Numero: 2 -Gennaio 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci Web
Oggi è il giorno: 25 Aprile 2014

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Permessi retribuiti'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Attività Laboratoriali Attività Laboratoriali
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Attività Laboratoriali 4 Attività Laboratoriali
Pagina In diretta dalla Segreteria 5 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
Permessi retribuiti
Ho bisogno di assentarmi dal servizio, non per motivi di salute, come e cosa posso fare?
di La Farciola Fiorella - In diretta dalla Segreteria
Prendendo spunto da questa domanda (posta soprattutto dai docenti) a cui spesso mi trovo a rispondere, ho ritenuto opportuno dare alcune informazioni riguardo le diverse tipologie di assenza, quindi continuiamo il nostro cammino ... con i PERMESSI RETRIBUITI.

Personale con contratto a tempo indeterminato (Art. 15 del CCNL 2003)

1) Il dipendente della scuola con contratto di lavoro a tempo indeterminato, ha diritto sulla base di idonea documentazione anche autocertificata, a permessi retribuiti per i seguenti casi:
♦ partecipazione a concorsi od esami: 8 giorni complessivi per anno scolastico, ivi compresi
quelli eventualmente richiesti per il viaggio;
♦ lutti per perdita del coniuge, di parenti entro il secondo grado, di soggetto componente la famiglia anagrafica o comunque convivente e di affini di primo grado: 3 giorni per evento, anche non continuativi;

I permessi sono erogati a domanda, da presentarsi al dirigente scolastico da parte del personale docente ed ATA.

2) Il dipendente, inoltre, ha diritto, a domanda, nell'anno scolastico, a tre giorni di permesso retribuito per motivi personali o familiari documentati anche mediante autocertificazione. Per gli stessi motivi con le stesse modalità, sono fruiti i sei giorni di ferie durante i periodi di attività didattica di cui all'art. 13, comma 9, prescindendo dalle condizioni previste in tale norma.

3) Il dipendente ha, altresì, diritto ad un permesso retribuito di quindici giorni consecutivi in occasione del matrimonio, con decorrenza indicata dal dipendente medesimo ma comunque fruibili da una settimana prima a due mesi successivi al matrimonio stesso.

I permessi dei commi 1, 2, 3, possono essere fruiti cumulativamente nel corso di ciascun anno scolastico, sono utili a tutti gli effetti, tranne che a superamento prova, ai compensi per attività aggiuntive e le indennità di direzione.
Durante i predetti periodi al dipendente spetta l'intera retribuzione.

Personale con contratto di lavoro a tempo determinato (Art. 19 del CCNL2003)

1) Al personale assunto con contratto a tempo determinato per l'intero anno scolastico o fino a termine delle attività didattiche, sono concessi permessi retribuiti nei seguenti casi:
♦ lutti per perdita del coniuge, di parenti entro il secondo grado, o affini di primo grado o componente la famiglia anagrafica: 3 giorni per evento, anche non continuativi;
♦ per matrimonio: 15 giorni consecutivi entro i limiti di durata del rapporto.
Detti periodi sono utili per la maturazione dell'anzianità a tutti gli effetti.

Al personale suindicato sono concessi permessi non retribuiti per:
♦ partecipazione a concorsi od esami: 8 giorni complessivi ad anno scolastico, compresi quelli richiesti per il viaggio;
♦ motivi personali o familiari, documentati anche mediante autocertificazione: 6 giorni.

I periodi di assenza senza assegni interrompono la maturazione dell'anzianità di servizio a tutti gli effetti.
Permessi brevi (Art. 16 del CCNL 2003)

Compatibilmente con le esigenze di servizio, al dipendente con contratto a tempo indeterminato e al personale con contratto a tempo determinato, sono attribuiti, per esigenze personali e a domanda, permessi brevi di durata non superiore alla metà dell'orario giornaliero individuale di servizio (per i docenti max. 2 ore).
Limite annuo:per il personale ATA non possono eccedere 36 ore; per il personale Docente il limite corrisponde al rispettivo orario settimanale di insegnamento.

Il dipendente è tenuto a recuperare le ore non lavorate in una o più soluzioni in relazione alle esigenze di servizio, entro i due mesi lavorativi successivi a quello della fruizione del permesso.

Il recupero da parte del personale docente avverrà prioritariamente con riferimento alle supplenze o allo svolgimento di interventi didattici integrativi, con precedenza nella classe dove avrebbe dovuto prestare servizio il docente in permesso.

Fiorella La Farciola Assistente Amministrativo 196° Circolo Didattico Via Perazzi - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional