Torna nella homepage
 
Numero: 5 -Aprile 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 19 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Oca chi...legge!'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Oca chi...legge!
Come trasformare un vecchio gioco conosciutissimo in un'occasione per leggere.
di Pecci Debora - Didattica Laboratoriale >>> Percorsi laboratoriali
Chi non conosce il gioco dell'Oca? E' senza dubbio uno dei giochi più diffusi e anche il più semplice. Ma cosa succederebbe se lo ambientassimo in biblioteca?
Immaginate un percorso gigante che si distende in biblioteca e nei locali vicini: ogni casella è composta da un cartoncino bristol colorato formato 50x70 cm. In ognuna, oltre ad avere le classiche "FERMO UN GIRO", "LA PRIGIONE", "TORNA INDIETRO DUE CASELLE", il mitico "IL POZZO", ecc., collocate sopra un libro.
Con quaranta caselle a disposizione, quelle del gioco dell'Oca, tolte quelle classiche di cui ho parlato prima (ma ne potete aggiungere altre, magari anche con prove di abilità), avrete un gran numero di caselle vuote sulle quali potrete mettere libri di diverso genere che avrete scelto tra quelli che leggono con più piacere i bambini.
Su questi testi preparerete delle domande che potranno spaziare tra il contenuto della storia e informazioni sull'autore o l'illustratore; potrete chiedergli anche altri titoli correlati agli stessi autori. Con i libri di poesia potreste fargli finire un verso in rima baciate, la più semplice. Potreste fargli drammatizzare una scena del racconto di un libro, descrivere il carattere di uno dei personaggi, ecc.

Questo gioco nel nostro istituto è diventato un appuntamento fisso: guai se non si organizza!
I bambini, di tutte le classi, si dividono in squadre di età mista e tutti devono rispondere a turno alle domande. Per far partecipare tutti, si metteranno dei libri di fiabe lungo il percorso in modo che anche i più piccoli, che sono alle prime letture, possono rispondere alle domande. Allo stesso modo possono essere coinvolti gli alunni diversamente abili: è certamente tutto nelle mani di chi conduce il gioco, in quanto dovrà capire che tipo di domanda fare su quel libro, a seconda di quale bambino dovrà rispondere e dovrà anche tenere il gioco su ritmi alti, per non far annoiare chi sta aspettando il turno.
Comunque, la squadra può e deve aiutare il proprio componente che in quel momento è il portavoce.
Si preparerà un dado gigante utilizzando uno scatolone che, chiuso, diventi un vero dado (io chiedo sempre aiuto al personale della mensa che me lo mette da parte): collocate sulle sue facce dei cerchi di carta bianca e il dado è fatto.
Cosa si vince? Dipende dalle "finanze": possono essere libri per i componenti della squadra vincitrice o caramelle per tutti e magari una bella torta al cioccolato per i vincitori.

Usare la biblioteca anche per giocare è senza dubbio un modo accattivante per avvicinare i bambini ai libri e questo gioco è anche l'occasione per concludere in modo divertente un anno scolastico in cui si sono incontrati personaggi fantastici, eroi, si è imparato a sognare e riflettere con storie e "amici di carta" a cui spesso ci si affeziona perché sono un po' come noi o forse come vorremmo essere.

Debora Pecci, 196° Circolo Didattico Via Perazzi 46 Roma

In allegato:
Scheda Progettuale
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Scheda Progettuale Scheda Progettuale
sito del Gioco dell'Oca sito del Gioco dell'Oca
Vai alla Photogallery Vai alla photogallery
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional