Torna nella homepage
 
Numero: 6-febbraio 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 15 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Quanto è difficile valutare!'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 6 In diretta dalla Segreteria
Pagina Oltre a noi... 7 Oltre a noi...

Ricerca avanzata >>>
Quanto è difficile valutare!
Il documento di valutazione "incontra" i genitori
di Padula Maria Cristina - Organizzazione Scolastica
Care colleghe, quante volte vi è capitato di trovarvi a disagio nel compilare il documento di valutazione relativo ad un bambino che non ha raggiunto, dal punto di vista del rendimento, la sufficienza?
A me è capitato spesso.
Mi è accaduto anche durante l'anno scolastico in corso, senza qui segnalare le ulteriori difficoltà legate all'adozione della nuova tipologia di valutazione del rendimento, espressa in decimi.
La situazione che si è presentata è stata resa ulteriormente complicata dall'atteggiamento dei genitori del bambino in questione, atteggiamento non collaborativo, anzi oppositivo nei confronti della scuola ritenuta unica responsabile delle difficoltà incontrate dal proprio figlio; ed ancora, dal fatto che il bambino ha spesso ricevuto dalla famiglia messaggi educativi del tutto contrastanti con quelli da noi proposti.

La scuola è, sicuramente, un'istituzione che persegue finalità formative ed educative partecipando, a pieno titolo, al processo di crescita di ogni singolo bambino e ne è, quindi, in parte direttamente responsabile, ma non in modo esclusivo. Se si dovesse però dare ragione ad un pensiero diffuso, che rispecchia anche quello dei genitori del nostro caso, la scuola dovrebbe "da sola" farsi carico esclusivamente della formazione dei bambini, attribuendosi un ruolo che in realtà le appartiene parzialmente.
Tornando a considerare il caso specifico nella sua totalità e di fronte al fatto che il bambino in questione non ha, ad oggi, conseguito risultati sufficienti dal punto di vista del rendimento, prima della consegna delle schede mi sono chiesta come poter affrontare al meglio la problematica cercando di non creare ragioni di contrasto con la famiglia.
Decisivo è stato il confronto con Manuela Rosci: grazie al suo suggerimento abbiamo adottato la decisione che si è rivelata, alla fine, risolutiva. In perfetta sintonia con i colleghi del team, abbiamo deciso di valutare l'alunno in modo realistico e rispondente ai risultati ottenuti, però con una accortezza in più, quella di convocare i genitori per un colloquio individuale, prima della consegna della scheda.
Il colloquio è stato finalizzato allo scopo di comunicare e spiegare loro ciò che avrebbero letto sulla scheda, ma soprattutto a confermare da parte nostra l'interesse ad aiutare il bambino a risolvere i suoi problemi. Abbiamo quindi cercato di individuare delle strategie comuni che comportassero il coinvolgimento del nucleo familiare, cercando di evitare contraddizioni nelle modalità di relazione educativa e di riconoscere il ruolo primario dei genitori nell'educazione del bambino.
I genitori hanno "abbassato l'ascia di guerra" e hanno colto perfettamente lo scopo del colloquio dichiarando la loro intenzione a collaborare.

Questo risultato, del tutto inaspettato se confrontato con gli atteggiamenti precedenti, mi ha confermato che questi genitori, nel caso specifico, avevano semplicemente necessità di essere ascoltati ed aiutati a comprendere e a risolvere il disagio del proprio figlio. Ovviamente il documento di valutazione è stato spiegato anche al bambino, il quale ha accettato la valutazione fatta, dimostrando di aver apprezzato il nostro interessamento. Nei giorni successivi il colloquio, infatti, l'alunno ha mostrato maggiore motivazione ed interesse per le attività proposte in classe.
In questo caso possiamo dire di aver risposto pienamente alle esigenze dei nostri interlocutori e all'esigenza di concretizzare il patto educativo tra scuola e famiglia.. Si può concludere dicendo che la scelta legata al coinvolgimento della famiglia nella vita scolastica del figlio -utilizzando la scheda di valutazione come pretesto per affrontare le difficoltà nel caso specifico- potrebbe anche essere adottata nella risoluzione di casi simili.

M. Cristina Padula Docente (incaricata annuale) 196° circolo didattico Via Perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional