Torna nella homepage
 
n 8 dicembre 2010
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:16 Novembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Pillole operative antistatiche... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Oltre a noi... 6 Oltre a noi...

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Pillole operative antistatiche
Per una scuola in movimento
di Di Clemente Simona - Didattica Laboratoriale
Offrire una possibilità di movimento ovvero ricercare l'agito e la presenza, all'interno dello spazio-scuola, apre a nuove opportunità e attiva rigenerante creatività in tutti i protagonisti dell'azione educativa. Essere attivi comporta un continuo mettersi alla prova, il verificare gli effetti ottenuti o da ottenersi, ricerca un costante 'essere in presenza' che coinvolge, valorizza e accresce ciascuno.

Propongo di centrare il raggio d'azione del fare scuola su tre assi portanti dell'agire didattico: comunicazione, esperienza e identità.

E-book di Simona Di Clemente
E-book di Simona Di Clemente
Nella pratica quotidiana è bene utilizzare una comunicazione rafforzativa mediata da messaggi sul piano della relazione che siano funzionali al conferimento di motivazione, senso di fiducia e riduzione delle difese. I segnali non-verbali: ogni gesto, postura, movimento o mutamento di espressione intervengono in modo considerevole all'interno della dinamica educativa e, al pari di ogni messaggio verbale, definiscono gli esiti del processo formativo.
Adottando semplici tecniche, orientate all'assunzione di un atteggiamento sereno, utilizzando il codice prossemico nello spazio-classe: l'insegnante può rinviare segnali rafforzativi all'apprendimento cognitivo.
Un elevato valore semantico che attraversa ogni passo che compie l'educatore attento e che lo porta, ad esempio, ad allontanandosi dalla cattedra, a muoversi tra i banchi per destrutturare la netta tradizionale diversità dei ruoli.
Abbracciare appieno un controllo completo di ciò che accade in classe, conferendo un contatto oculare diffuso che non dimentica nessuno e sostiene l'allievo anche nella critica per mezzo di un linguaggio corporeo appropriato.
A tal fine è utile assumere un atteggiamento attento nell'espressione di giudizi e consigli, ad esempio, appoggiando una mano sulla spalla del bambino, rinviamo segnali di comprensione e consapevolezza dell'utilità dell'incontro con l'errore.
Per questo vi chiedo di verificare il grande vantaggio che tale approccio favorisce e di cui si può beneficiare per mezzo di un'educazione calibrata sull'universalità dei significati che esprime ogni nostro essere in presenza (la quale definisce una moltitudine di significati che gli allievi riescono a cogliere a livello subconscio).
Siamo infatti profondamente consapevoli di quanto errati segnali sul piano della comunicazione analogica comportino, nella maggior parte dei casi, una inibizione completa o parziale dell'apprendimento cognitivo. Come una nebbia psicologica capace di inghiottire anche il nostro apporto verbale o la spiegazione del concetto.

Strutturando un buon clima di scambio e nella consapevolezza della bellezza della formazione di un'identità individuale e di gruppo, è bene proporre percorsi attivi e preventivi incentrati sul corpo, per permettere anzitutto all'allievo di sentire se stesso mediante opportuni momenti laboratoriali. Il training autogeno guidato è uno strumento molto utile per prendere coscienza del proprio sé, esercizi in cui l'insegnante chiede agli alunni d'interpretare posture svariate come sentirsi enormi occupando con il proprio corpo tutto lo spazio a disposizione o farsi piccoli piccoli accartocciandosi e ritraendo a sé i diversi segmenti.
Percepire gli elementi costitutivi della propria struttura corporea per mezzo di giochi in cui viene chiesto all'alunno di indicarle su sé e sull'altro (magari un compagno a propria scelta) le diverse parti e osservare il proprio schema corporeo (tracciando ad esempio la propria sagoma in un lavoro a coppie) sono momenti propriocettivi ed eterocettivi importanti.
Muoversi su diversi piani spaziali (verticale ed orizzontale) ed assumere in essi posizioni differenti è il primo approccio per riconoscere e familiarizzare con se stessi e con l'altro da sé, incluso l'ambiente.
Attività ludiche che incentivano la fiducia reciproca, ove si viene incoraggiati a lasciarsi andare all' indietro, sicuri di essere sostenuti dall'altro e momenti dedicati al circle time sui sentimenti e sulla loro drammatizzazione, sono obiettivi primari da perseguire nell'accoglienza a scuola.

Quando poi si andranno a programmare gli obiettivi da perseguire (all'interno delle svariate discipline in riferimento alle diverse classi) è vantaggioso cercare, inventare, proporre un percorso che si avvale dell'esperienza.
Trarrete grande vantaggio nel permettere agli alunni di contare avanzando di passo in passo o compiendo salti di due in due per fissare i numeri della tabellina e per ricordare la relativa numerazione; il salire e lo scendere per procedere e retrocedere nella ripetizione dei numeri; il tornare indietro e l'avanzare per sottrarre e addizionare.
Dividete su cartoncini colorati le parole in lettere e le frasi in parole per giocare con il linguaggio scritto.
Provate a scrivere una fiaba, una favola o una storia e addirittura un libro organizzando in unità i diversi pezzetti scritti da ciascun bambino. Arrivate fino ad inventare una poesia partendo da parole chiave pescate dalla scatola magica dipinta insieme ai bambini della vostra classe, ove quotidianamente possono essere custoditi i vocaboli più cari, che più avvertiamo vicini al nostro modo di sentire e di sentirci giorno in giorno.
Sproniamo i nostri bambini a pensare, a scrivere idee e ad organizzarle per logiche di causa ed effetto con un occhio di riguardo alle loro sensazioni, sentimenti, emozioni. Rendiamoli pronti a dare una risposta reale nella realtà, mostrando loro la strada regia per mezzo della quale possono incidere in modo concreto, vagliando le possibili soluzioni per raggiungere conclusioni partecipate.

In ogni sapere da tramandare bisogna rintracciare un aspetto operativo che metta l'alunno in condizione di constatare sempre, di sentirsi supportato, aiutato a poter fare da solo, a proporre un'idea, a cercare la risoluzione dei quesiti che si celano dietro ogni scoperta.

In ogni momento del fare scuola noi siamo con loro e, se pienamente consapevoli del significato che rinvia il nostro intervento, esalteremo l'importanza della presenza di ciascuno di loro. Quale modello che inevitabilmente lascia un segno del suo passaggio, quale guida importante nel periodo più bello da ricordare, la nostra consapevolezza personale concorre pienamente alla formazione identitaria di ogni singolo alunno. L'uomo di domani, per poter e saper agire con certezza nell'avvenire, ha un indubbio bisogno di beneficiare di un'educazione orientata a percepirsi ed esprimersi per sapere e saper fare. Come possiamo giungere a questo obiettivo se releghiamo a minima istanza le possibilità di movimento? Dimenticando un'esperire diretto e pienamente partecipato?

Sono sicura che la risposta è dentro ognuno di noi, ciascuno con il proprio bagaglio esperienziale potrà giungere ad una considerazione sentita nel ricordo di quella luce che illumina gli occhi dell'infanzia.

Simona Di Clemente, Docente di sostegno I.C. V.le Adriatico e CD Giulio Cesare - Roma

L'autrice ha pubblicato l'e-book "Mano-Piede-Testa-Cuore. Imparare a crescere in movimento" Sysform Editore, dicembre 2010
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional