato l'importanza dell'integrazione scolastica degli alunni con disabilità, come punto di forza nel sistema educativo/didattico, sia a livello sociale, che per ogni singola realtà scolastica.
Una scuola accogliente per tutti gli alunni, a prescindere dalle diversità funzionali di ognuno, è il passo verso una società giusta, dove si possono realizzare esperienze di crescita, di scambio e di accrescimento.
La progettualità, la valorizzazione delle professionalità, le risorse offerte dal territorio, la comunicazione/scambio, famiglie/scuola e la costruzione di piani di lavori consoni alle possibilità e capacità, nella piena autonomia scolastica a seconda della realtà in cui sono calate le singole situazioni, sono gli strumenti per ottenere, agevolare ed attuare tale obiettivo comune nella società di oggi.
- La richesse est dans nos différence. Paul Valery
- La richesse est dans nos différence. Gruppo di lavoro francese Afnor Mission handicap


Dal sito dell'ISTAT L'integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali. Scarica il documento integrale da "file allegati"
Disabilità in cifre. Sito dell'ISTAT

Trailer del film "il Riccio"
Dedicato a chi ha l'eleganza del riccio: "Madame Michel ha l'eleganza del riccio: fuori è protetta da aculei, una vera e propria fortezza, ma ho il sospetto che dentro sia semplice e raffinata come i ricci, animaletti fintamente indolenti, risolutamente solitari e terribilmente eleganti."

Barbara Riccardi, Docente CD 143° Spinaceto - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
L'integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali L'integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali
Sito Rossocomeilcielo Sito Rossocomeilcielo
Disabilità in cifre. Sito ISTAT Disabilità in cifre. Sito ISTAT
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional