Torna nella homepage
 
n.34 giugno 2013
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:20 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Prima il DOVERE o prima il PIA... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Scuola & Tecnologia 2 Scuola & Tecnologia
Pagina Orizzonte scuola 3 Orizzonte scuola
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Dalla redazione 5 Dalla redazione

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Prima il DOVERE o prima il PIACERE?
L'importante è che il secondo non manchi!
di Rosci Manuela - Dedicato a te
Molto spesso dalle pagine di questa rivista abbiamo segnalato libri, ebook, film, mostre, per condividere qualcosa che ci ha interessato, che ci è piaciuto. Il taglio, quasi sempre, è stato di carattere culturale, di arricchimento professionale e personale.
Questa volta voglio segnalarvi "un luogo" in cui il piacere è certamente prevalente al dovere (forse del tutto assente!!).

Recentemente abbiamo trascorso un weekend sulle colline toscane, esattamente vicino a Castiglion Fibocchi (12km da Arezzo), presso l'agriturismo "Antico podere Il prato".
Come si sa, il piacere a volte richiede un precedente sforzo, un impegno e anche in questa occasione si è presentata la necessità di "impegnarci" nel raggiungere la meta: circa 10' di strada un po' sdrucciolevole, in salita, sempre di più, in un percorso che lascia alle spalle le comodità cittadine per addentrarci in una vegetazione che si fa sempre più fitta, con il "guado" di un piccolo torrente. Lo sguardo fisso sulla strada (per la verità un po' strettina, ma siamo in collina, con la sensazione di stare in montagna, che vogliamo!!), la curiosità e anche un po' di preoccupazione (ma sarà la strada giusta?) finché non arriviamo.
L'ingresso all'agriturismo, a dir la verità, è ostruito da un camion che porta il cambio della biancheria (pensiero: e se lo avessimo incontrato lungo la strada?) ma il conducente arriva subito e lascia libero l'accesso. Parcheggiamo. Due cavalli ci vengono incontro, apparentemente perché sono dentro un recinto. Siamo completamente isolati dall'abitato. Assaporiamo la quiete, sono le 18 di venerdì pomeriggio, il sole è ancora alto e il cielo è terso. Apparentemente non c'è nessuno in giro.

Ci avviamo verso l'ingresso: due gradini e poi altri, tra due casali in pietra, ci guidano e arriviamo su un'ampia terrazza naturale che si affaccia su tutta la valle. E' bellissimo!
Una ragazza ci viene incontro e sbrigate le pratiche dell'accoglienza ci accompagna nella stanza.
A dir la verità, questo weekend ci è stato regalato da un gruppo di cari amici e la proposta del depliant era suggestiva, tanto che quando ho chiamato per fissare la data (ci sono voluti quasi tre mesi per poter prenotare la vacanza, sempre tutto pieno!), mi sono sincerata che fosse proprio come detto sulla pubblicità del coupon.

La porta d'ingresso rigorosamente in legno scuro. Apriamo ed entriamo. Mi guardo intorno e ... è proprio vero: un enorme letto rotondo occupa un lato della stanza, di fronte il caminetto (spento, ovviamente, visto che il caldo è arrivato!), di fronte si apre un vano in cui è interrata una bellissima vasca in pietra lavica, a cui si accede scendendo con un comodo gradino (che in un secondo momento si coprirà d'acqua), con un grandissimo soffione della doccia e sull'altra parete due fessure (si scoprirà poi essere due cascatelle d'acqua, in alternativa al soffione centrale). Anche il bagno - che di solito è anonimo- qui è arredato con stile, comprese le maioliche rosse sulle tre pareti, la quarta invece è ricoperta di tessere che formano un delizioso mosaico moderno, colorato.
Ma voi avete mai dormito in un letto rotondo? E fatto il bagno/doccia "scendendo" i gradini, in una vasca interrata nel pavimento? Io no e come sempre, quando ci si trova di fronte alle novità .... bisogna provarle!

Decidiamo però di posticipare il piacere del nuovo per fare ancora un giro perlustrativo all'esterno. Un grande gazebo di legno, con lettini e sedie per prendere il sole e godere della magnifica vista, sono a disposizione dei clienti. Per ora siamo i soli ma, come ci annuncia la ragazza che ci ha accolto, per la sera tutte le otto stanze saranno occupate. Entriamo nella piccola sala del ristorante (scopriamo che il nostro regalo comprende anche la cena con quattro portate, e si sa che anche il buon cibo procura piacere!). Continuiamo il giro intorno ai casali, sono veramente ben ristrutturati, un piccolo appartamento gode anche di una bella terrazza sempre con vista sulla valle. Ci sono alberi di ciliegie e non possiamo che approfittarne.
Finalmente mi sembra venuta "l'ora giusta" per sperimentare la vasca interrata e mentre ci prepariamo per il bagno, faccio scorrere l'acqua e lentamente (la ragazza lo aveva anticipato) lo spazio interrato si riempie mentre gioco a chiudere il soffione per far scendere l'acqua dalle cascatelle: seduti sotto, sembra di fare un idromassaggio naturale!

Non mi dilungo oltre se non per dirvi che vale veramente la pena provare: il letto, la vasca interrata, il cibo (certo i vegetariani dovrebbero avvertire perché, si sa, in toscana, si mangiano affettati -come la finocchiona, davvero speciale-, carni, ragù e del buon Chianti).
luca, il giovane proprietario è premuroso con i suoi clienti e non manca certo il tempo di raccontarci come è nata questa sua avventura (seppur con qualche disavventura), lui giovane architetto milanese (ora è chiaro lo stile) trapiantato dal 2008) in territorio toscano.

Che dire poi della posizione geografica: la mattina dopo ci siamo diretti nella zona del Chianti che si raggiunge in 30' circa e abbiamo fatto una bellissima passeggiata tra i borghi, come Gaiole in Chianti, per arrivare anche alle cantine del Castello di Castagnoli dove si può acquistare dell'ottimo vino anche sfuso. Il ritorno pomeridiano all'agriturismo ha permesso di ripetere il piacere del bagno, della tavola e del dormire "in tondo".
La mattina dopo una tappa "obbligata" ad Arezzo e poi a Cortona (deliziosa!) per tornare lentamente a Roma, dopo una tappa riposante sulle sponde del lago Trasimeno.

Grazie agli amici che ci hanno regalato questa vacanza, veramente "azzeccata". A voi tutti il consiglio di provarla. Fatevi un regalo (qui, od ovunque voi vogliate fare una "pausa" ristoratrice).
Certo meglio sarebbe ... farsela regalare!!!

Buon "piacere" a tutti

Manuela Rosci

Agriturismo: Antico Podere Il Prato
http://www.agriturismoilprato.it/it/Home.aspx
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Agriturismo Agriturismo "Il Prato"
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional