Torna nella homepage
 
Numero: 9- maggio 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 20 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Quando il game boy .... viene ... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Oltre a noi... 5 Oltre a noi...
Pagina In diretta dalla Segreteria 7 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
Quando il game boy .... viene scoperto a pranzo!
La collaborazione tra scuola e famiglia.
di Cosentino Enza - Organizzazione Scolastica
L'altro giorno eravamo nel refettorio della scuola per il pranzo e alzando lo sguardo vedo un bambino che sotto il tavolo giocava con il suo game boy.
Mi avvicino gli tolgo il gioco, dicendo che non era il momento del gioco ma quello del pranzo, lui accetta il rimprovero senza replicare.
E' doverosa una premessa: noi insegnanti sin dalla classe prima abbiamo permesso agli alunni di portare a scuola i giochi ma andavano usati solo nel tempo giusto.
Infatti l'alunno ha accettato il rimprovero e il sequestro del gioco, che gli avrei consegnato il giorno dopo.

All'uscita racconto l'episodio ai genitori che ascoltano, annuiscono e il padre mi chiede di consegnare a lui l'indomani il gioco.
Il giorno dopo chiedo al bambino cosa gli avessero detto i genitori e lui mi risponde che gli hanno chiesto se altri bambini avessero a tavola un gioco.
Il bambino ha risposto di sì, ma lui non avrebbe fatto la spia.
Mi sono congratulata con lui perché, pur essendo nel torto, non voleva coinvolgere altri compagni.
Il messaggio che ho mandato al bambino era di non giocare a tavola perché non era né il luogo, né il momento ed inoltre era una regola trasmessa sin dai primi giorni di scuola.
Il messaggio del padre forse era "sei stato poco furbo perché ti sei fatto scoprire".

Questo è un piccolissimo episodio, ma forse c'insegna qualcosa.
Nella vita scolastica al centro c'è sempre il bambino, da un lato la famiglia e dall'altro gli insegnanti e questi ultimi soggetti devono agire sempre in sintonia per non creare confusione e disorientamento nel bambino.

La collaborazione è uno dei pilastri su cui si basa l'andamento scolastico.

Enza Cosentino Docente 196°Circolo didattico Via Perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional